A Catania presentazione del progetto “Lavoratori a 6 stelle”

Proseguono gli eventi organizzati dalle sezioni AIPD aderenti al progetto “Lavoratori a 6 stelle” per presentare nel territorio la nuova iniziativa dell’Associazione Italiana Persone Down, finanziato da Ebitemp (qui le informazioni su quanto già realizzato dalle sezioni di Napoli, Foggia, Brindisi e Reggio Calabria).

AIPD Catania organizza per venerdì 31 marzo 2017 il convegno “Lavoratori a 6 stelle – la persona con sindrome di Down: un valore per le imprese”, che si svolgerà dalle ore 10.00 presso il Grand Hotel Baia Verde, sito in via A.Musco 8/10 Acicastello (Ct).

AIPD a Genova per parlare di lavoro

“COSTRUIAMOCI IL FUTURO” è una trasmissione televisiva, organizzata da HRC Group e Primocanale in collaborazione con la Regione Liguria ed ALFA, che prevede una serie di incontri tra giovani, rappresentanti istituzionali della Regione e Manager delle Risorse Umane di importanti aziende nazionali e multinazionali, con l’obiettivo di fornire un orientamento consapevole a chi si affaccia nel mondo del lavoro.
Giovedì 30 marzo 2017 si terrà uno dei questi incontri, presso la Sala Trasparenza della Regione Liguria, al quale AIPD è stata invitata per portare il proprio contributo sulle esperienze di inserimenti al lavoro delle persone con disabilità e al quale interverrà Andrea Sinno.

Aviva Community Found, progetti AIPD da votare

Fino al 30 marzo 2017 è possibile votare le iniziative proposte sul sito Aviva Community Found e dare la possibilità, a chi ha ricevuto più preferenze, di accedere alla parte finale e concorrere per ottenere il premio in denaro da utilizzare per la realizzazione del progetto stesso.
Sono 4 le iniziative presentate da Sezioni AIPD:

Brindisi: “Orto solidale
Cosenza: “Impariamo a mangiare sano
Roma: “Cont-tatto. Massaggio infantile, relazione che cura
Termini Imerese: “Aquiloni sonori

Al Parco del Mulino di AIPD Livorno un B&B gestito da persone con sindrome di Down

Presso il Parco del Mulino, di AIPD Livorno, è operativo un bed and breakfast gestito da giovani con sindrome di Down della sezione. L’apertura della struttura è stata resa possibile grazie al contributo del negozio IKEA di Pisa (che ha contribuito con la donazione di tutti gli arredi e alla riorganizzazione degli spazi lavorativi) e al Rotary Club.

Qui il video realizzato sull’esperienza, pubblicato sul sito IKEA Pisa e che sarà diffuso in tutto i negozi in Italia:

WDSD 2017 – #MYVOICEMYCOMMUNITY

Vi è piaciuto il nostro spot per la #wdsd ? qui trovate un piccolo dietro le quinte!:

AIPD desidera ringraziare tutti coloro che, a titolo completamente gratuito, hanno voluto contribuire alla realizzazione del nostro spot la cui regia è stata firmata da Gianni Costantino: aziende, troupe, volontari e soci.Grazie a tutti per la professionalità, l’entusiasmo e la dedizione…
TROUPE: Ferdinado Bisleti, Enzo Iuvalè, Aurora Tilaro, Germano Boldorini, Andrea Arnone, Andrea Valacchi, Daniele Platania, Luisa Iemma, Claudio Stefani, Cristina Francioni, Valentina Ronchetti, Claudio Gallicchio, Mauro Faina, Simone Rosati, David Logan (musica).
AZIENDE: Panalight, Direct2brain, Cinetecnica, Cavallo Pazzo Catering, vivaio Horti di Veio, Cinema Drone Service.

E nell’articolo apparso martedì 21 marzo su invisibili.corriere.it a firma di Ornella Sgroi si legge:

… Solo immagini, musica e colori. Tanti, tantissimi colori. E un prato da costruire, insieme, ognuno con il proprio piccolo pezzetto di giardino da curare per poterlo poi condividere con gli altri e creare uno spazio comune in cui fare confluire le rispettive personalità. Tutte meravigliosamente diverse, come i vasi in cui i vari protagonisti del video coltivano le loro identità.
Questa volta il claim è #MyVoiceMyCommunity, per sottolineare – come ci spiega il regista del corto, Gianni Costantino – che «nella vita bisogna prendersi cura anche delle cose più piccole e ovvie, che apparentemente non sembrano avere bisogno di cure particolari, perché la cura che mettiamo nel fluire quotidiano è un gesto piccolo che, se fatto ogni giorno, può aiutarci a migliorare come comunità».Una comunità di cui le persone con sindrome di Down sono parte integrante e preziosa, capaci come sono di insegnarci ogni giorno a guardare il mondo con il loro sguardo, il loro stupore.
«Il più grande insegnamento che ho tratto dall’avere lavorato con loro è il rapporto speciale che hanno con il tempo. Le loro azioni sono scandite da tempi molto più ampi dei nostri, perché con una semplicità spiazzante le riempiono di dedizione e cura, impiegando tutto il tempo necessario per farle al meglio. A differenza di noi, loro sono ancora capaci di godersi gli attimi nel momento in cui accadono». Ha ragione Gianni Costantino. E i sorrisi che si affacciano nel suo breve film ci raccontano una gioia contagiosa, che non ha paura delle difficoltà. Che ci sono, e sono anche tante per le persone con sindrome di Down. Ma non abbastanza da spaventarli. Perché i loro cuori sono nuvole che viaggiano. Per dirla con uno dei versi più belli di Giuseppe Caccamese, poeta di notturni e schiuma di mare.

Pareri sui decreti “Buona Scuola”: FISH si rivolge al Ministero

Comunicato stampa FISH

Le Commissioni VII (Cultura, Scienza e Istruzione) e XII (Affari sociali) della Camera dei Deputati hanno dunque espresso congiuntamente i loro pareri sugli schemi dei decreti attuativi della Legge 107/2015 (“Buona Scuola”). Un’attività impegnativa nel corso della quale vi è stato un intenso confronto anche con FISH che ha espresso un notevole e articolato assieme di proposte emendative.

Ed è su questi pareri che il Consiglio Nazionale FISH, tenutosi sabato scorso (18 marzo 2017. ndr) a Roma, ha puntato la sua attenzione, in particolare sugli Atti 377 e 378.

FISH ha espresso apprezzamento per il lavoro compiuto dalle Commissioni. Le relative proposte migliorerebbero, se adeguatamente recepite dal MIUR, gli schemi dei decreti ritenuti in origine largamente insoddisfacenti. Sono numerose, anche se non tutte, le richieste FISH recepite dalle Commissioni.

Tuttavia, oltre alla preoccupazione sull’effettiva adozione dei suggerimenti da parte del Ministero, rimangono irrisolti alcuni elementi tutt’altro che marginali e che potrebbero inficiare l’intero impianto della riforma stessa.

Per questo motivo il Consiglio Nazionale FISH esprime al Ministro Fedeli la richiesta di attivare, con estrema urgenza, un confronto per ottenere garanzie rispetto ad alcuni stringenti punti.

Nel profilo di funzionamento e/o nel PEI dovrebbero essere chiaramente indicati i sostegni (a partire da quello didattico) necessari a garantire un compiuto percorso di inclusione scolastica, anche in termini di qualità, quantità ed intensità. Nei testi questo obbligo è assai aleatorio.

Il numero massimo di alunni per classe, in presenza di un alunno con grave disabilità, dovrebbe essere inderogabilmente di 20 persone e non come ora indicato nel parere “di norma 20”. In ogni caso, non ci dovrebbero essere più di due alunni con disabilita per classe, ove senza grave disabilità.

È fondamentale che venga espressamente chiarito che agli alunni che non raggiungono gli obiettivi del proprio PEI ed a quelli che non si presentino agli esami sia, in ogni caso, rilasciato l’attestato di crediti formativi.

La formazione iniziale per gli insegnanti di sostegno per la scuola dell’infanzia e primaria dovrebbe garantire che all’interno del percorso di laurea magistrale, dopo il terzo anno, sia reso obbligatorio scegliere l’indirizzo sul sostegno. Inoltre per l’accesso al concorso in ruolo, per i docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado, siano innalzati ad almeno 31 i crediti formativi universitari o accademici in pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione, psicologia, metodologia e tecnologie didattiche. Inoltre nel 2° e 3° anno del contratto su posti di sostegno si acquisiscano almeno 90 crediti formativi.

Ed infine il Consiglio FISH insiste affinché venga contrastata ogni forma di precariato sul sostegno. Esso infatti pregiudica il diritto alla continuità didattica ed incide negativamente sulla valorizzazione dell’esperienza professionale dei docenti.

Massima vigilanza, quindi, da parte di FISH ma anche disponibilità al confronto costruttivo con il Ministero. Il tema dell’inclusione scolastica è – da sempre – centrale nell’azione della Federazione.

Alla LUMSA si parla di autonomia

L’incontro, previsto inizialmente per mercoledì 8 marzo 2017, si terrà mercoledì 22 marzo.
Anna Contardi, coordinatrice nazionale delle attività AIPD, sarà ospite presso l’Università LUMSA della Scuola di Alta formazione EIS per un incontro, dedicato agli studenti ma aperto anche ad esterni, sul tema dell’educazione all’autonomia delle persone con sindrome di Down.
Appuntamento presso l’Aula 1 di Piazza delle Vaschette a Roma, dalle ore 15 alle ore 18.

I lavori saranno introdotti da Simone Consegnati e prevedono un intervento della prof.ssa Maria Cinque.

WDSD 2017. Comunicato stampa del MIUR

COMUNICATO STAMPA MINISTERO DELL’ISTRUZIONE

Giornata mondiale della sindrome di Down, Fedeli: “Inclusione è dovere e strumento di arricchimento reciproco”

“L’inclusione non è solo un dovere, ma uno straordinario strumento di crescita: una società matura, equilibrata, civile ha bisogno di tutte e tutti e sa fare della diversità una ricchezza. Questa Giornata deve ricordarci che l’integrazione e la reale partecipazione delle persone colpite da questa sindrome sono obiettivi che dobbiamo perseguire ogni giorno, con decisione e costanza. È dalla scuola che dobbiamo partire, perché dalla scuola possiamo ottenere risultati importanti per raggiungere una piena inclusione e pari opportunità. Per tutte e per tutti”.

Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli in occasione della Giornata mondiale della sindrome di Down, il World Down Syndrome Day (#WDSD17), che si celebra oggi.

Roma, 21 marzo 2017

“Primo appuntamento”, Nicolas e Benedetta tra i protagonisti

Nicolas Confaloni e Benedetta Menghini sono due giovani con sindrome di Down, e sono tra i protagonisti della puntata di martedì 28 marzo 2017 della nuova trasmissione di Real Time, “Primo appuntamento“, in onda dalle ore 21:10 (canale 31 del digitale e 131 Sky).

Il programma segue l’incontro “al buio” di due persone, e ha voluto inserire tra le altre storie, quella di una coppia di persone con sindrome di Down; è una scelta che apprezziamo perché è un ulteriore segnale di inclusione raggiunta oltre che di riconoscimento della vita affettiva, degli interessi e della capacità di interessere relazioni delle persone con sindrome di Down come di chiunque altro.

 

WDSD2017 – iniziativa AIPD “nontiscordardime”

wdsd17-barattolonontiscordardime

 

Il 21 marzo 2017 si celebra la XII Giornata Mondiale della Sindrome di Down, il tema lanciato quest’anno dalla Down Syndrome International (DSI) è #myvoicemycommunity e vuole sottolineare il protagonismo attivo delle persone con sindrome Down nella società. L’Associazione Italiana Persone Down aderisce alla campagna mondiale lanciando una raccolta fondi in tutta Italia:30 città dal nord al sud della penisola sarà presente dal 19 marzo con delle piccole lattine con terra e semi di “Nontiscordardimè” che saranno offerti per aiutare a ricordare che le persone con sindrome Down ci sono (in Italia sono più di 40mila) e possono avere un ruolo attivo nella comunità. La campagna di fundraising sarà destinata ai progetti che AIPD mette in campo da 40 anni per le persone con sindrome Down al fine di migliorare la loro qualità di vita in termini di inclusione scolastica, inserimento lavorativo e vita autonoma.

