Provvidenze economiche di invalidità civile 2018

L’INPS ha pubblicato la circolare n. 186, 21 dicembre 2017, “Rinnovo delle pensioni, delle prestazioni assistenziali e delle prestazioni di accompagnamento alla pensione per l’anno 2018”, contenente, tra gli altri, gli importi delle pensioni e delle indennità riconosciute agli invalidi civili (alla pag. 30 dell’allegato 2, nella Tabella M.3).

– Indennità di accompagnamento
per invalidi civili (minori e maggiorenni, 100% di invalidità e necessità di assistenza continua):
€ 516,35

– Pensione di invalidità
(maggiorenni, 100%):
€ 282,55. Il limite di reddito è fissato in € 16.664,36

– Assegno mensile
(maggiorenni, invalidità compresa tra il 74 e il 99%):
€ 282,55. Il limite di reddito è fissato in € 4.853,29

– Indennità di frequenza
(minori con difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni della propria età che frequentano nido, scuola e/o svolgono terapie continuative presso ASL o centri convenzionati):
€ 282,55. Il limite di reddito è fissato in € 4.853,29.

Gli importi per il 2018 resteranno indicati su questo sito in “Diritti”, nella pagina dedicata.

Calendari 2018

Con l’arrivo del nuovo anno arrivano anche i nuovi Calendari. In alcune sezioni AIPD sono stati realizzati, spesso grazie al coinvolgimento e alla collaborazione di aziende/enti/persone amici.
Sono già disponibili i Calendari 2018 di:

AIPD Caltanissetta
Calendario 2018, con la Real Maestranza

AIPD Catanzaro
Calendario 2018

AIPD Cosenza
Calendario 2018, con la squadra del Cosenza Calcio

AIPD Frosinone
Calendario 2018

AIPD Latina
Calendario 2018, la presentazione lo scorso ottobre, in collaborazione con la Prefettura di Latina, il Comando Artiglieria Contraerei dell’Esercito, il Centro Remiero della Marina Militare e la 4a Brigata Telecomunicazioni dell’Aeronautica Militare

AIPD Roma
Calendario Emozionabili, con il contributo di Melìa e Auchan Casalbertone, disponibile anche presso i supermercati Emmepiù

AIPD Teramo
Calendario 2018

AIPD Versilia
Calendario 2018, con protagonisti i personaggi del mondo dello sport, della musica e dello spettacolo

“Disability Card, per un’Italia ed un’Europa accessibile”

Il Parlamento e il Consiglio europeo, approvando nel dicembre 2013 il Regolamento n. 1381/2013, hanno istituito uno specifico Programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza” per il periodo 2014-2020.
La parte relativa alla promozione dei diritti delle persone con disabilità prevede la realizzazione della “UE Disability Card”, per la cui attuazione è stata investita la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), in partenariato con la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità).
Nei mesi scorsi la FISH ha condotto una rilevazione propedeutica al progetto, per tentare da un lato di descrivere i benefit più diffusi e i percorsi adottati per riconoscerli, dall’altro per iniziare, assieme a tutti i partner, a delineare il funzionamento e le opportunità della Card europea, le ricadute pratiche, le necessità operative.
È stato anche realizzato uno specifico sito (www.disabilitycard.it) che restituisce il quadro generale dell’avanzamento dei lavori.

Per condividere lo stato dei lavori e delle questioni emerse, FISH organizza l’evento “Disability Card, per un’Italia ed un’Europa accessibile”, previsto a Roma il prossimo 22 dicembre 2017 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri (ingresso Via Santa Maria in Via, 37) dalle ore 10 alle ore 14 circa.

Indagine internazionale sulle famiglie

EDSA, European Down Syndrome Association, ha ricevuto dalla dott.ssa Anna Lee, Università del North Carolina di Chapel Hill, la richiesta di promuovere una indagine che coinvolge le famiglie di persone con sindrome di Down.

Il sondaggio (in inglese) è rivolto a genitori di bambini-giovani di età compresa tra i 4 e i 21 anni.
Obiettivo dello studio è aiutare gli operatori sanitari e i ricercatori a comprendere in modo approfondito la qualità della vita dei bambini con sindrome di Down e delle loro famiglie.

