Il Mercato dei Saperi

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con la L.383/2000, lett. f, anno finanziario 2013.
Avviato il 7 luglio 2014.

Idea centrale è la creazione di occasioni di incontro tra giovani con sindrome di Down e persone anziane, per uno scambio intergenerazionale che produca percorsi e strumenti di conoscenza e crescita reciproca.
Si propone la sperimentazione di un modello di “Mercato dei saperi”, col presupposto che ognuno può offrire qualcosa di utile ad altri e tutti hanno bisogno di qualcosa. In tal senso sia anziani sia giovani con sindrome di Down possono offrire la propria disponibilità ad insegnare attività di vita quotidiana, trasmettere saperi (“Lista dei saperi o dei servizi da offrire”) e ricevere in cambio, nella logica del baratto, ciò che viene da loro stessi indicato nella “Lista dei desideri”.

Lo scambio potrà avvenire a livello locale, in modalità uno a uno ed in varie forme di interscambio in gruppi, presso domicili privati e sedi aperte al pubblico. Gli scambi non saranno solo bilaterali come nel baratto, ma multilaterali con la presenza di un mediatore. Potranno anche essere differiti nel tempo, ovvero si dà quando si può e si riceve quando si vuole.

Gli scambi si baseranno, quindi, sul sapere e sul saper fare, nei seguenti ambiti:
– cucina quotidiana e conserve, conservazione cibi, fare la spesa;
– pulizie in casa: dalla lavatrice alle macchie, l’uso dei detersivi;
– piccole manutenzioni: cambiare una lampadina, una presa, una spina; combattere gli insetti molesti; eliminare le ostruzioni di uno scarico o di un rubinetto; cambiare pezzi facili in bagno;
– le piante in casa e sul balcone;
– gli incidenti domestici e i rimedi casalinghi e popolari;
– il galateo e le buone maniere;
– i “lavoretti”: maglia, uncinetto, telaio, cestini;
– la cura della bellezza in casa (maschere e creme domestiche);
– la Storia;
– servizi svolti fuori casa (spesa, pagamento bollette);
– lettura del giornale;
– spiegazione di tecnologie semplici (canali tv, funzionamento del videolettore, …).

Gli obiettivi perseguiti

– Obiettivo generale
Promuovere la partecipazione attiva alla vita sociale di anziani e di giovani e adulti con sindrome di Down attraverso strategie innovative per l’apprendimento intergenerazionale non formale.

– Obiettivi specifici sui due target di riferimento
• Acquisizione/mantenimento da parte di giovani e adulti con sindrome di Down di abilità di autonomia personale e sociale attraverso lo scambio di servizi e competenze con anziani;
• Acquisizione da parte di persone anziane di servizi che possano sostenerle nello svolgimento di attività quotidiane e in una maggiore partecipazione sociale, attraverso lo scambio di servizi e competenze con persone con sindrome di Down.

– Obiettivi operativi della strategia scelta
– Realizzazione di un focus group intergenerazionale in cui saranno coinvolte 12 persone (6 giovani con sindrome di Down e 6 anziani);
– Realizzazione di un seminario formativo iniziale rivolto a 16 operatori locali delle sedi AIPD selezionate;
– Sperimentazione del modello del servizio del Mercato dei saperi, tramite l’avvio di sedi del Mercato dei saperi;
– Realizzazione di un sessione di formazione a distanza sul tema della comunicazione comprensibile;
– Realizzazione di un seminario finale di verifica e comunicazione esterna;
– Realizzazione di una intensa campagna di disseminazione;
– Elaborazione e rilascio degli strumenti validati nel corso della sperimentazione.

http://www.mercatodeisaperi.it/

Print Friendly