Il tema #myvoicemycommunity è molto caro all’Associazione Italiana Persone Down che nel 2016 ha realizzato l’ultimo importante progetto sul diritto di voto e sull’autorappresentazione delle persone con sindrome Down quali cittadini attivi della società. L’AIPD, che da diversi anni lavora sul tema dei diritti civili delle persone con sindrome Down ha infatti prodotto un docu-film “Diritto ai Diritti” che è stato proiettato in diverse città in tutta Italia e che ripercorre la preparazione e poi l’incontro di un gruppo di persone Down con dei parlamentari italiani.

La Giornata Mondiale della Sindrome Down, World Down Syndrome Day (WDSD) è un evento ufficialmente celebrato in tutti i paesi del mondo a partire dal 2006. Nel 2011 la Giornata è stata riconosciuta e proclamata ufficialmente anche dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il 21/03 è stato scelto per sottolineare l’unicità della triplicazione (trisomia) del cromosoma 21 che è la causa della sindrome di Down: il primo giorno di primavera è quindi diventato il giorno dedicato alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica globale su questa condizione genetica.

WDSD 2017 – Giornata Mondiale delle Persone con sindrome di Down

MY VOICE COUNTS – WDSD 2017
EDSA (European Down Syndrome) propone ogni giorno sul sito web, la foto di una persona con sindrome di Down originaria di un paese europeo e la sua breve storia.
wdsd2017-leonardo-127x178Dopo i testimonial di Ungheria, Gran Bretagna, Polonia, Irlanda, Bosnia Erzegovina, Austria, Lussemburgo, Germania, Slovenia, Kosovo, Repubblica Ceca, Spagna, Olanda, Albania, Turchia, Ucraina, il 20 marzo in rappresentanza dell’Italia a ricordare che la sua voce conta, è il nostro Leonardo, di Pisa.

 

 

wdsd17-edsa-theirvoicescountMartedì 21 marzo è previsto un evento, presso la sede del Parlamento europeo a Bruxelles, nel corso del quale le persone con sindrome di Down partecipanti avranno occasione di confrontarsi con gli europarlamentari (QUI il programma).

 

 

Sul canale YouTube della Down Syndrome International, online i video dedicati alla Giornata Mondiale 2017, realizzati dalle associazioni di tutto il mondo. Qui sotto il video dei giovani italiani:


Ecco come si celebra la GIORNATA MONDIALE IN CASA AIPD:

Spot #myvoicemycommunity, regia di Gianni Costantino

A ROMA, organizzato dal senatore Andrea Mandelli in collaborazione con AIPD Nazionale, il 21 marzo Convegno presso l’ Istituto Santa Maria in Aquiro – Senato della Repubblica – Piazza Capranica, 72, dalle ore 13,00. a seguito dell’evento il senatore Andrea Mandelli ha depositato al Senato la mozione n. 751 che sarà discussa martedì prossimo 28 marzo.

wdsd17-barattolonontiscordardimeIniziativa “NONTISCORDARDIME”:
in oltre 30 città dal nord al sud della penisola AIPD sarà presente dal 17 al 26 marzo con delle piccole lattine con terra e semi di “Nontiscordardimè”, che saranno offerti per aiutare a ricordare che le persone con sindrome Down ci sono (in Italia sono più di 40mila) e possono avere un ruolo attivo nella comunità. La campagna di foundraising sarà destinata ai progetti che AIPD mette in campo da 40 anni per le persone con sindrome Down.
Martedì 21 marzo, Daniele Castignani, fundraiser di AIPD Nazionale, ospite con Livia Travia e sua mamma, alla trasmissione di TV2000 “Siamo noi”.

…. E ANCORA: (elenco in aggiornamento)

BARI: wdsd2017-bariLunedì 20 marzo alle ore 10.00 presso la sede della Fondazione Puglia, in via Venezia, 13, la sezione presenterà alla cittadinanza la SMART TOURISM GUIDE della Città. La guida costituisce l’output finale del progetto “Alla scoperta della nostra città”, finanziato dalla Fondazione Puglia, con l’obiettivo di offrire ai giovani con sindrome di Down un’ulteriore opportunità di crescita, sperimentando setting educativi inusuali e strategie che hanno riconosciuto ai partecipanti un ruolo attivo e da protagonista. Redatta secondo i canoni dell’alta comprensibilità (per facilitarne la fruizione da parte di persone con disabilità intellettiva, bambini e persone con livello culturale basilare), la guida è stata inoltre testata, prima della stampa, da un altro gruppo di giovani, con funzione di tester per verificarne la comprensibilità e l’efficacia.

wdsd17-catania-convegnoCATANIA
Il 22 marzo si terrà il convegno “Primo giorno di Primavera…Arte, vita e bellezza tra sogno e realtà”, presso la Sala di Endocrinologia dell’Ospedale ARNAS Garibaldi, dalle ore 16. Organizzato dalla Sezione AIPD insieme al Comune di Catania.

 

GROSSETOwdsd2017-grossetola sezione ha organizzato un progetto destinato agli studenti delle scuole superiori di primo e secondo grado. Mediante un concorso della durata di due mesi, verranno coinvolti gli adolescenti residenti nella provincia di Grosseto per la creazione di un elaborato grafico (disegno, motto o frase) che possa essere utilizzato per personalizzare la nuova maglietta della sezione e che solleciti i giovani alla riflessione su alcuni aspetti fondamentali evocati dal rapporto con coetanei con disabilità (scoperta degli aspetti di similarità; valorizzazione delle differenze e dell’unicità di ogni individuo).

 

LECCE: wdsd2017-lecce-locandinala sezione ha organizzato lo spettacolo teatrale “Guardami con altri occhi” che si terrà sabato 25 marzo 2017 presso il Teatro Antoniano a Lecce dalle ore 21.00, messo in scena dalla compagnia “Epochè”. Uno spettacolo invito alla riflessione sui luoghi comuni, sulla capacità di elaborare un proprio processo cognitivo senza avere una visione preconcetta.

 

 

catturaPOTENZA: il 21 Marzo, la sezione ha organizzato la proiezione del docu-film di AIPD Nazionale “Diritto ai diritti” in alcune scuole secondarie (Liceo scientifico di Potenza, Lauria e Laurenzana, e in una scuola media di Potenza) per aprire un confronto con gli studenti sulla vita delle persone con sindrome di Down. Inoltre nella stessa giornata sarà siglato il protocollo di intesa tra la sezione e la Banca di Credito Cooperativo di Laurenzana e Nova Siri, finalizzato ad attivare forme di collaborazione al fine di sviluppare, promuovere e sostenere le attività culturali e sociale di particolare interesse.

wdsd17-reggiocalabria

REGGIO CALABRIA: la sezione ha organizzato per il 21 marzo un evento presso il Campus San Vincenzo de’ Paoli della città, a partire dalle ore 19,30. Ci sarà la presentazione della canzone “Tutti uguali, tutti speciali” con Kento e MadSimon e la proiezione del docu-film di AIPD Nazionale “Diritto ai diritti”.

 

 

ROMA: wdsd2017-roma-locandinala sezione propone alle famiglie socie di coinvolgere le scuole ove sono presenti i propri figli, invitandole ad organizzare attività che portino all’attenzione dei compagni il tema della sindrome di Down o, più in generale, dell’inclusione delle differenze. Il Servizio Scuola di AIPD Roma è a disposizione per eventuali suggerimenti.

 

 

wdsd17-siracusa-locandinaSIRACUSA: È iniziata già domenica 12 marzo la Giornata Mondiale con la vendita dei fiori in lattina all’inaugurazione del centro olistico del paese di Ferla; il 13 marzo alcuni rappresentanti dell’AIPD sono stati all’Istituto Giaracà di Siracusa per parlare ai giovani alunni di sindrome di Down e martedì 21 saranno presso il campo scuola Di Natale dove si svolgeranno attività sportive, supportati, come già lo scorso anno, da altre associazioni.

 

 

TERMINI IMERESE:
Martedì 21 marzo alle ore 11.30 presso il Palazzetto dello sport “Conzales”, partita di basket AIPD Termini – ASD Orizzonte Gela; nel pomeriggio alle ore 17.00 auditorium Chiesa Madonna dell’Odigitria, incontro organizzato dalla sezione AIPD per presentare il “Bilancio Sociale 2016”, il progetto “Quattro ruote per muoverci meglio” finanziato da UniCredit, il programma Special Olympics Italia.

catturaTRENTINO: la sezione ha organizzato l’incontro “Il diritto delle mie scelte”, aperto alla cittadinanza per mercoledì 22 marzo alle ore 20,30 presso la Sala Polifunzionale Cassa rurale di Tuenno (Val di Non). Nel corso della serata sarà proiettato il docu-film di AIPD Nazionale “Diritto ai diritti”.

 

SUPERFEDERICO SHORT- locandina completa sopra e sotto - foxit rVERSILIA: la sezione ha organizzato per il 21 marzo un incontro che si terrà presso il Teatro San Michele di Capezzano Pianore, a partire dalle ore 17,00. Nel corso dei lavori sarà proiettato il cortometraggio “SuperFederico”, regia di Fabio Pompili Rossini e Dario Dalboni.

Un convegno al Senato per la Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome Down

In occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate alla Sindrome di Down e lo stato della ricerca in Italia, il Senatore Andrea Mandelli e l’Associazione Italiana Persone Down hanno organizzato il convegno che si terrà il 21 marzo 2017 alle ore 13.30 presso l’ Istituto Santa Maria in Aquiro – Senato della Repubblica – Piazza Capranica, 72 – Roma.

Al fine di consentire l’accesso alla sala del Senato, si prega di confermare la presenza entro venerdì 17 marzo p.v. inviando una mail a aipd@aipd.it

(Si ricorda che per gli uomini vige l’obbligo di giacca e cravatta e che l’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima).
Per gli accrediti stampa si segnala il link del Senato https://www.senato.it/2997

Convegno – programma

21 marzo 2017 ore 13.30
Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro
presso il Senato della Repubblica
Piazza Capranica, 72- Roma

Ore 13.30 Registrazione

Ore 14.00
– Saluti Istituzionali
Sen. Andrea Mandelli – Vicepresidente Commissione Bilancio Senato della Repubblica
On. Paola Binetti – Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati

Ore 14.20
– Introduzione Giornata Mondiale e Presentazione dell’ Associazione Italiana Persone Down (AIPD)
Dott. Paolo Virgilio Grillo – Presidente Nazionale Associazione Italiana Persone Down (AIPD)

Ore 14.30
– Stato dell’Arte della Sindrome di Down e Progetti di Ricerca in Italia
Prof. Bruno Dalla Piccola – Direttore Scientifico Ospedale Bambino Gesù di Roma
– Evoluzione dei processi di autonomia e Progetti attuali e futuri
Dott.ssa Anna Contardi – Coordinatrice Nazionale AIPD e Presidente EDSA, European Down Syndrome Association
– ” La mia realtà e i miei sogni” Testimonianza personale

Ore 15.30
– Conclusioni
Sen. Andrea Mandelli – Vicepresidente Commissione Bilancio Senato


QUI il link alla pagina del nostro sito per essere aggiornato sugli eventi nazionali per la celebrazione della WDSD 2017

Campus famiglie, rinviato termine iscrizione

Come sapete, grazie al contributo della Fondazione Intesa Sanpaolo, AIPD ripropone quest’anno alle famiglie l’esperienza del Campus Formativo Residenziale (ne abbiamo parlato qui su questo sito) presso l’hotel villaggio “Torre San Vito” di Gaeta (LT) dal 18 al 23 giugno.

Il termine inizialmente indicato per inviare l’iscrizione è stato il 7 marzo, ma ad oggi risultano ancora disponibili alcuni posti.

Le famiglie che fossero interessate possono quindi ancora iscriversi, secondo le stesse modalità indicate nella lettera inviata a tutti i soci, entro il prossimo 21 MARZO.