Per partecipare occorre contattare la dott.ssa Anna Lee alla mail annalee@email.unc.edu che fornirà un link elettronico individuale per l’ indagine online che comprende il modulo di consenso l’accesso ai questionari; per la compilazione si prevede un tempo di circa 30-40 minuti; una volta completati, il link non sarà più attivo.

 

Secondo Programma di Azione sulla Disabilità

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 289 del 12/12/2017 il Decreto Presidente della Repubblica 12 dicembre 2017 “Adozione del secondo programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità

Comunicato stampa FISH
Il Programma di Azione sulla Disabilità finalmente è legge
“Questo è il punto di arrivo, ma ancor più il punto di partenza.” Così inizia il suo commento Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, a margine della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale di ieri del secondo Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità.
“L’adozione del Programma come decreto del Presidente della Repubblica e, finalmente, la formale pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è il punto finale di uno scrupoloso e appassionato lavoro dell’Osservatorio Nazionale sulla Disabilità. FISH e molti altri hanno partecipato attivamente alla elaborazione di questo documento che vuole rappresentare da un lato la confermata espressione di diritti umani e di cittadinanza, dall’altro essere un riferimento anche organizzativo per il cambiamento delle politiche e dei servizi in una logica inclusiva.”

Da qualche settimana è stato anche ricostituito lo stesso Osservatorio presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Come si combinano i due provvedimenti? “Anche in questo senso il Programma costituisce un nuovo punto di partenza per il Parlamento, il Governo, i Ministeri, le Regioni, i Comuni e vari altri attori istituzionali cui sono indicate specifiche linee di azioni concrete. – conclude Falabella – Ma è anche per noi una cartina di tornasole, uno strumento ulteriore per monitorare e stimolare l’avanzamento dell’applicazione del Programma e dei principi della Convenzione ONU. Lo faremo sia nell’Osservatorio che proseguendo la nostra quotidiana e incessante attività.”

Cittadinanza: per le persone con disabilità non è più richiesto il giuramento

La legge 91/1992 “Nuove norme sulla cittadinanza” prevede la concessione della cittadinanza italiana allo straniero, che (oltre a possedere i requisiti utili a tal fine) è tenuto a prestare giuramento di fedeltà alla Repubblica, osservandone la Costituzione e le leggi. Negli ultimi anni, in cui il numero delle persone con disabilità straniere nel nostro Paese è cresciuto, tale adempimento si è rivelato discriminatorio, in particolare nei confronti di coloro che presentano particolari difficoltà o addirittura impossibilità ad esprimere oralmente tale volontà.

Ricorderete la storia di Christian Ramos, il giovane con sindrome di Down di origine colombiana ma nato in Italia che, nel 2013, si era visto negare la cittadinanza (poi comunque riconosciuta, grazie ad una mobilitazione su più fronti) perché giudicato incapace di prestare il giuramento, necessario per completare l’iter burocratico e diventare italiano a tutti gli effetti (qui l’ultima delle notizie pubblicate su questo sito).

A distanza di alcuni anni da quella storia emblematica, finalmente, arriva una modifica legislativa, ad opera della sentenza della Corte Costituzionale n. 258/2017. La sentenza ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 10 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, nella parte in cui non prevede che sia esonerata dal giuramento la persona incapace di soddisfare tale adempimento in ragione di grave e accertata condizione di disabilità.

La sentenza è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Speciale – Corte Costituzionale n. 50 del 13/12/2017, e gli effetti decorrono dal giorno successivo, 14 dicembre 2017.

La Nazionale di basket di atleti con sindrome di Down premiata dal Ministro per lo sport

La Nazionale Italiana di Basket ieri ospite della Presidenza del Consiglio per un incontro con il ministro per lo Sport Luca Lotti e il presidente del CONI, Luca Pancalli. Tre atleti della squadra sono giovani dell’AIPD di Oristano: Fulvio Silesu, Antonello Spiga e Lorenzo Puliga, gli altri sono Alessandro Ciceri, Emanuele Venuti, Gianluca La Fornare, coach Giuliano Bufacchi, assistente Mauro Dessì. Il team si è laureato Campione europeo nei recenti DS International Championship (qui la notizia dedicata pubblicata su questo sito).

