Scheda n.591.

Riparto dei fondi per l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione nelle scuole superiori (DPCM 21/12/2018)

  • Assistenti scolastici (AEC, Assistenza Specialistica)Trasporti

E' stato pubblicato il DPCM del 21/12/2018 relativo al riparto alle Regioni ordinarie dei fondi per l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione agli alunni con disabilità frequentanti le scuole secondarie di secondo grado e l'assistenza alla comunicazione per gli alunni con disabilità sensoriale in tutti gli ordini di scuola (l. n° 104/92 art. 13 comma 3 e D.Lgs n° 112/98, art. 139 comma 4, lett. c).

Trattasi di un fondo assegnato dallo Stato alle Regioni, che precedentemente veniva assegnato alle Province, ma che a seguito della sospensione delle competenze provinciali, in forza della l. n° 56/14 vengono assegnate alle Regioni che possono riassegnarle alle Province o ad altri enti locali.

Il fondo è assegnato solo alle Regioni a statuto ordinario, poiché quelle a statuto speciale già godono di particolari finanziamenti statali.

Il finanziamento, anche se ripartito a far data dall'inizio del 2019, legalmente è relativo al 2018. Infatti così stabiliva il comma 70 della l. n° 205/17 ma solo per l'anno 2018. Per il 2019 legalmente la legge di stabilità per il 2019 n° 145/18 al comma 561 ha stabilito che:

"L'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1, comma 70, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 [i 75 milioni di euro stanziati per il 2018 - NdR], è incrementata di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021."

Il termine "è incrementata" significa che ai 75 milioni di euro per il 2018 si devono aggiungere i 25 milioni di Euro per il 2019. Però nelle tabelle della "Seconda nota di variazioni al Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019" relative alla legge di stabilità per il 2019 (pagina 437,  capitolo "LB n. 205 del 2017 art. 1 c. 70 contributo alle regioni per fronteggiare le spese relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali") si legge solo la somma di 75 milioni di euro. Ciò significherebbe che sono stati confermati per il 2019 i 75 milioni di Euro previsti per il 2018, ma non è stato aggiunto l'incremento dei nuovi 25 milioni previsti dalla stessa legge di stabilità per il 2019.

Pertanto le associazioni si attendono una correzione alla tabella allegata alla legge di stabilità o un chiarimento che comunque renda effettivamente disponibile tale somma aggiuntiva.

E’ comunque importante osservare come nel DPCM del 21/12/2018 la ripartizione per il 2018 avvenga finalmente per l’80% in rapporto al numero degli studenti frequentanti e per il 20% in rapporto alla spesa storica praticata negli anni passati.  In precedenza la ripartizione era del 40% in rapporto alla spesa storica e del 60% in rapporto al numero degli studenti. L’attuale rapporto favorisce le regioni meridionali dove la spesa storica è più bassa rispetto alle regioni settentrionali ed è un equo modo di solidarietà istituzionale.

Come si nota dal preambolo del DPCM del 21/12/2018, la Conferenza Stato-Regioni non ha raggiunto l’intesa proprio per questo aspetto, ma il Governo poteva per legge ripartire lo stesso il fondo secondo le proprie nuove scelte politiche. Sarà da vedere cosa succederà se passerà la modifica costituzionale sull'attribuzione di una maggiore autonomia finanziaria ad alcune regioni del Nord.

Ovviamente adesso, sulla base delle iscrizioni che si sono concluse il 31 gennaio scorso, le singole scuole dovranno fare richiesta per l’assegnazione dei fondi che non riguardano solo l’assistenza ex art. 13 comma 3 della l. n° 104/92, ma riguardano anche il trasporto gratuito a scuola, dal momento che nelle leggi di riferimento si parla di "supporto organizzativo" all'inclusione scolastica (D.Lgs n° 112/98 citato).


Vedi schede:

n° 513.Finanziamenti per il “supporto organizzativo” all’inclusione nelle scuole secondarie di secondo grado (L. 208/15)

n° 502. Un piccolo contributo finanziario per il supporto organizzativo all’inclusione scolastica (DL 78/15 convertito in L. 125/15)

n° 442. Ribadito dal CdS l’obbligo delle province a fornire assistenti per l’autonomia e la comunicazione (CdS 3950/13 e 3953/13)


Pubblicato il 7/2/2019
Aggiornato il 30/5/2019

Salvatore Nocera

Osservatorio AIPD sull’inclusione scolastica
Via Fasana, 1/b
00195 Roma
Tel. e Fax: 06/3723909 - 06/37897596-9230-9306
Email: scuola@aipd.it