A Napoli presentazione del progetto “Lavoratori a 6 stelle”

Proseguono gli eventi per far conoscere il progetto “Lavoratori a 6 stelle”, organizzati nei territori dalle sezioni AIPD aderenti all’iniziativa. Dopo quelli di Brindisi, Reggio Calabria e Foggia, venerdì 17 marzo 2017 dalle ore 18,00, si terrà a Napoli un incontro presso il Grand Hotel Europa. Sono previsti interventi di rappresentanti delle istituzioni, dei servizi territoriali e dei referenti per il progetto della Sezione AIPD di Napoli.

“Schedati, perseguitati, sterminati”

Da pochi giorni e fino al prossimo 14 maggio sarà visitabile nella Sala Zanardelli del Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano) a Roma, la mostra “Schedati, perseguitati, sterminati. Malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo”, arricchita dalla sezione “Malati, manicomi e psichiatri in Italia: dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale”.

La mostra è stata realizzata dalla Società Tedesca di Psichiatria (DGPPN) in collaborazione con la Fondazione Memoriale per gli Ebrei assassinati d’Europa e la Fondazione Topografia del Terrore Berlino.
Attraverso 50 pannelli contenenti biografie e immagini storiche, l’esposizione vuole raccontare l’assoluta disumanità perpetrata nei confronti dei malati psichici e delle persone con disabilità durante il nazionalsocialismo e la conseguente omertà sull’accaduto nella Germania postbellica (a partire dal 1934, 400.000 cittadini tedeschi, con patologie mentali considerate ereditarie e incurabili, furono sterilizzati contro la loro volontà; tra il 1939 e il 1945, più di 200.000 persone ricoverate in ospedali psichiatrici tedeschi furono assassinate perché ritenute un inutile peso per la popolazione tedesca).
“Malati, manicomi e psichiatri in Italia: dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale” è la sezione aggiuntiva pensata appositamente per l’Italia. Curata dal Comitato Storico Scientifico della SIP (Società Italiana di Psichiatria), riassume e analizza le responsabilità della psichiatria italiana durante l’epoca fascista, che fu sempre contraria all’uccisione dei malati ma, sotto la Presidenza di Arturo Donaggio, fu l’unica società scientifica a legittimare le leggi razziali del 1938. Inoltre, è poco noto che negli ultimi anni del conflitto furono circa 30.000 le persone ricoverate negli ospedali psichiatrici italiani che persero la vita a causa dell’inedia e dell’abbandono. Molti gli aspetti analizzati: dalla situazione dei manicomi italiani dopo la prima guerra mondiale, all’adesione della psichiatria ufficiale all’ideologia fascista, fino alle deportazioni di pazienti dagli ospedali psichiatrici del Nord Italia verso la Germania.
La mostra è ad ingresso libero, visitabile tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 19.00.

A Foggia presentazione del progetto “Lavoratori a 6 stelle”

Proseguono gli eventi per far conoscere il progetto “Lavoratori a 6 stelle”, organizzati nei territori dalle sezioni AIPD aderenti all’iniziativa. Dopo quelli di Brindisi e Reggio Calabria, martedì 14 marzo 2017 si terrà a Foggia un incontro presso la Sala della Ruota della Provincia. Sono previsti interventi di rappresentanti delle istituzioni, dei servizi territoriali e dei referenti per il progetto della Sezione AIPD di Foggia.

Lunedì 13 marzo 2017 la referente locale del progetto e i 4 giovani con sindrome di Down partecipanti sono intervenuti presso l’emittente “Teledauna“.

Melanie Segard su France2 per leggere le previsioni del tempo

Melanie Segard ha 21 anni, è una giovane con sindrome di Down e il suo sogno è quello di leggere le previsioni del tempo sull’emittente televisiva France2.
Qualche settimana fa ha lanciato la sfida insieme a France2 su Facebook: se il suo appello avesse raggiunto i 100.000 like, avrebbe realizzato il suo sogno. I like sono stati ben più di quelli richiesti, oggi il video pubblicato sulla pagina @melaniepeutlefaire ne raccoglie più del doppio… e dunque martedì 14 marzo 2017 alle ore 20,30 “La Meteo” avrà una presentatrice d’eccezione.

Un nuovo tirocinio per l’AIPD di Versilia

Federico Ugolini di 24 anni, giovane con sindrome di Down socio dell’AIPD di Versilia, ha iniziato il 20 febbraio 2017 un tirocinio retribuito di 4 mesi (che verrà rinnovato) presso l’Hotel Bracciotti di Lido di Camaiore, come cameriere di sala 4 giorni a settimana
La sezione AIPD Versilia sta seguendo il tutoraggio; l’esperienza di Federico è inserita nel progetto “On my own… at work – OMO“, quindi nel suo percorso formativo saranno sperimentate l’APP e i video-tutorial che l’iniziativa AIPD ha realizzato per il supporto all’inserimento al lavoro.

Un nuovo lavoratore all’IKEA di Bari

E’ cominciato con un vero e proprio colloquio di selezione (sostenuto nel settembre 2015, alla presenza della responsabile Risorse Umane dello store IKEA di Bari) il percorso che ha portato Francesco, giovane socio dell’AIPD di Bari, a cominciare un tirocinio lavorativo di 6 mesi, poi rinnovato per altri 6 mesi ed oggi trasformato in un contratto di lavoro a tempo determinato di 1 anno.
Francesco è addetto alle vendite nel reparto decorazioni e candele dove gestisce con meticolosa precisione, il rifornimento dei prodotti e la loro corretta esposizione negli scaffali, quotidianamente presi d’assalto da migliaia di clienti da tutta la regione Puglia.
La sua tenacia e determinazione ne fanno oggi un punto di riferimento non solo per i clienti ma anche per i colleghi che ormai considerano Francesco “UNO DI NOI”.
In bocca al lupo, Francesco ed auguri per questo importante traguardo.

Prove di autonomia residenziale all’AIPD di Taranto

Dopo le esperienze dei percorsi di educazione all’autonomia promosse dall’AIPD di Taranto, quest’anno per alcuni giovani con sindrome di Down sarà avviata una sperimentazione di vita autonoma fuori dalle mura familiari.
Per tutti i fine settimana dei mesi di marzo e aprile 2017, divisi in piccoli gruppi di tre/quattro persone coadiuvati dalle operatrici AIPD, i giovani coinvolti trascorreranno insieme il week end, incontrandosi nel pomeriggio del sabato per salutarsi la domenica a pranzo. Un percorso pensato per affrontare insieme, ragazzi, famiglie, operatori, il tema del “dopodinoi”

“Trabajadores en camino”, avviato il secondo stage a Barcellona

Dal 5 al 26 Marzo 2017 Federica e Federico della sezione AIPD di Latina, Mattia e Filippo della sezione AIPD di Cosenza, accompagnati da due educatori, saranno a Barcellona per svolgere un’esperienza di lavoro di tre settimane, nel settore alberghiero, presso l’ostello Inout.

Qui un video postato sulla pagina Facebook di AIPD Latina sulla preparazione dei ragazzi alla partenza per Barcellona:

Latina-video-lezionespagnolo2017

L’attività è parte dell progetto “Trabajadores en camino”, finanziato dal programma comunitario Erasmus Plus nell’ambito dell’azione Ka1 Learning Mobility of Individuals (Mobilità ai fini di apprendimento).
Si tratta del secondo dei sei stage previsti dal progetto, il primo si è svolto dal 15 gennaio al 5 febbraio scorsi e ha coinvolto giovani delle sezioni AIPD di Caserta e di Potenza.

A Brindisi e a Reggio Calabria presentazione del progetto “Lavoratori a 6 stelle”

Lavoratori a 6 stelle” è una iniziativa avviata lo scorso 1° dicembre 2016 con il contributo di E.BI.TEMP, che intende offrire a 5 sedi AIPD del Sud Italia, con poca esperienza o difficoltà di inserimento lavorativo, un percorso formativo finalizzato al proprio empowerment, al rafforzamento della propria rete a livello regionale e allo start up di esperienze di avviamento al lavoro in contesti alberghieri per 15 giovani con sindrome di Down (3 per sede).

Martedì 7 marzo 2017 sono previsti eventi di presentazione in due delle cinque sezioni locali che hanno aderito al progetto:
– a Brindisi, dalle ore 11,30 presso Palazzo Virgilio, con apertivo offerto a cura della Sezione AIPD Brindisi;
– a Reggio Calabria, dalle ore 14,30 ci sarà la firma dell’accordo tra la sezione AIPD Reggio Calabria e la Federalberghi Calabria e un Cooking Show coordinato da Federica Iacopini (tutor nel progetto) e Antonino Salituro, Chef executive del Gruppo Caminiti, cui parteciperanno i giovani con sindrome di Down coinvolti nel progetto.

A Prato seminario di formazione sulla didattica inclusiva

AIPD Nazionale sarà presente a Prato martedì 7 marzo 2017,  con Nicola Tagliani dell’Osservatorio Scolastico che avrà un primo incontro, dedicato alle famiglie (dalle ore 14,30 alle ore 16,00,”La normativa sull’inclusione scolastica: cosa deve conoscere il genitore”, presso l’IC Gandhi) seguito da un secondo dedicato agli insegnanti (dalle ore 17,00 alle ore 19,00, “L’apprendimento cooperativo”, presso l’IC Pier Cironi).

I due appuntamenti sono parte di un percorso formativo (“Incontri di formazione per una didattica inclusiva“) nato dalla collaborazione fra Ufficio Scolastico Provinciale, Assessorato all’Istruzione del Comune di Prato, CTS e Associazioni di Genitori (tra cui l’AIPD Sezione di Prato), che intende offrire un’occasione di formazione condivisa sul tema dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.

Assemblea 2017 dei soci AIPD

A Roma il 25 e 26 marzo 2017 si terrà l’Assemblea Annuale dei Soci AIPD, il momento in cui si definiscono le linee di lavoro dell’anno e che, come ormai consuetudine, prevederà il sabato uno spazio di approfondimento e la domenica la discussione del programma delle attività e dei bilanci (QUI la lettera di convocazione per i soci).
Garantito ancora una volta anche lo spazio per le persone con sindrome di Down che vorranno partecipare e che sono i principali protagonisti della nostra associazione.
L’organizzazione di un evento del genere richiede un certo sforzo organizzativo; si chiede quindi di collaborare inviando la scheda di iscrizione, l’eventuale prenotazione alberghiera e l’iscrizione dei ragazzi alle attività collaterali entro il 15 marzo 2017 (via fax o e.mail a aipd@aipd.it).

L’Assemblea dei soci AIPD è fissata a Roma, presso il Roma Scout Center, piazzale dello Scautismo 1, in prima convocazione, alle ore 9.00 del 25 marzo e in seconda convocazione alle ore 15.00 del 25 marzo 2016, e si svolgerà nel seguente modo:

PROGRAMMA
Sabato 25 marzo
Ore 14.00 Registrazione
Ore 15.00 Saluto del Presidente – Apertura Assemblea
Ore 15.30 Lo stato dell’arte della ricerca sul Bumetanide nei bambini con sindrome di Down
Intervento del dott. Paolo Alfieri e della dott.ssa Floriana Costanzo – Ospedale Bambino Gesù di Roma
Ore 16.45 Linee guida per una sana alimentazione
Intervento Dott.ssa Eliza Kuczynska – Pediatra UOSA Malattie Rare e Difetti Congeniti, Fondazione
Policlinico A. Gemelli
Ore 17.30 Presentazione Progetti Nazionali 2017
Ore 18.30 Chiusura lavori
ore 20.00 Cena presso il Roma Scout Center

Dalle 15 alle 18.30 è previsto un programma parallelo per bambini, ragazzi e adulti.

Domenica 26 marzo
Ore 09.00 : Assemblea Ordinaria
Ore 10.00 Presentazione Bilancio Sociale 2016 e Programma delle attività 2017
Presentazione Bilancio Consuntivo 2016 e Preventivo 2017
Discussione e Votazioni
Richiesta autorizzazione alla vendita dell’immobile di Viale delle Milizie 106, Roma e all’acquisto di
nuovo immobile per gli uffici della sede nazionale dell’AIPD
Richiesta autorizzazione vendita immobile di Zovello
Modifica quota associativa per AIPD Nazionale
Ore 13,00 chiusura dei lavori

Dalle 9,30 alle 13,00 è previsto un programma parallelo per bambini, ragazzi e adulti.
Il programma parallelo sarà organizzato con attività differenziate per età e prevede attività di animazione in loco, visite, ecc. Il programma definitivo sarà stilato in base alle adesioni PERVENUTE ENTRO IL 10 MARZO 2017. DOPO TALE DATA NON POTRA’ ESSERE ASSICURATA LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA’.
I soci che intendessero partecipare anche solo la domenica mattina potranno comunque intervenire e se intervengono con i propri figli devono assolutamente inviare la scheda.

