Nuove disposizioni per la conciliazione vita-lavoro

Nuove disposizioni per la conciliazione vita-lavoro

E’ stato pubblicato il Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 80 “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183.” (Gazzetta Ufficiale n.144 del 24 giugno2015 – Supplemento Ordinario n. 34), le cui disposizioni sono in vigore dal 25 giugno e resteranno valide, in via sperimentale, solo per l’anno in corso.

Tra le novità segnaliamo quella di specifico interesse per i genitori di bambini riconosciuti con handicap in situazione di gravità (ai sensi del comma 3, art. 3 della legge 104/92).
L’art. 8 del decreto modifica l’art. 33 del decreto legislativo n. 151/2001 e dispone l’estensione del periodo entro il quale è possibile fruire del prolungamento del congedo parentale: il limite di età del figlio passa da 8 anni a 12 anni. Resta invece invariato il periodo di prolungamento del congedo che rimane fissato in tre anni (nei quali sono ricompresi i mesi di congedo parentale ordinario).

Anche il congedo parentale ordinario può essere utilizzato fino al dodicesimo anno di vita del bambino (art. 7) e potrà essere anche fruito in ore. Sarà pagato, entro il sesto anno di vita del bambino, al 30% dello stipendio.
INPS ha pubblicato in merito i messaggi  n. 4576/2015 e n. 4805/2015.