Scheda n.535.

Il TAR Toscana sdoppia una “classe pollaio” (Sent. 1367/16)

  • Diritto allo studio
  • Numero alunni per classe

Il TAR Toscana con sentenza n° 1367/16 ha annullato la composizione di una prima classe di un liceo in quanto costituita, in presenza di due alunni con disabilità, da 31 alunni.

Il TAR ha affermato il diritto pieno ed incondizionato degli alunni con disabilità a frequentare la scuola comune nel rispetto delle norme di legge che regolano il tetto massimo di alunni per classe.

Nella specie, in presenza di alunni con disabilità, la classe di norma non deve superare i 20 alunni, eccezionalmente i 22 (art. 4 e 5 comma 23 del DPR n° 81/09).

Afferma il TAR che la discrezionalità dell'Amministrazione Scolastica si deve arrestare di fronte al "nucleo indefettibile del diritto allo studio degli alunni con disabilità" (Sent. Corte Costituzionale n° 80/10), nel caso di specie costituito dal diritto ad uno studio da svolgersi in una classe con il rispetto del tetto massimo previsto dalle norme.

L'amministrazione scolastica è stata altresì condannata alla rifusione delle spese di € 3000.


OSSERVAZIONI

E' questa una sentenza molto importante, ancora più importante di quelle relative al numero delle ore di sostegno; infatti troppo spesso le famiglie ricorrono per ottenere il massimo delle ore di sostegno, proprio perchè i figli con disabilità sono collocati in classi numerosissime nelle quali i docenti curricolari non possono occuparsi adeguatamente anche dell'alunno con disabilità.

Le norme degli art. 4 e 5 comma 2 del DPR n° 81/09 sono troppo frequentemente disattese dai vari Uffici Scolastici Regionali ed è stato bene che il TAR l'abbia evidenziato.

Ci si augura che ricorsi di questo tipo si moltiplichino sempre più frequentemente, poichè queste sentenze, nel pretendere che l'Amministrazione rispetti le norme esistenti, ridurranno il numero dei ricorsi per ottenere sempre più ore di sostegno.


Vedi anche le schede:

n° 516. Il TAR Toscana fa rispettare il tetto massimo di 20 alunni nelle prime classi frequentate da alunni con disabilità (Ord. 109/16)
n° 484. Il TAR Sicilia vieta la formazione di “classi-pollaio” (2250/14)
n° 389. Illegittimità di classi “pollaio” per violazione delle norme sulla sicurezza e l’igiene dei posti di lavoro (TAR Molise sent. 144 e 145/2012)
n° 352. Il TAR Calabria annulla una classe superaffollata (sent. 759/11)
n° 346. Norme indirettamente riguardanti l’inclusione scolastica (CM 63/11)
n° 345. Dal TAR Puglia una sentenza epocale contro le classi superaffollate (783/11)
n° 312. Segnalazione sulla sicurezza nelle aule scolastiche
n° 237. TAR del Lazio: numero di alunni per classe; assistenti comunali e collaboratori scolastici per l’assistenza igienica


Pubblicato il 26/9/2016
Aggiornato il 26/9/2016Avvocato Salvatore Nocera
Responsabile dell'area Normativo-Giuridica dell'Osservatorio dell’AIPD sull’integrazione scolastica
Viale delle Milizie, 106
00192 Roma
06/3723909
06/3722510
Email:osservscuola.legale@aipd.it