In caso non fosse possibile partecipare personalmente, i soci sono invitati a far pervenire la delega regolarmente firmata. Il diritto al voto è riconosciuto ai soci che hanno versato la quota associativa per l’anno in corso; a coloro che hanno effettuato il versamento nei mesi di febbraio/marzo 2017 si raccomanda – per facilitare le operazioni di registrazione – di esibire copia della ricevuta di versamento, e, se in possesso di deleghe (a termini di Statuto, fino ad un massimo di dieci), copia delle ricevute di versamento delle quote sociali dei delegati.
Sarà comunque possibile rinnovare il tesseramento al momento della registrazione.

 

Unioni civili e convivenze di fatto

Dopo la legge 76/2016 e la Sentenza della Corte costituzionale 213/2016 (che hanno riconosciuto, l’una le unioni civili tra persone dello stesso sesso e le convivenze di fatto, l’altra l’estensione dei permessi mensili ai conviventi), l’INPS ha pubblicato la circolare 38/2017 nella quale fornisce indicazioni operative per la fruizione permessi e congedi ai lavoratori dipendenti del settore privato parti di unione civile o conviventi.

Con le due disposizioni infatti, viene riconosciuta alle parti dell’unione civile e ai conviventi di fatto l’equiparazione alla figura di “coniuge”, e dunque il diritto ad accedere alla fruizione dei permessi e congedi per l’assistenza del proprio caro.

L’INPS precisa che, in base a quanto indicato nella legge e nella sentenza, la parte di un unione civile ha diritto a fruire sia dei permessi mensili sia del congedo straordinario di due anni, mentre il convivente di fatto ha accesso ai soli permessi mensili. Particolarità, forse solo temporanea, riguarda la modalità di invio della domanda: per posta elettronica certificata/raccomandata con ricevuta di ritorno, o allo sportello INPS, invece che per via telematica, utilizzando i moduli comunque disponibili sul sito dell’ente.

L’AIPD di Belluno festeggia 30 anni di attività

La Sezione AIPD di Belluno festeggia 30 anni di attività nel territorio con il convegno “Condivisione, crescita, appartenenza. I nostri 30 anni in provincia di Belluno” che si svolgerà il 17 e 18 marzo 2017 presso Villa Patt a Sedico.

Il programma dei lavori prevede interventi di Andrea Canevaro, Dario Ianes, Carlo Lepri, Angelo Carfi, Anna Contardi, Federico Girelli, Salvatore Nocera, Antonella Gris, Vito Lamberti, Ines Mazzoleni Ferracini.

La partecipazione al convegno è gratuita ma è richiesta l’iscrizione (da inviare a info@aipdbelluno.org entro il 10 marzo 2017).

Gli inserimenti al lavoro di AIPD Bari a “Fa’ la cosa giusta”

Martedì 28 febbraio 2017 su Rai Uno si parla di inserimenti al lavoro di giovani con sindrome di Down.
Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud, racconta le esperienze di tre ragazzi dell’AIPD di Bari (Roberto cameriere in sala, Simona e Piera banconiste), assunti a tempo indeterminato da una nota catena di ristorazione pugliese dopo sei mesi di tirocinio formativo (ne avevamo parlato su questo sito qualche settimana fa).

Martedì 28 febbraio alle ore 8.46 a Tg1/Fa’ la cosa giusta– Unomattina, a cura di Giovanna Rossiello.

Intervista a Paola Vulterini per OMO

Paola Vulterini, coordinatrice di OMO Project, è stata intervistata da Primaradio Piemonte  sul progetto On My Own… At Work (OMO Project), i suoi obiettivi e il marchio Valueable.
Il marchio ‘Valueable’ contraddistingue i membri della rete europea di alberghi solidali – che assumono persone con disabilità intellettiva – nata grazie al progetto AIPD; è una rete destinata a durare e a diventare sempre più estesa.

Qui sotto il link al file audio:

paola-vulterini-coordinator

 

 

 

 

Visita e segui la pagina Facebook di OMO Project

Invalidità civile: invio RED per la comunicazione dei redditi 2014

I titolari di prestazioni previdenziali e assistenziali collegate al reddito erogate dall’INPS  sono obbligati annualmente a comunicare all’ente la propria situazione reddituale (secondo quanto disposto dall’art. 13, comma 6, lettera c), del Decreto Legge 78/2010, convertito con modificazioni dalla legge 122/2010, che ha introdotto il comma 10bis all’art. 35 del Decreto Legge 207/2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 14 del 2009).

Fino al 2015 l’INPS inviava richiesta scritta al cittadino; dal 2015 tale richiesta non viene più inviata ma l’obbligo per il cittadino permane (Circolare INPS 195/2015).
E’ in corso in questi giorni da parte dell’INPS la verifica delle comunicazioni relative ai redditi 2014, invitando i cittadini che non lo hanno fatto nei tempi stabiliti (31 marzo 2016) a verificare l’avvenuta compilazione del modello RED, ed eventualmente a regolarizzare la propria posizione entro il prossimo 31 marzo 2017 (pena la revoca della prestazione in essere).
Invitiamo dunque tutti i titolari delle provvidenze economiche collegate al reddito (per i minori indennità di frequenza; per i maggiorenni assegno di invalidità civile -tra il 74 e il 99% – e pensione di invalidità civile – 100% di “totale inabilità lavorativa”) a verificare se si è tra coloro che sono tenuti a inoltrare tale comunicazione (se non si rientra tra gli obbligati, il sistema informatico non prevederà l’accesso stesso alla Campagna RED). Per accedere alla pagina personale sul sito INPS è necessario disporre del codice PIN o altrimenti recarsi ad un patronato.

WDSD 2017, partecipanti cercasi

Il prossimo 21 marzo si celebrerà la dodicesima edizione della World Down Syndrome Day, la Giornata Mondiale della sindrome di Down. Quest’anno la WYA (World Youth Alliance) e la Fondazione Jerome Lejeune hanno organizzato un evento presso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles, cui EDSA (European Down Syndrome Association) ha deciso di prendere parte.
L’evento è aperto a chiunque: oltre ad una conferenza scientifica, è prevista una visita guidata al Parlamento e un incontro con i  deputati  per discutere con loro di argomenti importanti.
Chi fosse interessato a partecipare con EDSA può prendere contatti con la segreteria (Cora Halder, info@edsa.eu), per ricevere tutte le informazioni relative al programma della giornata e concordare domande da rivolgere ai politici e il testo di una dichiarazione che EDSA intende presentare.

Ricordiamo che quest’anno il tema della WDSD è: “La mia voce, la mia comunità!”

EDSA Family

EDSA (European Down Syndrome Association) lancia la piattaforma EDSA FAMILY, uno spazio web che ha lo scopo di permettere scambi tra famiglie di persone con sindrome di Down in Europa e nel resto del mondo.

All’interno del sito esiste il Programma di Scambio Famiglie (Family Exchanging Platform – FEP) utile per creare una rete tra le famiglie che hanno figli con sindrome di Down e che si rendono disponibili ad ospitare presso le loro case o intendono viaggiare in altri Paesi ospiti di altre famiglie.
Le famiglie interessate sono dunque invitate a visionare il sito, e se lo desiderano ad iscriversi (l’iscrizione è subordinata ad una approvazione da parte della associazione di riferimento).

Per FAQ http://www.edsafamily.com/help.asp
Per qualsiasi chiarimento si può scrivere a: info@edsafamily.com

“Tutti i bambini sono uguali, ma tutti sono diversi”

L’AIPD di Frosinone ha organizzato, insieme con l’Istituto Comprensivo 2 – Pontecorvo, il seminario di studio sull’inclusione scolastica di alunni con sindrome di Down “Tutti i bambini sono uguali, ma tutti sono diversi“.

L’incontro si terrà mercoledì 22 febbraio 2017 dalle ore 15:00 alle ore 19:00 presso l’Auditorium della scuola secondaria di 1° grado in Via Aldo Moro a Pontecorvo.

Sono previsti interventi del presidente dell’AIPD di Frosinone Cosmo Brunesi e del dirigente scolastico dott.ssa Rita Cavallo, relazioni della dott.ssa Rosa Ferri e della dott.ssa Anna Scala dell’AIPD Sezione di Roma, e lavori di gruppo con insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria

San Valentino 2017, le coppie con sindrome Down si raccontano

Simona e Lorenzo, Agnese e Nicolò, Paolo e Giulia, Elisabetta e Paolo, Matteo e Giulia e Orazio e Giulia raccontano in un breve video da quanto sono fidanzati, cosa gli/le piace l’uno dell’altra e che cosa è per loro l’amore. In occasione di San Valentino l’Associazione Italiana Persone Down vuole ricordare che la vita affettiva delle persone con sindrome Down è una realtà importante come per la vita di tutti e che l’amore non ha alcuna barriera

Campus per famiglie 18-23 giugno 2017

Campus residenziale formativo per famiglie AIPD – 18-23 giugno 2017

Grazie al contributo della Fondazione Intesa SanPaolo – che permette di coprire le spese di organizzazione – AIPD intende riproporre l’esperienza del Campus Residenziale formativo per il prossimo giugno per circa 20/25 famiglie.
I Campus erano stati realizzati nel 2013 e 2014 nell’ambito del progetto “Sempre più in-forma: allena-menti per soci AIPD” rivelandosi preziose occasioni di condivisione, conoscenza e crescita personali, oltre che opportunità per rafforzare il senso di essere Associazione.
Il periodo di svolgimento del Campus sarà dal pomeriggio di domenica 18 alla mattina di venerdì 23 giugno 2017.

Le giornate saranno occupate da attività formative per i genitori e, in contemporanea, attività ludico-ricreative-formative per i figli con e senza sindrome, oltre che naturalmente da momenti di vacanza libera.
La struttura ospitante quest’anno sarà l’Hotel Villaggio Torre San Vito, a 4 km dal centro di Gaeta e 5 km da Sperlonga (provincia di Latina).
I campus sono riservati ai soci AIPD che stanno ricevendo la lettera con le informazioni dettagliate e il modulo di iscrizione che va inviato entro martedì 7 marzo 2017 all’e-mail allena-menti@aipd.it o via fax al n° 06/3722510.

Per farsi un’idea… potete vedere materiali e commenti sulle passate edizioni.

Le persone con sindrome di Down adulte e anziane

Sabato 18 febbraio si terrà l’incontro “Le persone con sindrome di Down adulte e anziane“, iniziativa che nasce come passaggio conclusivo dell’indagine sull’età adulta curata dal servizio sociale di AIPD Roma in team con la Fondazione Italiana Verso il Futuro (FIVF) e realizzata attraverso approfonditi colloqui telefonici con le famiglie.

Il programma dell’incontro prevede:
Saluti del Presidente AIPD Catello Vitiello e del Presidente FIVF Andrea Papitto
Breve excursus sui progetti e servizi offerti da AIPD e FIVF per le persone con sD adulte ed anziane
Presentazione dei risultati dell’indagine conoscitiva sulle persone con sindrome di Down dai 30 anni in su
Analisi dei dati rilevati e riflessioni che ne scaturiscono
Dibattito
Conclusioni
I lavori saranno guidati dal Servizio Sociale di AIPD in team con la psicologa della Fondazione Italiana Verso il Futuro dott.ssa Stefania Mazotti.

Saranno presenti per dare un contributo durante il dibattito i coordinatori dei servizi e delle attività di AIPD.
SABATO 18 FEBBRAIO 2017 – ore 9.00 – 13.00
AGESCI LAZIO – sede regionale
Via Adalberto, 13 (zona Piazza Bologna)
E’ NECESSARIO COMUNICARE LA PROPRIA ADESIONE CONTATTANDO LA SEGRETERIA DI AIPD ROMA o compilando il modulo online sulla pagina dedicata nel sito di AIPD Roma

“Por mi”, una app spagnola contro la violenza sulle donne

Nei giorni scorsi è stata presentata in Spagna la app “Por mi”, uno strumento pensato per essere utilizzato da donne con disabilità vittime di violenza di genere. Realizzata su proposta della Fundacion CERMI Mujeres con collaborazione della Fondazione Vodafone Spagna e il sostegno del Ministero della Sanità e altre istituzioni, contiene informazioni scritte in linguaggio altamente comprensibile e anche in lingua dei segni.

