Turisti non per caso

Progetto realizzato nell’ambito del Youth in Action Programme – Action 4.4: Projects encouraging innovation and quality.
E’ promosso da AIPD e realizzato con la partnership delle associazioni:

  • Společnost rodičů a přátel dětí s Downovým syndromem (Down CZ), Repubblica Ceca;
  • Equal Partners Foundation (EPF), Malta;
  • Az Értelmi Fogyatékosok Fejlődését Szolgáló Magyar DOWN Alapítvány (Down HU), Ungheria.

Il progetto rientra nei seguenti obiettivi generali del programma Gioventù:

  • Promozione della cittadinanza attiva e in particolare di quella europea. Per la stragrande maggioranza dei giovani con sindrome di Down l’Europa è un concetto astratto; questo progetto mira ad incrementare la consapevolezza di “appartenere all’Europa”, attraverso la promozione di azioni concrete, quali l’acquisizione e la diffusione della conoscenza del patrimonio artistico e naturale del proprio e di altri Paesi.
  • Rafforzare la comprensione reciproca tra giovani di differenti Paesi. Collaborazione in presenza e a distanza tra giovani di differenti nazioni per la realizzazione di prodotti (le guide turistiche) utili a loro e ad altri.
  • Promuovere la cooperazione nel campo della gioventù.

“Turisti non per caso” prevede la realizzazione di guide turistiche ad alta comprensibilità delle città di Venezia, Praga, Budapest, La Valletta.

Le guide saranno scritte dai giovani partecipanti e testate dagli stessi e da un gruppo di stranieri, persone con disabilità intellettiva o di basso livello di scolarizzazione.

  • 6 giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva per ogni Paese (tot. 24) saranno direttamente coinvolti nella redazione delle guide;
  • 6 giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva per ogni Paese (tot. 24) testeranno le guide degli altri Paesi;
  • 36 giovani, tra stranieri, persone con disabilità intellettiva o di basso livello di scolarizzazione testeranno la guida del proprio Paese di residenza.

Il progetto prevede attività in sede, visite ed esplorazione delle proprie città e di quelle dei partner, ai fini della redazione e del testing delle guide.

I gruppi di redazione nazionali lavoreranno in coprogettazione alla stesura prima di un progetto di guida condiviso e poi alla sua realizzazione. Il testing nazionale avverrà attraverso il coinvolgimento di persone con altre tipologie di svantaggio. I gruppi di testing internazionali saranno di composizione transnazionale.

Le redazioni dei vari Paesi saranno in costante contatto tra loro via skype.
La disseminazione delle guide avverrà via web, ma sullo stesso sito verrà anche creato uno spazio di consigli ai viaggiatori, implementabile dai fruitori; una app gratuita permetterà di diffondere il prodotto ma anche di arricchirlo nel tempo con la partecipazione dei “nuovi turisti”.

Prima della fase operativa del progetto, si renderà necessario un approfondimento dei metodi pedagogici adottati da ciascuna organizzazione partner, in modo da giungere ad un indirizzo educativo quanto più possibile condiviso. Per questo è previsto un board meeting della durata di tre giorni che si svolgerà a Praga e che coinvolgerà 1 operatore per ciascuna associazione partner del progetto, al fine di confrontare le esperienze di lavoro coi giovani, definire le linee guida riguardanti il linguaggio ad alta comprensibilità da adottare per la redazione della guida turistica, impostare la progettazione operativa.

Le redazioni dei quattro paesi si incontreranno a Venezia nel mese di aprile 2013 per un lavoro di conoscenza reciproca e coprogettazione.
Le 4 redazioni continueranno ad incontrarsi mensilmente in videoconferenza per un confronto sul lavoro redazionale e successivamente per uno scambio sulle attività di testing.

In ogni Paese nello stesso mese verrà organizzato un evento di presentazione della guida dove gli stessi giovani redattori presenteranno il risultato del loro lavoro. L’evento sarà principalmente rivolto agli operatori dei media e del turismo per promuoverne l’utilizzo. Saranno invitati in qualità di “testimoni” tutti coloro che hanno partecipato nel Paese al testing nazionale.

Print Friendly