Dal sito del Ministero per lo Sport la dichiarazione del ministro Lotti: “Oggi abbiamo ricevuto una squadra di campioni azzurri: la Nazionale Italiana Basket sindrome di Down, che nello scorso ottobre si è aggiudicata l’oro agli Europei. È stata l’occasione per consegnare a questi atleti straordinari un riconoscimento da parte del Ministero per lo Sport, per fargli sapere quanto ci hanno reso orgogliosi di essere rappresentati da loro in campo internazionale”.

Seminario sull’inserimento al lavoro delle persone con sindrome di Down

Comunicato stampa AIPD
Il 13% degli adulti con sindrome di Down lavora, ma potrebbero essere di più. Dall’11 al 14 dicembre operatori di 30 città si confrontano sul tema a Roma.

5 dicembre 2017 – Nel 1992 la ricerca “Un posto per tutti” aveva raccolto in tutta Italia solo 22 storie di lavoratori con sindrome di Down (sdD). Oggi le persone conosciute dall’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) che lavorano sono il 13%.
La legge 68 del 1999 ha dato un riferimento normativo importante per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità, ma le persone con questa condizione che lavorano sono ancora poche, in parte per i pregiudizi che ancora frenano molti datori di lavoro, in parte per la scarsità dei servizi di accompagnamento necessari. Le esperienze però ci dicono che una persona con sdD correttamente inserita secondo il principio del collocamento mirato (la persona giusta al posto giusto) può esprimere una produttività tra il 60 e l’80%, un risultato importante e incoraggiante.
Per questo motivo negli ultimi anni l’AIPD ha cercato di avviare nelle sue 51 sedi Servizi di Inserimento lavorativo che possano preparare e accompagnare questi giovani e le loro famiglie, ma anche offrire consulenza alle aziende. Sono così cresciuti tirocini e inserimenti non solo al Nord Italia, ma anche a Centro e al Sud.
Le tappe fondamentali di questo percorso sono crescita dell’autonomia personale e sociale, imparare a lavorare, imparare un lavoro.
Grazie al sostegno economico del Gruppo LVMH si terrà a Roma dall’11 al 14 dicembre 2017, presso lo Scout Center di Largo dello Scoutismo 1, un seminario di formazione per gli operatori che si occupano di questo delicato tema. Al centro dei lavori aspetti legislativi e pedagogici, ma anche una migliore conoscenza del mondo del lavoro che permetta un’interazione efficace tra il mondo delle aziende e quello del sociale.
Dice Gloria, una lavoratrice con sdD “prendo la busta paga con l’accredito in banca, quando finisco i soldi, li prendo col Bancomat ….da quando lavoro la mia vita è cambiata in meglio..sono diventata una signora”.

Lavorare vuol dire acquisire un ruolo sociale, permettere a questi giovani di essere LAVORATORI con sdD. Non chiediamo ai datori di lavoro di essere più buoni, ma di essere più bravi, di lavorare insieme per permettere a questi giovani di offrire il loro contributo” dice Anna Contardi , coordinatrice nazionale AIPD “E il loro contributo non sarà solo un pavimento pulito o un piatto ben servito, ma luoghi di lavoro più piacevoli e attenti alla diversità di tutti”.

——

Il seminario sul tema dell’inserimento lavorativo è organizzato da AIPD nell’ambito dell’accordo siglato lo scorso giugno con LVMH.

Se ti fai un REGALO, ci fai un REGALO

In occasione del prossimo Natale, AIPD lancia una nuova campagna di reperimento fondi “Se ti fai un REGALO, ci fai un REGALO“, finalizzata al sostegno delle proprie attività e servizi.

Attraverso il sito “WORTH WEARING. 100% Buone Cause” è possibile infatti acquistare oggetti personalizzati con il logo AIPD e con disegni di generosi artisti (Sara Contardi, Sara Gironi Carnevale, Juice for Breakfast) che hanno aderito alla nostra causa con opere che riportano al tema del “sogno possibile“.
Per questa prima campagna sono stati scelti tre dei temi che più ci stanno a cuore: inclusione scolastica, amore, autonomia e diritto alla casa.
Gli oggetti disponibili sono magliette, tazze mug, taccuini, felpe e shopper, già nelle prossime ore ci saranno nuovi disegni e colori.

