Scheda n.5.

Lavoro e interdizione


L’interdizione (Codice Civile, Tit. XII, art. 414 e seguenti) definisce una persona incapace di provvedere ai propri interessi e per questo viene legalmente rappresentata da un tutore.

Dal punto di vista normativo non esiste una limitazione all’assunzione di una persona interdetta, ma è molto difficile che un datore accetti la firma di un tutore su un contratto di lavoro.