Salute e benessere al centro del progetto “Senza Frontiere” di AIPD Belluno

Salute e benessere al centro del progetto “Senza Frontiere” di AIPD Belluno

E’ iniziato a settembre e si concluderà nel giugno 2017 il progetto “Senza Frontiere” della sezione di Belluno dell’Associazione Italiana Person Down. Il progetto (finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell’art. 12, comma 3, lett f) della legge 383/2000 – Annualità 2015) , prevede la partecipazione di 15 maggiorenni con la sindrome Down, e ha come obiettivo quello di creare condizioni e un cambiamento di cultura attraverso iniziative che possano portare le persone con sindrome di Down a godere salute e benessere attraverso un uso corretto della alimentazione e della attività fisico sportiva.

“Senza Frontiere” ha avuto un primo step in ottobre con degli incontri di formazione ed informazione (tenuti da Vainer Lucchetta, fisioterapista ed esperto in Scienze Motorie, che ha illustrato ad un gruppo di genitori le linee guida essenziali su  “Sport, salute, benessere”, e dalla dott.ssa Annarita Gambalonga, nutrizionista specialista in scienze dell’alimentazione), rivolti sia alle persone con sindrome di Down che ai loro genitori e familiari e con  lo svolgimento di attività propedeutiche all’attività sportiva in palestra per coloro che partecipano al progetto.

Nel 2017 inizieranno invece le attività sportive che prevedono una “tre giorni invernale”, a gennaio, in Val di Zoldo, rinnovo di un classico appuntamento (in collaborazione con l’ASD Fondo ValZoldana) e in primavera con l’introduzione al nordic Walkling ed a escursioni guidate nei territori del Parco Dolomiti Bellunesi, con le guide della Cooperativa “Mazarol”.