Sviluppata da ILUNION Technology, è una applicazione gratuita disponibile su Android e iOS, e vuole essere uno strumento di sensibilizzazione, informazione e denuncia. Mira a facilitare l’individuazione di situazioni riconducibili a violenza di genere, fornisce indicazioni sui diritti delle donne, servizi di aiuto disponibili, consulenza legale; contiene inoltre testimonianze di donne con disabilità che sono state vittime di violenza di genere.

Secondo gli ultimi dati ISTAT (anno di riferimento 2016), 6 milioni 788 mila donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, 746 mila le vittime di tentati stupri. Drammatica la situazione delle donne con problemi di salute o disabilità: ha subìto violenze fisiche o sessuali il 36% di chi è in cattive condizioni di salute e il 36,6% di chi ha limitazioni gravi; per loro il rischio di subire stupri o tentati stupri è doppio (10% contro il 4,7% delle donne senza problemi di salute/disabilità).
QUI una rilfessione sul tema pubblicata sul sito www.disabili.com in occasione della ultima Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Verso l’autonomia

La Fondazione Ernesta Besso ha organizzato un incontro sul tema dell’educazione all’autonomia per le persone con sindrome di Down, che si terrà a Roma il prossimo 16 febraio 2017 dalle ore 16,30, presso Largo di Torre Argentina 11.
Previsto un intervento di Anna Contardi, coordinatrice AIPD e direttrice dei percorsi di educazione all’autonomia dell’associazione.

Per prenotarsi: ernesta@fondazioneernestabesso.ita
La fondazione Ernesta Besso è ente accreditato come ente di formazione presso il MIUR.

#MiVotoCuenta!

E’ di pochi giorni fa la notizia che in Spagna la Corte Costituzionale ha rifiutato la richiesta di voto di Mara, una ragazza con disabilità intellettiva che è stata addirittura sottoposta ad un test per valutare la sua conoscenza della politica o del valore del denaro, un test che nessun altro cittadino spagnolo ha dovuto mai fare per poter votare. In Spagna sono circa 100.000 persone con disabilità intellettiva che, secondo la normativa vigente, non hanno accesso al voto politico e leggi simili esistono in molti Paesi d’Europa. L’Italia è infatti uno dei pochi Stati che invece ammette il diritto di voto per chiunque e AIPD da anni promuove con iniziative nazionali (“Il mio voto conta!“, flashmob 3 dicembre 2015) e internazionali (“Tu cittadino come me“) la partecipazione attiva e consapevole delle persone con sindrome di Down (ultimo in ordine di tempo il progetto “Diritto ai diritti” e la realizzazione dell’omonimo docu-film).

Lo scorso 8 febbraio 2017 si è svolta una manifestazione di protesta a Madrid, di fronte alla sede della Corte costituzionale organizzata da Plena Inclusiòn (una organizzazione spagnola di difesa dei diritti delle persone con disabilità cui aderiscono circa 900 associazioni) per rivendicare il diritto di voto delle persone con disabilità intellettiva e richiedere, insieme al Comitato spagnolo dei rappresentanti delle persone con disabilità e all’associazione Down Espana, la modifica della legge e la realizzazione di adeguati supporti per consentire alle persone con disabilità intellettiva di essere informate e di poter così votare consapevolmente.

L’Associazione Italiana Persone Down sostiene con vigore la campagna di Plena Inclusiòn, così come già ha fatto l’ANFFAS, tramite i canali del web e diffondendo in rete l’hashtag #MiVotoCuenta

Decreti “Buona Scuola”, AIPD apprezza l’apertura della Ministra Fedeli

comunicato stampa
GRILLO (AIPD): SODDISFATTI APERTURA MINISTRA FEDELI SU LICENZA TERZA MEDIA, ATTENDIAMO MODIFICA TESTO DEL DECRETO SULLA “BUONA SCUOLA”

Roma, 10 febbraio 2017 – “Siamo soddisfatti dell’apertura della ministra sul tema degli esami conclusivi del primo ciclo (ex licenza media), speriamo che questa intenzione sia confermata dalla modifica del testo del decreto in cui ci attendiamo una specificazione relativa al conseguimento del diploma, fondamentale per il futuro dei nostri ragazzi”. Con queste parole Paolo Virgilio Grillo, presidente dell’Associazione Italiana Persone Down, commenta la precisazione della Ministra Fedeli sul tema del diploma conclusivo del primo ciclo fatta ieri in un comunicato stampa del Ministero dell’Istruzione.

La critica dell’Associazione Italiana Persone Down e delle altre associazioni che rappresentano il mondo della disabilità è relativa al fatto che lo schema di decreto della “buona scuola” sul tema della valutazione tolga di fatto la possibilità, attualmente prevista, di avere il diploma conclusivo del primo ciclo per gli alunni con disabilità che svolgano l’esame con prove differenziate basate sul proprio Piano Educativo Individualizzato. Lo schema di decreto parla della possibilità di ottenere infatti il diploma solo svolgendo l’esame con prove equipollenti agli altri alunni, tarate quindi sui programmi ministeriali e non sul poprio Piano Educativo Individualizzato. “In questo modo – spiega Nicola Tagliani, dell’Osservatorio scolastico AIPD – per gli alunni con disabilità intellettiva ci sarebbero state pochissime possibilità di ottenere la licenza, utile per l’inserimento nel mondo del lavoro. È incoerente che i decreti delegati che dovrebbero migliorare l’inclusione scolastica tolgano di fatto una possibilità attualmente prevista dalla normativa”.

Un nuovo lavoratore per la sezione AIPD di Lecce

Lo scorso 9 febbraio 2017, Michele Fracella, persona con sindrome di Down, ha firmato il suo contratto di lavoro, è stato assunto presso “La Boutique”, esercizio di pescheria – gastronomia di Nardò, un altro obiettivo raggiunto da Michele, che dopo aver frequentato l’Istituto albeghiero “N.Moccia” di Nardò, ha maturato un ricco curriculum di vari tirocini di lavoro.

Il contratto è per il momento a tempo determinato per 6 mesi ed è stato assunto ai sensi della legge 68/99 che regolamenta il collocamento mirato delle persone con disabilità.
Nei suoi primi periodi di lavoro sarà seguito da una Educatrice dell‘AIPD di Lecce, la dott.ssa Stefania Giuri, che continuerà il lavoro di monitoraggio per il periodo necessario, affinchè Michele acquisisca le capacità necessarie per svolgere in maniera autonoma le sue mansioni.

Decreti “Buona Scuola”: si riapre il confronto

Facendo seguito alle notizie già pubblicate su questo sito (http://aipd.it/decreti-attuativi-buona-scuola-si-riapra-il-confronto/ e http://aipd.it/i-decreti-delegati-applicativi-della-riforma-sulla-buona-scuola/), si forniscono gli ultimi aggiornamenti:

comunicato stampa FISH
Decreti “Buona Scuola”: si riapre il confronto

8 febbraio 2017

I toni decisi e le posizioni ben motivate mantenuti dalle Federazioni delle persone con disabilità (FAND e FISH) nelle audizioni presso le Commissioni Cultura e Affari sociali, chiamate ad esprimere pareri sui decreti attuativi sulla “Buona Scuola”, hanno sortito i primi effetti: si apre uno spiraglio per ridiscutere i testi.

In ordine di tempo la prima apertura proviene proprio dal Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli che, assieme al sottosegretario Vito De Filippo, ha incontrato le delegazioni di FAND e FISH, raccogliendo le ribadite osservazioni critiche sui decreti attuativi e profilando possibili interventi correttivi.

La seconda apertura si è registrata nella giornata di ieri, nuovamente con le Commissioni Cultura (VII) e Affari sociali (XII): anche in questa sede FAND e FISH hanno avuto l’opportunità di sostenere ancora e più nel dettaglio l’esigenza di emendare i decreti sottoposti all’esame parlamentare. La disponibilità è di entrare nel merito delle singole correzioni proposte prima di chiudere i lavori e restituire il parere alla Presidenza del Consiglio.

L’impegno di FAND e FISH è quindi ora rivolto alla presentazione e al sostegno dei singoli emendamenti che non sono pochi, né marginali.

Da un lato si esprime una cauta soddisfazione per le aperture raccolte, ma si mantiene uno stato di mobilitazione fino al raggiungimento degli obiettivi che le Federazioni ritengono irrinunciabili per la reale qualità dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.

Borse lavoro Fondazione Adecco-Barclays Bank-AIPD

ASSEGNATA L’ULTIMA BORSA LAVORO: COLLABORAZIONE FONDAZIONE ADECCO – BARCLAYS BANK – AIPD
Dopo Marino Cusimano (AIPD Termini Imerese), Elia Bazzocchi (AIPD Ravenna) e Marco Di Ianni (AIPD Campobasso), viene assegnata a Marianna Brocca, giovane di 28 anni con la sindrome di Down della sezione AIPD di Lecce, la quarta ed ultima borsa lavoro di € 1.200 prevista nell’ambito della collaborazione stipulata con la Fondazione Adecco per le Pari Opportunità (progetto “Youth&Future” – Barclays Bank).
Dal 1° dicembre 2016 Marianna sta svolgendo un tirocinio, della durata di 12 mesi, presso il supermercato M&G di Casamassella (Lecce), come addetta alla sistemazione scaffali.
Per accedere alla borsa ed arricchire le proprie competenze in ambito lavorativo, Marianna ha partecipato alle iniziative di orientamento al lavoro organizzate da AIPD nazionale e al progetto “Lavoriamo in rete”, oltre che alle attività effettuate presso la sede locale.

AIPD ringrazia la Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, Barclays Bank e le aziende coinvolte per il sostegno all’inserimento lavorativo delle persone con la sindrome di Down.

My Perspective 2017. Concorso fotografico internazionale per le persone con sindrome Down

Down’s Syndrome Association promuove il concorso fotografico “My Perspective 2017” – Stephen Thomas Award, aperto alle persone con sindrome di Down di ogni parte del mondo.

Termine per inviare fotografie è il 28 aprile 2017, in palio viaggio e pernottamenti per due persone a Londra.

Il 12 maggio saranno presentate le 25 immagini selezionate e si terrà poi la cerimonia di premiazione presso il Kew Gardens a Londra.

Si può partecipare attraverso un modulo di richiesta on-line o inviando le foto via posta ordinaria a:
My Perspective 2017 – Down’s Syndrome Association, Langdon Down Centre 2a Langdon Park TEDDINGTON TW11 9PS

Tutte le informazioni sono sul sito http://www.downs-syndrome.org.uk/for-people-with-downs-syndrome/my-perspective-photography-competition/

I Decreti delegati applicativi della riforma sulla “buona scuola”

Lettera alle Sezioni AIPD e a tutti i soci (QUI in formato pdf)

OGGETTO: I Decreti delegati applicativi della riforma sulla “buona scuola”

Carissimi,
vorremmo aggiornarvi rispetto alle vicende relative ai decreti delegati applicativi della legge di riforma sulla “buona scuola” di cui tanto si parla in queste ultime settimane e anche rispetto agli sforzi che stanno compiendo le associazioni, FISH e AIPD in particolare.
I decreti attuativi previsti dalla legge n° 107 del 15/7/2015 dovevano essere emanati dal Governo entro un anno e mezzo dalla promulgazione della legge e cioè entro il 16 gennaio 2017.
Molte speranze si riponevano in questi decreti delegati, soprattutto per quelli previsti dai 9 punti dell’art. 1 comma 181 lettera c) della legge n° 107/15 inerente la “promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità” (vedi scheda normativa n° 501. La riforma sulla “buona scuola” è legge (L. 107/15)).
Infatti si sperava di ottenere nuove conquiste normative per garantire un’inclusione scolastica di sempre maggior qualità per tali alunni.
Purtroppo così non è stato, almeno per ora.
Dopo l’emanazione della legge di riforma l’AIPD Nazionale, in quanto aderente alla FISH Nazionale, ha contribuito a portare proposte ad un tavolo promosso dal MIUR nell’ottobre 2015 proprio per raccogliere suggerimenti da parte delle associazioni rispetto ai contenuti del decreto delegato sull’inclusione scolastica. A quel tavolo in pratica sono stati riproposti i contenuti della proposta di legge FISH e FAND già presentata nel 2014 alla Camera (A.C. 2444).
Ricordiamo infatti che sulle questioni normative e politiche nazionali l’AIPD si muove sempre in seno alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) che è una delle due federazioni nazionali maggiormente rappresentative, insieme alla FAND, delle associazioni di persone con disabilità e di cui l’AIPD è tra i soci fondatori.

