Scheda n.1.

Le affezioni otorinolaringoiatriche


Quali sono i problemi più frequenti?

L’affezione più frequente è l’otite media essudativa, la cui incidenza è intorno al 50-70%. E’ caratterizzata dalla persis tenza di fluido nell’orecchio medio senza particolari segni e sintomi di infezione. Le principali cause sono riconducibili a disfunzione della funzione tubarica e anomalie anatomiche/funzionali: queste condizioni non facilitano il drenaggio delle secrezioni e possono favorire la replicazione batterica o virale. Alcune situazioni tipiche sono la malocclusione dentale el’ipertrofia adenoidea. Nella fascia d’età 0-6 anni un ruolo importante nella patogenesi è rappresentato dalle infezioni respiratorie ricorrenti.

I principali problemi che si riscontrano sono legati a disturbi dell’udito, in particolare a:

Ipoacusia di conduzione: deficit di conduzione acquisiti, spesso transitori, associati a un'otite media e alle sue sequele.
Ipoacusia congenita neurosensoriale: quando si verificano, in epoca prenatale, deficit sensoriali e nervosi.

Cosa bisogna fare?

In epoca neonatale è utile l’esecuzione di test oggettivi come i potenziali evocati uditivi o le emissioni otoacustiche.

Successivamente va effettuato un controllo audiometrico a 6-12 mesi, poi una volta l’anno. A livello ambulatoriale può essere utile l’esecuzione del Boel test come screening a partire dagli 8 mesi d’età. In caso di riscontro patologico, va effettuata una valutazione specialistica ORL.

Come regola generale, entro i tre anni è FORTEMENTE RACCOMANDATA almeno una valutazione oggettiva.

Cosa non bisogna fare?

Interrompere i controlli dopo una certa età perché l’ipoacusia può presentarsi in varie epoche della vita.

Perché è importante effettuare il controllo?

Per evitare la comparsa di ipoacusia, anche transitoria: un deficit uditivo può alterare lo sviluppo del linguaggio.

Consiglio

Non sottovalutare un eventuale sospetto di deficit uditivo; monitoraggio attento nei bambini con frequenti episodi di infezioni delle prime vie respiratorie.

Altri problemi ORL possono riguardare anomalie del si stema ossiculare e malformazioni specifiche.


Telefono D