WDSD2017 – iniziativa AIPD “nontiscordardime”

wdsd17-barattolonontiscordardime

 

Il 21 marzo 2017 si celebra la XII Giornata Mondiale della Sindrome di Down, il tema lanciato quest’anno dalla Down Syndrome International (DSI) è #myvoicemycommunity e vuole sottolineare il protagonismo attivo delle persone con sindrome Down nella società. L’Associazione Italiana Persone Down aderisce alla campagna mondiale lanciando una raccolta fondi in tutta Italia:30 città dal nord al sud della penisola sarà presente dal 19 marzo con delle piccole lattine con terra e semi di “Nontiscordardimè” che saranno offerti per aiutare a ricordare che le persone con sindrome Down ci sono (in Italia sono più di 40mila) e possono avere un ruolo attivo nella comunità. La campagna di fundraising sarà destinata ai progetti che AIPD mette in campo da 40 anni per le persone con sindrome Down al fine di migliorare la loro qualità di vita in termini di inclusione scolastica, inserimento lavorativo e vita autonoma.

Il tema #myvoicemycommunity è molto caro all’Associazione Italiana Persone Down che nel 2016 ha realizzato l’ultimo importante progetto sul diritto di voto e sull’autorappresentazione delle persone con sindrome Down quali cittadini attivi della società. L’AIPD, che da diversi anni lavora sul tema dei diritti civili delle persone con sindrome Down ha infatti prodotto un docu-film “Diritto ai Diritti” che è stato proiettato in diverse città in tutta Italia e che ripercorre la preparazione e poi l’incontro di un gruppo di persone Down con dei parlamentari italiani.

La Giornata Mondiale della Sindrome Down, World Down Syndrome Day (WDSD) è un evento ufficialmente celebrato in tutti i paesi del mondo a partire dal 2006. Nel 2011 la Giornata è stata riconosciuta e proclamata ufficialmente anche dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il 21/03 è stato scelto per sottolineare l’unicità della triplicazione (trisomia) del cromosoma 21 che è la causa della sindrome di Down: il primo giorno di primavera è quindi diventato il giorno dedicato alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica globale su questa condizione genetica.