Purtroppo dopo quel primo incontro il MIUR non ha più coinvolto (ma nemmeno considerato) le associazioni, nonostante queste in molte occasioni abbiano continuato a chiedere un confronto sul testo del decreto delegato, anche reclamando la convocazione dell’Osservatorio Ministeriale della Consulta delle Associazioni. Purtroppo anche questa richiesta non è stata accolta.
In questo autunno dal MIUR trapelavano notizie informali contrastanti: si è arrivati addirittura a pensare che il Governo, anche a causa della caduta di Renzi, non avrebbe rispettato la scadenza della delega e in questo caso tutto sarebbe ritornato al Parlamento, allungando notevolmente i tempi.
Questo dubbio si è avuto fino a quando all’ultimo minuto (il 14/1/2017!) il nuovo Governo Gentiloni ha deciso di inviare alle commissioni parlamentari i testi degli schemi dei decreti delegati previsti dalla “buona scuola”, tra cui quello dell’inclusione degli alunni con disabilità.
Naturalmente visti i tempi strettissimi non sono stati accolti nemmeno gli ultimi appelli della FISH di poter leggere prima le bozze dei testi per dare proprie impressioni e proposte di modifica.
Appena sono stati finalmente pubblicati i testi degli schemi di decreto del Governo, la FISH ha emanato un duro comunicato stampa, in particolare proprio contro quello sull’inclusione scolastica.
Subito dopo la FISH è stata convocata per il 30 gennaio per un’audizione congiunta con le Commissioni parlamentari VII e XII che devono esprimere entro 60 giorni i propri pareri rispetto ai testi dei decreti delegati che il Governo ha redatto (video completo dell’audizione).
In quella occasione la FISH ha presentato una corposa memoria, condivisa in pochissimi giorni di attivo lavoro dai membri del suo Gruppo Scuola (del quale fa parte anche l’AIPD Nazionale), nella quale vengono evidenziati i numerosi punti che non trovano l’accordo delle associazioni aderenti alla FISH sia rispetto allo schema di decreto delegato n° 378 sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, ma anche su altri tre schemi di decreto che in ogni caso influenzeranno l’inclusione scolastica:
n° 377 sulla formazione iniziale dei docenti della scuola secondaria,
n° 384 sulla valutazione degli alunni nel primo ciclo,
n° 380 sul nuovo sistema integrato di educazione e istruzione 0-6 anni.
Nello stesso documento la FISH ha anche presentato una serie di emendamenti volti a modificare i testi degli schemi dei decreti, in particolare il n° 378 sull’inclusione scolastica (per una descrizione più analitica dei contenuti del decreto vedi la scheda normativa n° 546. Deludente il decreto sull’inclusione scolastica del gennaio 2017 sulla “buona scuola” (Atto Governo n° 378)).
Subito dopo l’audizione la FISH ha diramato un ulteriore comunicato stampa dove informa sull’esito dell’audizione e sulla disponibilità delle relatrici delle due commissioni a incontrarsi nuovamente per discutere i numerosi emendamenti proposti.
Questo incontro dovrebbe aver luogo la prossima settimana.

La FISH comunque ha individuato alcuni punti irrinunciabili che se non verranno modificati vedranno le associazioni costrette a mobilitarsi con tutti i mezzi possibili per non perdere addirittura le conquiste già ottenute negli anni sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità (per ulteriori approfondimenti vedi anche articoli su Vita.it):
ricoinvolgimento di tutti gli attori, inclusa la famiglia, nella formulazione del profilo di funzionamento dell’alunno e nella quantificazione delle risorse a lui assegnate;
riduzione dei momenti certificativi/valutativi/di pianificazione (accertamento disabilità/valutazione diagnostico funzionale/PEI/eventuale progetto individuale). Il decreto individua da tre a quattro organi diversi, a cui la famiglia partecipa solo minimamente in termini di sola collaborazione e nel solo PEI;
✔ concreta realizzazione della continuità didattica, in particolare dei docenti per il sostegno, sullo stesso alunno con disabilità;
tetto massimo di alunni per classe, in presenza di un alunno con disabilità, deve essere inderogabilmente di 22 alunni, mentre il decreto prevede tale limite solo “di norma” non prevedendo un limite alle eccezioni;
✔ ripristino della possibilità prevista dalla legge 104/92 di conseguire il diploma conclusivo del primo ciclo (ex terza media) anche svolgendo un esame con prove differenziate, e non equipollenti, tarate sul percorso previsto dal PEI personalizzato;
✔ reale formazione iniziale sulle didattiche inclusive per tutto il personale scolastico, in particolare per i docenti curriculari di scuola secondaria, non condizionata dalla disponibilità di risorse finanziarie;
esplicitazione del diritto all’istruzione precoce dei bambini con disabilità di età 0-6 anni, con priorità di accesso ai sensi della legge 104/1992.

Naturalmente vi terremo aggiornati sugli sviluppi, ma vogliamo preallertarvi nel caso si rendesse necessaria una protesta più forte e partecipata.

L’Osservatorio Scolastico AIPD Nazionale
osservscuola.legale@aipd.it

Lavoro al Sud con il progetto AIPD “Lavoratori a 6 stelle”

È iniziato il 1 dicembre 2016 il progetto dell’Associazione Italiana Persone Down “Lavoratori a 6 stelle”; finanziato da EBITEMP, Ente Bilaterale per il lavoro temporaneo. Il progetto ha la finalità di favorire l’inserimento lavorativo delle persone con sindrome Down nel contesto alberghiero, attraverso un lavoro di formazione e orientamento al su operatori, persone con sindrome Down, famiglie, aziende e istituzioni locali.

Il progetto, della durata di un anno, prevede la partecipazione di quindici persone con sindrome Down provenienti dalle sezioni AIPD di Catania, Reggio Calabria, Napoli, Foggia e Brindisi. I partecipanti sono accompagnati da 5 operatori. Reggio Calabria, Foggia e Napoli si sono già avvicinate al tema lavoro grazie alla partecipazione al progetto Lavoriamo in Rete  terminato nel giugno 2016, per Brindisi e Catania è invece la prima esperienza. Nell’ambito del progetto verrà sperimentato, nell’ambito dei tirocini che saranno avviati, la APP che aiuta le persone a lavorare in contesto alberghiero in modo autonomo, sperimentata nel progetto internazionale On my own… at work (OMO)

Guida alle agevolazioni fiscali per le persone con disabilità

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul suo sito web, la versione aggiornata a gennaio 2017 della “Guida alle agevolazioni fiscali per le persone con disabilità“.

Non ci sono particolari novità riguardo quanto già previsto e indicato nella versione precedente (nulla è cambiato rispetto, per es., alle agevolazioni auto, ai sussidi tecnici informatici, alle detrazioni per figli a carico).

Sono state inserite le indicazioni che fanno capo alla legge 112/2016 (la cosiddetta legge sul dopodinoi) relative alla detrazione delle spese per le polizze assicurative aventi per oggetto il rischio di morte finalizzate alla tutela delle persone con handicap di cui al comma 3 art. 3 della legge 104/92, che da € 530 sale a € 750 (art. 5 della legge 112/2016), e l’esenzione dall’imposta di successione e donazioni per beni e diritti conferiti in un trust a favore delle persone con handicap riconosciuto ai sensi del comma 3 art. 3 della legge 104/92, a condizione che abbiano come finalità esclusiva la loro inclusione sociale, cura e assistenza (art. 6 della legge 112/2016).

Inoltre, in base alla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 79/E del 23 settembre 2016, viene specificato che, ai fini della deduzione delle spese mediche e di assistenza specifica, le certificazioni sanitarie utili sono lo stato di handicap ai sensi della legge 104/92 anche senza la connotazione di gravità o, per chi ha solo lo stato di invalido civile, la titolarità dell’indennità di accompagnamento.

Ancora, le detrazioni IRPEF per le spese di eliminazione delle barriere architettoniche effettuate fino al 31 dicembre 2017 continueranno ad essere del 50% (per importi fino a € 96.000), mentre scenderanno al 36% per un importo massimo di € 48.000 a partire dal 1° gennaio 2018.

Scuole superiori… e dopo?

L’AIPD sezione di Roma ha organizzato un incontro dedicato alle famiglie dei giovani con sindrome di Down in procinto di lasciare la scuola superiore. L‘evento si svolgerà sabato 4 Febbraio 2017, dalle ore 9,30 alle 13, presso la “Città dell’Altra Economia”, Largo Dino Frisullo (zona Testaccio).

Relatori saranno Laura Sassi, membro CDA, Nicola Tagliani e Anna Lastella del Servizio Scuola, Francesca Pompili del Servizio Sociale e Vincenzo Fanelli del Servizio Inserimento Lavorativo della AIPD Sezione di Roma.

Decreti attuativi “Buona scuola”: FISH chiede di riaprire il confronto

comunicato stampa FISH
Decreti attuativi “Buona scuola”: si riapra il confronto

La FISH è stata oggi (30/01/2017, ndr) ricevuta alla Camera dalle Commissioni VII (Cultura, Scienza e Istruzione) e XII (Affari sociali) che congiuntamente stanno esaminando gli schemi dei decreti attuativi della legge 107/2015 (“Buona Scuola”) per i relativi pareri.

“Sono norme che possono segnare in modo determinante la qualità didattica e, prima ancora, l’effettiva inclusione degli alunni e studenti con disabilità. – anticipa Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – Sulla rilevanza di questo momento sentiamo tutto il sostegno, ma anche la preoccupazione, di migliaia di famiglie. Abbiamo, quindi, vissuto e condotto questo confronto con particolare determinazione e fermezza, anche perché le premesse e le proposte sono molto lontane dai principi e dalle soluzioni che perseguiamo da sempre.”

E le osservazioni di FISH, contenute in una dettagliata e ponderosa memoria, non riguardano solo lo schema di decreto sull’inclusione scolastica degli studenti con disabilità (Atti del Governo, n. 378), ma anche altri 3: n. 377 (formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria), n. 380 (scuola d’infanzia), n. 384 (valutazione e certificazione delle competenze).

“Non abbiamo espresso solo osservazioni, critiche, suggerimenti a tutto tondo, ma anche richieste che riteniamo irrinunciabili per poter considerare questi provvedimenti per lo meno non in contrasto con la Costituzione e con la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. – prosegue Vincenzo Falabella – Vista l’ampiezza degli aspetti sollevati e il dettaglio dei rilievi abbiamo raccolto la disponibilità da parte delle relatrici delle Commissioni a ulteriori confronti di approfondimento.”

In effetti, gli elementi sollevati sono particolarmente pressanti. Si va dalla richiesta di partecipazione di tutti gli attori (persone con disabilità, famiglie, enti locali e sanitari) alla formulazione del profilo di funzionamento ed alla quantificazione delle risorse per una effettiva inclusione, alla concreta realizzazione della continuità didattica, in particolare dei docenti per il sostegno, sullo stesso alunno con disabilità. Si chiede la declinazione dei livelli essenziali delle prestazioni in tema di inclusione scolastica alla determinazione del tetto massimo inderogabile di 22 alunni per classe di ogni ordine e grado, in presenza di uno con disabilità grave o due con disabilità non grave.

E ancora: il riconoscimento del ruolo educativo degli asili nido (0-3 anni) con l’esplicitazione del diritto all’istruzione precoce dei bambini con disabilità di età 0-6 con priorità di accesso.

Ma richieste forti riguardano anche la formazione iniziale sulle didattiche inclusive per tutto il personale scolastico, in particolare per i docenti curriculari di scuola secondaria.

