Scheda n.549.

Parere della Camera sullo schema di decreto delegato n° 378 sulla promozione dell’inclusione scolastica

  • Riforma della scuola

La Camera dei Deputati ha espresso negli scorsi giorni il parere relativo allo schema di decreto delegato n° 378 relativo alla promozione dell'inclusione scolastica.

Sono stati recepiti alcuni principi e livelli essenziali proposti dalla FISH, quali:

  • accomodamento ragionevole, previsto dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, secondo il quale i diritti di tali persone debbono essere realizzati superando tutte le difficoltà, anche tramite adeguamenti della normativa vigente;
  • promozione della partecipazione della famiglia e delle associazioni nel processo dell'inclusione scolastica;
  • corrispondenza del genere dell'alunno con quello del collaboratore o collaboratrice scolastica che debbono effettuare la sua assistenza igienica,
  • applicazione dell'art. 461 del D.Lgs n° 297/94 che prevede il divieto di spostamento dopo il ventesimo giorno dall'inizio dell'anno scolastico di un docente nominato; questa ultima norma è importante, poichè, se alla famiglia va bene il docente precario assegnato all'inizio dell'anno scolastico, in caso di suo spostamento si può appellare a tale norma; se non le va bene, non si appella e lascia che venga sostituito da altro supplente;

Sono state recepite le proposte della FISH e della FAND con riguardo:

a) alla composizione della commissione medica per l'accertamento della disabilità (certificazione l. 104/92) che è l'unica che provvede all'individuazione dell'alunno con disabilità con la presenza anche dei medici delle associazioni e di un pediatra e un neuropsichiatra o altro medico esperto della condizione di salute dell'alunno.

b) alla separazione tra commissione medica per l'accertamento della disabilità e unità di valutazione multidisciplinare dell'ASL che, unitamente alla famiglia e ad un docente dell'amministrazione scolastica, formula il Profilo di Funzionamento in base all'ICF con l'indicazione della tipologia delle risorse da richiedere. Sarà necessario che la FISH e la FAND insistano perchè nel testo definitivo (che il Governo dovrà emanare entro metà aprile per non far decadere la delega) venga esplicitato che il docente sia uno della scuola o della classe dell'alunno e non definito in maniera generale dall'amministrazione soclastica.

c) alla formulazione della richiesta quantitativa delle risorse (ore di sostegno) da parte del Dirigente Scolastico sulla base dei PEI dei singoli alunni.

d) all'allargamento del GIT anche ai rappresentanti degli Enti Locali per la richiesta delle risorse di loro competenza

e) alla migliore definizione del GLIR (Gruppo di Lavoro Interistituzionale Regionale) anche come collocazione nel testo complessivo del decreto;

 

ASPETTI PROBLEMATICI:
- nei primi articoli, quando si parla degli assistenti per l'autonomia e la comunicazione, si dice più volte "in coerenza con quanto previsto per i collaboratori scolastici", ciò crea confusione tra i ruoli delle due figure che invece debbono essere distinte secondo le competenze indicate per i collaboratori scolastici nel CCNL del 2005 (Assistenza di base e igienica agli alunni con disabilità);

- anche se è stato ripristinato il limite "di norma" a 20 alunni per le classi che accolgono alunni con disabilità, manca un tetto massimo oltre il quale non si può andare nemmeno eccezionalmente. Per evitare di legittimare la costituzione di "classi pollaio" occorre ripristinare anche il tetto insuperabile di 22 alunni come attualmente indicato dal DPR n° 81/09.

- permane ancora confusione tra PEI (che è la sintesi dei progetti di riabilitazione, di socializzazione e di scolarizzazione) e progetto didattico personalizzato che è redatto dal solo consiglio di classe sulla base del PEI;

- Nel GLIR e nel GIT sono previste le "associazioni maggiormente rappresentative", occorre invece precisare che siano quelle maggiormente rappresentative nel campo dell'inclusione scolastica, come espressamente è scritto nel D.M. n° 122/1994;

- viene ripristinato il GLHI, GLI, però profondamente ridotto, in quanto ne fanno parte solo membri della scuola che "si avvalgono" delle consulenze dei genitori, degli enti locali e degli studenti; dovrebbe invece essere ripristinata la previsione del comma 2 dell'art. 15 della l. n° 104/92.

- Ai fini della continuità didattica dei docenti per il sostegno a tempo determinato (precari), non è stata corretta l'espressione secondo cui il DS "dopo l'inizio del successivo anno scolastico" può procedere alla conferma del docente dell'anno precedente; la nomina di conferma dovrebbe essere fatta prima dell'inizio dell'anno scolastico, altrimenti per le prime settimane o mesi mancherà la continuità didattica.

- Non è stato assolutamente chiarito come garantire la continuità didattica dello stesso insegnante a tempo indeterminato (di ruolo) sullo stesso alunno per i docenti.

 

Si attende il parere del Senato e l'esito dell'incontro chiesto dalla FISH al Ministero dell'Istruzione per vedere accolti definitivamente gli emendamenti FISH e FAND non ancora recepiti.

In mancanza del recepimento di tali richieste la FISH non accetterà la stesura definitiva dei decreti, come indicato nella memoria depositata alla Camera a fine gennaio.


Vedi Comunicato Stampa della FISH

Vedi anche la scheda n° 546. Deludente lo schema di decreto sull’inclusione scolastica del gennaio 2017 della “buona scuola” (Atto Governo n° 378)


Pubblicato il 23/3/2017
Aggiornato il 23/3/2017Avvocato Salvatore Nocera
Responsabile dell'area Normativo-Giuridica dell'Osservatorio dell’AIPD sull’integrazione scolastica
Viale delle Milizie, 106
00192 Roma
06/3723909
06/3722510
Email:osservscuola.legale@aipd.it