Think different think Europe

Think different think Europe! è un progetto finanziato dalla Direzione Generale per l’Educazione e la Cultura, della Commissione Europea, nell’ambito del programma “Europa per i cittadini” (Europe for Citizenship), azione 1 misura 2.2.
Il progetto si è avviato nel marzo 2013 e si è concluso nel febbraio 2014.

Nell’ambito del progetto si sono realizzati un incontro a Roma nel maggio 2013, cui hanno partecipato 70 persone con disabilità intellettiva appartenenti alle associazioni europee partner, sul tema dell’esercizio dei diritti civili e politici delle persone con disabilità intellettiva, e un incontro a Parigi nel novembre 2013 per un corso di formazione sull’euro-progettazione, condotto da personale AIPD, cui hanno partecipato membri delle associazioni partner.

In Europa vivono oltre 50 milioni di persone con disabilità. Un milione di queste sono persone con disabilità intellettiva.
Tutte le persone con disabilità dovrebbero avere l’opportunità di essere cittadini europei attivi e di esercitare i loro diritti.
Vi sono dei Paesi, ove alcuni diritti delle persone con disabilità non sono riconosciuti.
In altri, si tratta della maggioranza, le persone non esercitano i diritti loro riconosciuti per mancanza di:
– informazione, consapevolezza ed educazione delle stesse persone con disabilità intellettiva;
– consapevolezza dei loro familiari, amici, operatori di riferimento dei loro stessi diritti e capacità;
– interventi per facilitare l’esercizio dei diritti di cittadinanza da parte delle pubbliche istituzioni.

Obiettivo generale è quello di sostenere ed incoraggiare la collaborazione tra le associazioni facenti parte dell’ Associazione Europea Sindrome di Down (EDSA) sul tema della cittadinanza attiva delle persone con sindrome di Down.

Le azioni del progetto:
– Conferenza europea sul tema cittadinanza attiva delle persone con sindrome di Down di cui protagoniste sono le stesse persone con sindrome di Down, insieme ad operatori e volontari delle 10 organizzazioni partner del progetto;
– Corso di formazione sulla progettazione e la gestione di progetti finanziati dalla Commissione Europea, con particolare enfasi sul programma “Europa per i cittadini”, per il personale professionale e volontario;
– Diffusione e valorizzazione dei risultati, attraverso una campagna web di sensibilizzazione, realizzazione di una trasmissione radiofonica;
– Creazione di una rete per la realizzazione di futuri progetti e la diffusione di 1000 CD, con i materiali del progetto.

Tale progetto è stato promosso ed è coordinato dall’Associazione Italiana Persone Down, che si avvale della collaborazione di nove partner, provenienti da nove Paesi europei:

  • Down Syndrome Ireland (Irlanda);
  • Down Espana-Federacion espanola de sindrome de Down (Spagna);
  • European Down Syndrome Association (Belgio);
  • Deutsches Down-Syndrom InfoCenter (Germania);
  • Asociatia Langown Down Oltenia Centrul Educational Teodora (Romania);
  • Trisomie 21 France (Francia);
  • Asociacao Portuguesa de Portadores de Trissomia 21 (Portogallo);
  • Down Association Hungary (Ungheria);
  • Hrvatska Zajednica za Down sindrom (Croazia);
  •  Ukrainian Down Syndrome Organization (Ucraina);
  • Rytmus (Repubblica ceca).
Print Friendly