“Ci sentiamo – speriamo non ingenuamente – in una posizione di forza: abbiamo dimostrato al contempo capacità tecnica nel proporre soluzioni sostenibili e la presenza politica che deriva dalle istanze di migliaia di famiglie. Ci auguriamo prevalga quella ragionevolezza necessaria a modificare i decreti proposti e a riaprire il confronto.”

30 gennaio 2017

A Rai 3 si parla di autonomia, residenzialità e lavoro

Lunedì 30 gennaio 2017 Italo Maddalena, persona con sindrome di Down, assunto da molti anni presso un ristorante “MacDonald’s” della capitale, e Anna Contardi, coordinatrice delle attività AIPD e presidente di EDSA, saranno ospiti della trasmissione di Rai Tre “Fuori TG“, in onda da partire dalle ore 13,40.

Tratteranno i temi legati all’età adulta, dall’autonomia al lavoro, alla residenzialità.

QUI il link alla pagina del programma dove è possibile rivedere la puntata.

Giornata della Memoria

Lo sterminio delle persone con disabilità non fu solo la parte a lungo misconosciuta dell’Olocausto ma ha rappresentato di fatto il prologo di quello che sarebbe poi accaduto agli ebrei e ai nomadi.
Le persone con disabilità uccise furono più di settantamila con il famigerato Aktion T4, sul quale da alcuni anni si è sollevato il velo di silenzio che lo ha invece coperto per molti decenni.

Proponiamo la lettura de “Quel primo Olocausto” a firma di Stefania Delendati, pubblicato sul sito web di Superando.

 

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario. Primo Levi, “Se questo è un uomo”

Amicizia, inclusione e sindrome Down, il contest “SelfiAMOci” di Aipd Roma

Amicizia, inclusione e sindrome Down. Sono questi i temi al centro del contest “SelfiAMOci” lanciato dalla sezione Aipd di Roma. L’iniziativa, promossa da Aipd Roma, è in linea con il tema di attualità scelto quest’anno per il calendario 2017.

Si può partecipare fino al 15 febbraio 2017 inviando un selfie, individuale o di gruppo in cui ci sia presente almeno una persona con sindrome Down. Per maggiori informazioni si può leggere qui.

 

“Trabajadores en camino”, avviato il primo stage presso “INOUT” a Barcellona

Dal 15 gennaio al 5 febbraio 2017 Anna Carmela e Giuseppe della sezione AIPD di Caserta, Pierpaolo e Rocco della sezione AIPD di Potenza, accompagnati da due educatori, sono a Barcellona per svolgere un’esperienza di lavoro di tre settimane, nel settore alberghiero, presso l’ostello Inout.

L’attività è parte dell progetto “Trabajadores en camino”, finanziato dal programma comunitario Erasmus Plus nell’ambito dell’azione Ka1 Learning Mobility of Individuals (Mobilità ai fini di apprendimento).

FISH: decreto su inclusione scolastica da rigettare

comunicato stampa FISH

Unanimità della Giunta FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap nel rigettare con forza lo “Schema di decreto legislativo recante norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità”, l’Atto del Governo (378) approdato all’esame delle Camere in questi giorni.

“Non si può certo dire che negli ultimi due anni la nostra Federazione non abbia praticato un confronto tecnico e politico con il Ministero dell’Istruzione. Lo abbiamo dimostrato ripetutamente in confronti diretti con la dirigenza politica e tecnica di quel Dicastero. Siamo giunti persino ad elaborare e a presentare anche una specifica proposta di legge concordandone correzioni e aggiustamenti con il Ministero stesso di ben altra qualità rispetto al papocchio che ora assume la veste di Atto del Governo. Ma quando l’Esecutivo ha assunto la delega in forza della legge sulla ‘buona scuola’, di quella apparente disponibilità al confronto si è persa la sostanza e il senso. Anzi, le istanze delle persone con disabilità sono state largamente ignorate se non contrastate.”

Così commenta Vincenzo Falabella alla conclusione della Giunta Nazionale della FISH convocata per confrontarsi su questo aspetto e per stabilire la posizione da tenere.

“Vediamo tradite le principali istanze del movimento delle persone con disabilità, mascherandole dietro dichiarazioni di intento ma declinandole in un nulla di davvero concreto, anzi tornando indietro rispetto anche alle minime garanzie attuali. Temi come quelli della continuità scolastica, della garanzia di sostegno adeguato, della formazione dei docenti, della qualità scolastica, della corretta valutazione delle necessità e delle potenzialità degli alunni con disabilità, della programmazione sostenibile e congruente, della rivisitazione intelligente di ruoli, competenze, responsabilità sono – in tutta evidenza – tradite e, a tratti, irrise. In termini ancora più schietti: una presa in giro!”

E di fronte a tali gravi considerazioni, visto ed analizzato il testo dello schema di decreto, il Presidente Vincenzo Falabella ribadisce che “la FISH e le associazioni federate non potranno che avviare una mobilitazione e tutte le forme di protesta e di denuncia utili a rivedere profondamente questo testo da cui prendiamo con vigore le distanze come associazioni e come Cittadini.”

Ottava salvaguardia, è possibile verificare online il possesso dei requisiti

Dell’ottava salvaguardia avevamo dato notizia in occasione della pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge di stabilità 2017 e poi della successiva emanazione della circolare 41/2016 del Ministero del Lavoro.

Ora l’INPS ha predisposto un servizio online che permette agli interessati di verificare il possesso o meno dei requisiti per accedere alla salvaguardia e dunque procedere (o no) alla presentazione dell’istanza.

Dettagli e chiarimenti sono nell’allegato al messaggio INPS n. 193 del 17 gennaio 2017

Si chiarisce che accedere alla verifica dei requisiti NON sostituisce l’istanza di accesso all’ottava salvaguardia, la cui modalità è indicata nella già citata circolare 41/2016 del ministero del lavoro. Termine di scadenza l’istanza è il 2 marzo 2017.

Per maggiori informazioni vedere anche la circolare INPS n. 11, 26 gennaio 2017.

Provvidenze economiche per invalidi civili 2017

L’INPS ha pubblicato la circolare n. 8, 17 gennaio 2017, “Rinnovo delle pensioni e delle prestazioni assistenziali per l’anno 2017”, contenente, tra gli altri, gli importi delle pensioni e delle indennità riconosciute agli invalidi civili (alla pag. 29 dell’allegato 3, nella Tabella M.3).
In concreto è stato modificato solo l’importo dell’indennità di accompagnamento che da euro 512,34 passa a euro 515,43, per il resto è tutto immutato.

– Indennità di accompagnamento
per invalidi civili (minori e maggiorenni, 100% di invalidità e necessità di assistenza continua):
€ 515,43

– Pensione di invalidità
(maggiorenni, 100%):
€ 279,47. Il limite di reddito è fissato in € 16.532,10

– Assegno mensile
(maggiorenni, invalidità compresa tra il 74 e il 99%):
€ 279,47. Il limite di reddito è fissato in € 4.800,38

– Indennità di frequenza
(minori con difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni della propria età che frequentano nido, scuola e/o svolgono terapie continuative presso ASL o centri convenzionati):
€ 279,47. Il limite di reddito è fissato in € 4.800,38.

Gli importi per il 2017 resteranno indicati su questo sito in “Diritti”, nella pagina dedicata.

Grillo su titolo ‘Voce di Mantova’, chiediamo sanzioni per direttore giornale

Siamo confortati dalla presa di posizione dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia e speriamo che si apra davvero un’istruttoria davanti al consiglio di disciplina per il direttore della ‘Voce di Mantova’. Siamo veramente indignati per un titolo che ha denotato una così scarsa intelligenza comunicativa”. Con queste parole Paolo Virgilio Grillo, presidente dell’Associazione Italiana Persone Down auspica un intervento dell’Ordine regionale dei giornalisti contro il direttore della ‘Voce di Mantova’ responsabile del titolo apparso lo scorso 7 gennaio in tutte le locandine della città “Mongoli in mongolfiera. A fuoco dopo atterraggio sui cavi dell’alta tensione”.

Il titolo – continua Grillo – non si riferiva né a cittadini della Mongolia né a persone con sindrome Down ma a cittadini tedeschi, la parola è stata quindi usata come una palese offesa, che ci fa regredire dopo anni e anni di lavoro sulla stigmatizzazione di tali espressioni”. Il titolo della ‘Voce di Mantova’ viola anche le norme deontologiche contenute nel Testo Unico dei doveri del giornalista (nell’art. 6) che tutti i giornalisti devono rispettare pena provvedimenti disciplinari dell’ordine territoriale competente.

Decima edizione per “Zoldo is fun”di AIPD Belluno

Torna la manifestazione dell’APD di Belluno “Zoldo is fun. Gioco sulla neve per uno sport davvero per tutti” giunta alla decima edizione.

Dal 19 al 21 gennaio 2017, Palafavera, Val di Zoldo, Dolomiti saranno teatro di attività e giochi sulla neve, per partecipare ai quali è possibile iscriversi entro il 10 gennaio.  L’evento rientra nel progetto “Senza frontiere – sport, alimentazione salute e benessere”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Social ai sensi dell’art. 12, comma 3, lett f) della legge 383/2000 – Annualità 2015

Discontinuità didattica

Pubblichiamo il testo della scheda normativa curata dall’Osservatorio Scolastico AIPD (avv. Salvatore Nocera, dott. Nicola Tagliani) dedicata al tema, spinoso e purtroppo sempre attuale, della discontinuità didattica.
Le riflessioni prendono spunto dal dossier “Mobilità 2017 – Il grande caos, atto secondo: e agli studenti chi ci pensa?”, recentemente realizzato dal portale Tuttoscuola.com

La iattura della discontinuità didattica nell’a.s. 2016/2017 (scheda 545)
L’area normativo-giuridica dell’Osservatorio Scolastico AIPD concorda con l’analisi puntuale dei dati forniti dal Dossier di Tuttoscuola.com “Mobilità 2017 – Il grande caos, atto secondo: e agli studenti chi ci pensa?” e commentati dal Corriere della Sera del 9/1/2017 con particolare attenzione alla discontinuità didattica verificatasi nel corrente anno scolastico.

Secondo i dati forniti dal Dossier di Tuttoscuola quasi un terzo dei docenti italiani (275.000 su 768.000) ha cambiato sede quest’anno, creando disagi a ben 2,5 milioni di studenti.
In questi dati vanno compresi anche gli alunni con disabilità e gli insegnanti per il sostegno. Purtroppo il dossier non distingue separatamente questi dati, ma ad essi si può pervenire in base a stime ricavabili dai dati diffusi dal MIUR.

Dal Focus “Anticipazione sui principali dati della scuola statale a.s. 2016-2017” risultano:
– Alunni con disabilità: 224.509 (circa 2,87% del totale degli alunni)
– Docenti per il sostegno (a tempo indeterminato e determinato, compresi anche quelli dell’organico di potenziamento): 124.572 (circa 15,5% del totale dei docenti)

Stando ai dati del Dossier di Tuttoscuola circa un terzo dei docenti per il sostegno ha cambiato sede quest’anno (circa 41.500), coinvolgendo nel disagio circa un terzo degli alunni con disabilità (circa 75.000).

DISCONTINUITA’ PER I DOCENTI PER IL SOSTEGNO
Approfondendo ulteriormente l’analisi, il terzo di docenti per il sostegno con discontinuità comprende sia docenti a tempo determinato, per i quali la discontinuità è la regola, ma anche quelli a tempo indeterminato, per i quali la discontinuità non dovrebbe porsi. Anzi si è sempre sostenuto da parte governativa e ministeriale che le recenti immissioni in ruolo e il nuovo concorso avrebbero stabilizzato numerosi docenti, ivi compresi quelli per il sostegno, facendo quindi diminuire la discontinuità.

Stando ai dati ministeriali ultimi disponibili “L’integrazione scolastica degli alunni con disabilità – a.s. 2014/2015” circa il 63% dei docenti per il sostegno nell’a.s. 2014/2015 era a tempo indeterminato (pari allora a circa 75.000 su un totale di 119.000).

