“Migrazione e disabilità: invisibili nell’emergenza”

“Migrazione e disabilità: invisibili nell’emergenza”

MIGRAZIONE E DISABILITÀ: INVISIBILI NELL’EMERGENZA
9 giugno 2015
Camera dei Deputati
Sala Salvadori – Via Uffici del Vicario, 21 – Roma

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA presso la Segreteria FISH (tel. 06.78851262, email: presidenza@fishonlus.it)

Essere migranti, essere persone con disabilità: il rischio di quella doppia discriminazione paventata dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità è un fenomeno evidente ma ancora insondato nella consistenza e nelle modalità in cui si concretizza.
Su questi aspetti la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha sviluppato una mirata azione di ricerca (“Migranti con disabilità: conoscere il fenomeno per tutelare i diritti”), in collaborazione con partner qualificati in particolare con le associazioni Villa Pallavicini e Nessun luogo è lontano. Ci si è posti l’obiettivo di indagare le condizioni di vita degli stranieri con disabilità in Italia, selezionando e organizzando le informazioni e i dati disponibili, analizzando la normativa nazionale di riferimento, raccogliendo le storie di vita delle persone con disabilità migrate nel nostro Paese o di seconda generazione. Ci si propone in questo modo di tracciare i contorni del fenomeno, metterne in luce dimensioni e caratteristiche, individuare le competenze e gli obblighi delle diverse istituzioni coinvolte, e infine fornire alle associazioni territoriali informazioni e indicazioni utili alla funzione di tutela e rappresentanza dei diritti.
I primi risultati della ricerca saranno presentati il prossimo 9 giugno, a Roma, presso la Sala Salvadori della Camera dei Deputati, nel Convegno “Migrazione e disabilità: invisibili nell’emergenza”.

Partner di progetto: Associazione Villa Pallavicini, Associazione Nessun luogo è lontano.

Hanno collaborato al progetto: FISH Calabria, FISH Lazio, FISH Umbria, Ledha, Coordinamento H – Sicilia, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), Cie Piemonte, Comune di Lamezia Terme, Formez PA, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR).

AIPD parteciperà al convegno con un intervento.