“La cura”

Domenica 3 dicembre 2017, Rai Tre ha messo in onda, nella trasmissione “I dieci comandamenti“, curata da Domenico Iannacone, la puntata “La cura”, nel corso della quale è stata raccontata la storia di Pierpaolo e della mamma. Pierpaolo è un uomo di 53, con la sindrome di Down, la mamma ha ormai più di 90 anni, è malata di Alzheimer, ed è Pierpaolo che si sta occupando della sua vita. Vivono a Campobasso, Pierpaolo frequenta il centro “Casanostra” dell’AIPD locale.
Una storia, raccontata con grande delicatezza che, come è scritto nel profilo Facebook della trasmissione, ribalta il concetto di protezione e cura, in cui i ruoli sono invertiti.
Chi avesse perso la puntata, può rivederla nel video qui sotto e su Rai Play

“Immacolati colori”

Dal 7 al 9 dicembre 2017 presso la Casa Parrocchiale del Giovane, a Romagnano (Massa), sarà possibile visitare la mostra “Immacolati Colori. Rinascere con lo spirito della passione“, dell’artista Carlo Claudio Rivieri, pittore e poeta con la sindrome di Down.

Carlo Claudio Rivieri è nato a Massa nel 1963, ha studiato all’Istituto Statale d’Arte Felice Palma e sta frequentando l’Accademia di Belle Arti di Carrara. Le sue opere sono già state esposte in altre mostre, ricevendo significativi riconoscimenti.

“Secondo il vento faremo le vele”

Comunicato stampa

1 dicembre 2017 – Secondo il vento faremo le vele: un corso e un’esperienza per prepararsi a vivere da adulti
Un vecchio proverbio marinaresco sottolinea la necessità di prepararsi per poi affrontare il mare, metafora della preparazione alla vita adulta. Per navigare bisogna saper alzare le vele e conoscere il vento.

Generosamente finanziato dalla “Stavros Niarchos Foundation” e avviato alla fine di aprile del 2016, il progetto “Secondo il vento faremo le vele” è giunto alla sua conclusione.

24 giovani con la sindrome di Down delle sedi AIPD di Oristano, Pisa e Potenza hanno partecipato alle attività, condividendo l’esperienza della navigazione a vela, metafora di un percorso di crescita nel quale il confronto quotidiano con i propri e altrui limiti e competenze è stato generatore di conoscenza, rispetto e tolleranza.

L’idea di fondo di questa esperienza è stata quella di estremizzare il contesto educativo fornendo al contempo l’elemento dell’avventura, del contatto e della relazione con le forze naturali del mare e del vento. Il corso di vela ha insegnato ai ragazzi a stare al timone, ma anche a condividere e rispettare gli spazi degli altri, a cucinare, a mantenere in ordine le proprie cose, a collaborare in una situazione estrema per tutti. La barca a vela è “generatore” naturale di conflitti; solo imparando a coordinarsi e rispettarsi, si possono superare le difficoltà interpersonali, la barca si muove e si può raggiungere la meta.

Per due anni dopo un corso di vela di 6 giorni, 3 equipaggi composti da 8 giovani con sindrome di Down, 2 educatori AIPD e 2 istruttori, con 3 imbarcazioni di altura hanno navigato in flotta per una settimana nel mar Tirreno. Il progetto si è sviluppato nelle tre sedi AIPD coinvolte grazie alla partnership con i Tetragonauti ONLUS per la sezione di Pisa, Veliamoci per la sezione di Oristano e il Circolo Velico Lucano per la sezione di Potenza.
Sia il corso sia le crociere nell’arcipelago toscano sono stati raccontati da tre mostre fotografiche che si sono tenute nelle città di provenienza dei partecipanti a Oristano presso il Caffe Letterario DriMCafè e a Potenza presso il locale “Assurd” , a Pisa presso il ristorante “I giardini del Colombre” e nello spazio espositivo Sms, in collaborazione con Cena in Bianco Unconventional Dinner Pisa.