Ferma restando questa percentuale, il 63% dei 41.500 docenti per il sostegno che ha cambiato sede in quest’anno scolastico è pari a 26.145.
Con le immissioni in ruolo degli ultimi due anni conseguenti alla l. n° 107/2015 sulla “buona scuola” questa percentuale è certamente aumentata. Pertanto si può stimare che il numero dei docenti per il sostegno a tempo indeterminato che ha cambiato sede sia non inferiore alle 30.000 unità.

Considerando che il rapporto medio tra docenti per il sostegno e alunni con disabilità è di quasi 1 a 2, circa 60.000 studenti con disabilità dei 75.000 che hanno subito discontinuità, hanno subito questo grave disagio pur avendo docenti per il sostegno a tempo indeterminato.
Ciò inficia gravemente le aspettative delle famiglie ed i buoni propositi dell’amministrazione scolastica.

STUDENTI AL SUD
Continuando nell’approfondimento, dal dossier risulta che al Sud c’è un numero di docenti per il sostegno proporzionalmente superiore che al Nord; ciò è dovuto, oltre che alle motivazioni correttamente indicate nel dossier anche al fatto che al Sud i servizi di supporto organizzativo all’inclusione scolastico forniti dagli enti locali, come ad es. l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione di cui all’art. 13 comma 3 della l. n. 104/92 sono ben inferiori (e talora inesistenti) rispetto al Nord; di qui la richiesta e l’ottenimento di un maggior numero di ore di sostegno; conseguentemente al Sud la discontinuità didattica del sostegno è ancor di più avvertita che non al Nord.

LE DEROGHE IN ORGANICO DI FATTO
A ciò si aggiunga che il Ministero continua ad inserire le deroghe per le ore di sostegno (cioè le ore aggiuntive al numero di quelle corrispondenti alla media nazionale di un insegnante per due alunni) nell’organico di fatto, anziché in quello di diritto.
Trattasi di circa 41.000 posti di sostegno.
La procedura di assegnazione di questi posti è quanto di più assurdo possa esservi al fine della continuità didattica: infatti agli alunni che ne fanno richiesta nel PEI, come prevede la legge (art. 10, comma 5 del decreto legge 78/2010, convertito nella l. n° 122/10), viene prima assegnato un numero di ore di sostegno pari alla media nazionale di 1 a 2 in organico di diritto; quindi si procede all’assegnazione delle deroghe in organico di fatto. Ovviamente il docente cui è stata assegnata la mezza cattedra in organico di diritto all’alunno, viene dirottato per l’altra mezza cattedra su altro alunno, quindi il completamento della cattedra in base alle deroghe in organico di fatto viene effettuato con altro docente; quindi molto spesso gli alunni che hanno maggior bisogno di continuità sono più esposti al rischio di discontinuità.

Addirittura il Direttore scolastico regionale della Puglia, che per ovviare a tale inconveniente aveva assegnato direttamente in organico di diritto la cattedra completa per le deroghe, si è visto accogliere dal TAR un ricorso dei sindacati che hanno preteso che venisse rispettata la sequenza tra organico di diritto e poi di fatto previsto dalla normativa.

PROPOSTE DI MODIFICHE NORMATIVE
Per questi motivi la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, di cui l’AIPD è socio fondatore), ha presentato nel 2014 la Proposta di Legge Atto Camera n. 2444, poi recepita anche dalla FAND (Federazione delle Associazioni Nazionali dei Disabili), nella quale si avanzavano alcune proposte per garantire una maggiore continuità didattica almeno del sostegno.

Tali proposte sono state ripresentate al Ministero in occasione della discussione sulla formulazione dei possibili contenuti dell’emanando decreto delegato sul miglioramento della qualità dell’inclusione scolastica, di cui all’art. 1, comma 181, lettera c) della l. n° 107/2015, sulla “buona scuola”.

Le proposte possono leggersi nel nostro e-book edito dalla Key Editore (www.keyeditore.it) dal titolo “La normativa inclusiva nella nuova legge di riforma sulla Buona Scuola” e nella bozza della PdL FISH e FAND:
– 1. Per i docenti a tempo indeterminato si propone che essi debbano permanere su cattedra di sostegno almeno nove anni e comunque debbano completare con lo stesso alunno il ciclo di studi intrapreso (infanzia, primaria, etc.).
– 2. Per i docenti a tempo determinato l’incarico non sia più annuale ma triennale e comunque sino al completamento del ciclo triennale di studio dell’alunno (primo triennio delle primarie, triennio delle secondarie di primo grado, primo triennio delle secondarie di secondo grado, etc.).
– 3. Le due federazioni hanno invero presentato una proposta molto più radicale e cioè la creazione di quattro appositi ruoli di sostegno ciascuno per ogni ordine di scuola, in modo da garantire una scelta professionale all’inizio della carriera. Tale proposta è però stata fortemente avversata dai sindacati della scuola e da molti docenti per il sostegno che preferiscono non perdere il vantaggio di poter avere la possibilità di contemporanea o successiva docenza di sostegno e su cattedra disciplinare nella quale, attualmente, debbono essere abilitati per poter entrare di ruolo.
– 4. In previsione del mancato accoglimento della terza proposta a causa dell’avversione degli oppositori, FISH e FAND hanno allora chiesto sia inserita nell’emanando decreto delegato anche la previsione normativa che non si possa passare su cattedra curricolare da quella di sostegno se non per “passaggio di cattedra” (che avviene su concorso a numero chiuso) e non più per la normale mobilità (trasferimenti annuali su un numero di cattedre ben maggiore); tale norma, unita alla proposta di cui al punto 1 dovrebbe garantire una continuità maggiore rispetto all’attuale discontinuità.
– 5. Per limitare poi la discontinuità durante lo stesso anno, che dal Rapporto ISTAT “L’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado” risulta essere paurosa, le associazioni propongono che il Ministero voglia applicare l’art. 461 del Testo Unico sulla normativa scolastica, approvato con D.Lgs n° 297/1994, secondo il quale un docente non può essere spostato dalla propria sede dopo il ventesimo giorno dall’inizio delle lezioni. Tale norma sino ad oggi è stata invocata dai soli docenti per il sostegno ad es. per rifiutarsi di seguire un alunno con disabilità che si trasferisca dopo qualche mese da una scuola all’altra nello stesso comune.

Sarebbe molto più razionale che invece la norma venga applicata dal Ministero per garantire la continuità didattica agli alunni con disabilità; ciò eviterebbe lo spreco di pubblico denaro per la nomina di supplenti di sostegno ad alunni con disabilità, specie intellettiva, ai quali magari, dopo aver instaurato con fatica una proficua relazione personale ed educativa con un docente per il sostegno, viene assegnato altro docente col quale fa appena in tempo a conoscersi prima che l’anno scolastico sia finito, per dover ricominciare la stessa assurda trafila l’anno successivo.
Queste sono le proposte che le associazioni propongono, non limitandosi a lamentare i danni della discontinuità, ma volendo collaborare concretamente al miglioramento della qualità dell’inclusione.
Ci si augura che il Ministero ed il Governo vorranno accogliere e far proprie queste proposte nell’emanando decreto delegato previsto dalla legge di riforma n° 107/2015.

Ottava salvaguardia

Ne avevamo parlato su questo sito nella notizia dedicata alla Legge di Stabilità 2017.

La legge 232/2016 ha introdotto l’ottava salvaguardia: il comma 214, lettera e, dell’art. 1, individua la possibilità di accedere alla pensione per (tra gli altri) un massimo 700 lavoratori che avrebbero perfezionato i requisiti secondo la normativa previgente alla “legge Fornero” entro il mese di gennaio 2018, e che nel 2011 hanno fruito del congedo straordinario (di cui all’art 42, comma 5 del decreto legislativo 151/2001) per l’assistenza ai figli con handicap di cui al comma 3, art. 3 della legge 104/92.

Ricordiamo che i requisiti pre-Fornero consistevano, alternativamente, nel raggiungimento di:
– quota 96 cioè 60 anni di età anagrafica e 36 anni di anzianità contributiva, o 61 anni di età e 35 di contributi;
– 40 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica;
– nel caso di pensione di vecchiaia, 20 anni di contributi (o, 15 se in servizio prima del 31/12/1992) e 65 anni di età per gli uomini e 60 o 61 per le donne (a seconda del settore – rispettivamente privato o pubblico – di appartenenza).

Il Ministero del lavoro ha pubblicato la circolare 41/2016 con la quale detta le modalità operative per l’accesso alla salvaguardia. Online sul sito del Ministero il modello dell’istanza che va presentata entro il prossimo 2 marzo (sessanta giorni dalla entrata in vigore della legge 232/2016) via mail, pec o raccomandata all’Ispettorato del lavoro territorialmente competente (qui l’elenco con gli indirizzi di posta elettronica).

Laboratorio di scrittura “Corso D” per 15 ragazzi di Termini Imerese

Martedì 10 gennaio 2017 è iniziato il Laboratorio di letto-scrittura “Corso D” per 15 ragazzi con sindrome Down a Termini Imerese. Il progetto è ideato e realizzato dalla sezione AIPD di Termini Imerese per sviluppare le competenze fonologiche, metalinguistiche e linguistiche che sono alla base degli apprendimenti della lettura e della scrittura. Iniziato il 10 gennaio il laboratorio si concluderà il 6 giugno 2017 e si svolge una volta a settimana per due ore.

Il corso è seguito dalla prof. Cristina Randone, come operatrice responsabile, supportata da tre volontari: Elena La Russa, Evelyn Erco e Danilo Morreale. Partner del progetto è la Scuola Liceo Classico G. Ugdulena di Termini Imerese che ha messo a disposizione locali e strumenti didattici (LIM).

Tre assunzioni a tempo indeterminato a Bari per ragazzi con sindrome Down

Sono tre i ragazzi con sindrome Down della sezione AIPD di Bari che sono stati assunti a tempo indeterminato dopo sei mesi di tirocinio formativo. I tre lavoratori sono in forze alla catena di ristorazione pugliese Bacio di Latte.
L’assunzione è giunta al termine di un percorso di affiancamento che ha visto ognuna delle persone impegnata in mansioni diverse in uno dei diversi punti vendita di Bari. Il tutoraggio è stato seguito da educatori dell’AIPD di Bari, sotto la supervisione di Viviana Lagattolla, responsabile del SIL (Servizio di Inserimento Lavorativo) della sezione. I ragazzi, Piera Stefania Mastrorosa di 22 anni, Roberto Caruso di 22 anni e Simona Signorile di 31 anni sono occupati in tre diversi bar al centro di Bari. Roberto è cameriere in sala mentre Simona e Piera sono banconiste.

“La nostra professionalità – sottolinea Mariella De Napoli, presidente della sezione AIPD di Bari – ha incontrato l’intraprendenza di un manager attento ed esigente come Mino D’Alonzo, proprietario della catena Bacio di Latte, coniugandosi con la determinazione dei ragazzi e delle loro famiglie, anch’esse supportate dal servizio di inserimento lavorativo per garantire il miglior esito del tirocinio. Il tutto si riferisce per altro a un protocollo che applichiamo con efficacia da circa dieci anni presso la nostra Associazione e che sino ad ora ha prodotto l’assunzione di dieci giovani a tempo indeterminato, tra coloro che hanno manifestato la volontà e i prerequisiti per un inserimento lavorativo e che in alcuni casi hanno svolto diversi tirocini prima di approdare all’assunzione stessa. Infatti, in ossequio al principio che “lavoratori non si nasce ma si diventa”, vogliamo ricordare che questi ragazzi hanno seguito per anni i percorsi di autonomia dell’AIPD, grazie ai quali il nostro staff di operatori, guidati da Margherita Mona, sostiene le persone con sindrome di Down e le loro famiglie nella ricerca di un benessere individuale che per taluni può tradursi nell’inserimento lavorativo”. La notizia è stata pubblicata anche dalla Gazzetta del Mezzogiorno.

“Diritto ai Diritti”, la messa in onda su Rai Tre

Come preannunciato, Rai TRE ha trasmesso nella mattina del 6 gennaio scorso il docu-film “Diritto ai diritti“, prodotto da AIPD con la regia di Christian Angeli e realizzato nell’ambito del progetto omonimo finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Soddisfatti degli ascolti che hanno registrato 351.000 spettatori e uno share del 2,33%. Il film sarà visionabile sul sito di Rai Play ancora per alcuni giorni.