Che vuol dire per me lavorare

Che vuol dire per me lavorare
Lelia Bellesini
(articolo pubblicato su “Sindrome Down Notizie” n. 2/2013)

lavoro-Lelia-Bellesini-ritoccata

Da quando ho cominciato a fare un tirocinio in questa scuola ho imparato tante cose che non sapevo fare e quindi ho 2 persone che mi stanno aiutando Caterina mi aiuta 2 giorni alla settimana il Lunedì e Venerdì invece Chiara un’altra tutor che mi aiuta il Martedì e Mercoledì e Giovedì con loro ho imparato tante cose che non sapevo, per esempio mettere i dati dei bambini presenze e pasti rispondere a citofono e essere molto rispettosa con i mie colleghi di lavoro.
Ho imparato ad usare i archivi, quando arrivo a Scuola metto giù i sediolini per i bambini, stare molto attenta quando devo mettere i dati e controllarli rispettare l’orario di Uscita ed entrata secondo me mi sento orgogliosa di quello che faccio si fatica… però amo quello che faccio mi capita di buffare di quello che mi dicono, però lo faccio con piacere, e lavoro i tutti giorni il Lunedì e Venerdì alle ore 8.30 e finisco alle 12.30.
Durante il lavoro mi hanno dato un permesso di Pausa alle 10.30 e poi si attacca a lavorare mi piace, sembra di stare a casa mia il mio mondo, ringrazio a tutti le persone che mi hanno aiutata per poter lavorare perché se non era per loro io stavo chiusa in prigione cioè a casa a noi armi invece grazie alloro sto lavorando sto facendo conoscenze con i segnanti dei bimbi, i bimbi sono i miei raggi del sole perché sono tutti stupendi e anche in segnanti e la cuoca che lavora in cucina, stare qui e un emozione la mia Astronave a preso il volo e mia portato fin qui e spero di aver portato sorrisi in questa scuola ho messo piede qui è non la toglierò mai i miei Anni senza fiato lo trovato qui insieme alloro…. e senza dirci addio in questo momento non serve… io sono qui… e non mi muoverò da qui stare senza di loro io non ci riesco starò per sempre e ci rimango devo la mia vita a queste persone che mi hanno aiutato.
Secondo me lavorare e una cosa favolosa perché ho tante responsabilità in segreteria cercare di mettere in ordine la stanza dove lavoro oppure ordino la bacheca dove si appiccicano le cose importanti sto imparando mandare i fax e le fotocopie, da quando sono entrata nel mondo di lavoro mi sembra che sto in sintonia con me stessa e con gli miei colleghi di lavoro e un stare insieme loro fanno insegnanti e io la segretaria e come sé a mo la vita e la voglia di fare… amo quello che faccio e quello che mi dicono di fare sto cercando di accettare la vita e la mia personalità. Non so cosa fare nell’ altra vita cioè la vita futura non so cosa diventare o una signora o famosa o di potere a voi la scelta anche se vorrei sbarcare un po’ i miei anni senza fiato non so dove andranno a finire la cosa che amo nella vita sono i miei genitori i unici che mi hanno dato tanto e che mi hanno dato fiducia in tutti questi anni grazie alloro che io sto qua a lavorare perché se non era per loro io ero ancora a casa.
Grazie di vero cuore a tutti che mi avete dato fiducia io non sono figlia unica perché ho 3 maschioni da seguire anche se li amoooooooooooooooooo dalla follia.
Siamo quasi alla fine del tirocinio e poi mi assumeranno non vedo l’ora che arrivi quel momento infatti mi dicono che sarà il 16 Maggio cioè dopo il mese di Aprile ringrazio le mie tutor che mi hanno aiutato a stabilirmi nel mondo di lavoro, un grazie a loro e colorò che mi hanno dato fiducia in tutti modi grazie a me e la mia volontà di fare le cose e farle per bene e con cura e la mia voglia di fare con entusiasmo e felicità e con tanti sorrisi e tanta gioia e un grazie anche alloro sostegno che mi hanno saputo darmi da allora e spero in futuro che mi daranno ancora di più quello che posso fare con loro solo le serate organizzate da loro e i soggiorni almeno imparo qualcosa nella vita.
Vi ho leccato le cose che vorrei imparare se io volessi tornare a fare attività vorrei imparare queste cose
1 pagare le bollette
2 le bollette del gas
3 le bollette della luce
4 le bollette del’ acqua
5 pagare una casa cioè il mutuo
6 e ministrare bene i miei soldi
Così posso dare il mio contributo con i pagamenti

LE MIE MANSIONI
(LE COSE CHE DEVO FARE A LAVORO)
– QUANDO ARRIVO DOPO AVER POSATO LE COSE FACCIO UN GIRO VELOCE PER SALUTARE
– DEVO SISTEMARE LE SEDIE NELL’ ANGOLO DEI GENITORI
– CHIEDO AD ANNALISA SE DEVO FARE, AIUTARE QUALCUNO
– CONTROLLO SE NELLE BACHECE CI SONO I FOGLI DELLE PRESENE DEL GIORNO PRIMA( SE NON CI SONO CHIEDO ALLE MAESTRE)
– INSERISCO LE PRESENZE E I PASTI NEL COMPUTER
– CONSERVO I FOGLI NELLA CARTELLA RENDICONTO GIORNALIERO
– ALLE ORE 10:45, SUBITO DOPO LA PAUSA, DEVO METTERE Giù DAI TAVOLI I SEDIOLONI DEI BAMBINI PICCOLI
– QUANDO SUONA IL CITOFONO DEVO ALZARMI E APRIRE LA PORTA (DOPO AVER APERTO MI DEVO RICORDARE DI PREMERE UN PUSANTE BIANCO) E AVVISARE LE MAESTRE CHE APRO
– QUANDO I BAMBINI HANNO FINITO DI MANGIARE PULISCO I TAVOLI E QUANDO SONO ASCIUTTI METTO SOPRA I TAVOLI I SEDIOLONI

IMPORTANTE. Le regole
– RISPETTARE L’ORARIO DI LAVORO
– ESSERE DISPONIBILE CON TUTTI
– RISPETTARE I MIEI COLLEGHI DI LAVORO
– NON POSSO USCIRE SENZA PERMESSO
– NON ALZARE LA VOCE CON NESSUNO
– DARE GROSSE IMPORTANZA AL LAVORO, CONCENTRARSI E DARE IL MEGLIO DI SE
– SE NON So FARE QUALCOSA CHEDERE ALLE COLLEGHE

IL MIO LAVORO
– ARRIVO ALLE 8. 30 E FINISCO ALLE 12. 30
– QUANDO ENTRO NELLE CLASSI DEVO METTERE I COPRI SCARPE VERDI
– CONTROLLARE SE C’è UN BAMBINO DIETRO ALLA PORTA DELLA CLASSE DEI BAMBINI PICCOLI
– FACCIO UNA PAUSA ALLE 10: 30 E DURA 15 MINUTI QUINDI RIENTRO ALLE 10:45 (POSSO STARE SULLA TERRAZZA DEL NIDO) NON POSSO ALLONTANARMI DAL NIDO
– PRIMA DI ENTRARE NELLE CLASSI DEVO CHIEDERE IL PERMESSO AD ANNALISA O ALLE MAESTRE