“E stata dura, ma siamo soddisfatti – sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Persone Down Paolo Virgilio Grillo – i ragazzi con sdD hanno imparato a portare la barca, ma soprattutto ad “osare”, sono stati timonieri e marinai, hanno imparato ad essere protagonisti ma amche membri di una squadra. Il mare non è iperprotettivo, ci sfida e ci mette alla prova”.
Di “Secondo il Vento faremo le vele” esiste una pagina Facebook che ha raccontato, in un diario virtuale e condiviso, la preparazione dei ragazzi e le crociere in mare; le immagini e i commenti dei protagonisti che sono pubblicati ci dicono che l’obiettivo è stato raggiunto!
Un seminario finale ha presentato a Roma il 24 novembre i risultati del progetto e tutti i materiali predisposti e utilizzati per la formazione, oggi disponibili per gli interessati presso AIPD Nazionale.

La Stavros Niarchos Foudation è una delle principali organizzazioni filantropiche private internazionali leader a livello mondiale, che eroga sovvenzioni nei settori dell’ arte e della cultura, dell’ istruzione, della salute, dello sport e del welfare. Dal 1996, la Fondazione ha impegnato più di 2,4 miliardi di dollari, grazie a oltre 4.000 finanziamenti ad organizzazioni senza scopo di lucro in 115 nazioni in tutto il mondo. La Stavros Niarchos Foundation finanzia organizzazioni e progetti che mirano a raggiungere un impatto ampio, duraturo e positivo per la società nel suo complesso  e mostrano una leadership forte e una gestione sana. La Fondazione sostiene anche progetti che favoriscono la formazione di partenariati pubblico-privato come strumento efficace per il benessere della società.

QUI il comunicato stampa in inglese- English text of the press release

A teatro per sostenere l’AIPD

Proseguono le attività di reperimento fondi a favore dell’Associazione Italiana Persone Down, promosse grazie all’agenzia Media Ticket, che propone la vendita di biglietti per spettacoli teatrali in tutto il territorio nazionale.

Il prossimo appuntamento è per lo spettacolo “Donne in agitazione permanente” di M. Cresta, messo in scena dalla compagnia teatrale “Linea di confine”, che si terrà presso il Teatro San Leone Magno di Roma, il 16 e 17 dicembre 2017 alle ore 17.00 e alle ore 21.00.
Parte del ricavato andrà a sostenere le attività della sede nazionale e dell’AIPD Sezione di Roma.

Giornata Internazionale delle Persone con disabilità 2017

Il 3 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale per le Persone con Disabilità, istituita dall’ONU nel 1992 con la risoluzione n. 47/3. Inoltre, nel 1993, la Commissione Europea ha reso il 3 dicembre anche la Giornata Europea delle Persone con Disabilità, rendendola un appuntamento per tutti i cittadini europei.

QUI il comunicato stampa della FISH “3 dicembre e disabilità, una Giornata per impegnarsi negli anni”

Molti gli eventi organizzati in tutta Italia e nel mondo per la celebrazione della giornata, promossi dal mondo associativo e istituzionale.
Il tema scelto quest’anno dalle Nazioni Unite è: “Trasformazione verso una società sostenibile e resiliente per tutti”.

Presso la sede delle Nazioni Unite le celebrazioni iniziano il 1° dicembre 2017, con il messaggio del Segretario generale e lavori su diversi temi. Lunedì 4 dicembre si terrà anche la rappresentazione di Medea di Euripide presentata dal Teatro Patologico.

A Roma si è già tenuto il 29 novembre il convegno “Un lavoro per tutti“, organizzato da Superabile Inail; il 1° dicembre e il 2 dicembre in programma rispettivamente il convegno “Legge 112/16 – dalle parole ai fatti…” e la presentazione del progetto “Capacity: la legge è uguale per tutti”, organizzati da ANFFAS.
Lunedì 4 dicembre il Comune di Roma mette a disposizione il Teatro India per l’happening #unPalcoPerTutti.
La Fondazione Roma Sapienza e l’Area Offerta Formativa e Diritto allo Studio dell’Università La Sapienza hanno promosso per il 2 dicembre una tavola rotonda e la premiazione di tesi di laurea e di dottorato riguardanti il tema della disabilità.

A Milano sono previste fino al 3 dicembre le “Giornate della disabilità“, con eventi sportivi, concerti e teatrali, promossi dall’Assessorato alle Politiche Sociali.

Tantissimi altri gli eventi su tutto il territorio, organizzati dal mondo dell’associazionismo e delle istituzioni.