“Diritto ai diritti”, il documentario



LUGLIO 2017
Premio internazionale “Spotlight Documentary Film Awards” GOLD AWARD – il titolo tradotto in inglese del docufilm è “GIVE RIGHT TO THE RIGHTS



APRILE 2017
21 aprile, Milazzo, presentazione presso l’I.I.S. G.B. Impallomeni
27 aprile, Milazzo, presso l’I.T.T. E.Majorana. entrambe le iniziative sono organizzate dall’AIPD Milazzo-Messina




MARZO 2017

22 marzo, Tuenno (Tn), nel corso dell’incontro “Il diritto delle mie scelte” organizzato dalla sezione AIPD Trentino, presso la Sala Polifunzionale Cassa rurale di Tuenno (Val di Non). Evento inserito per la celebrazione della Giornata Mondiale delle Persone con sindrome di Down

21 marzo, Potenza, la sezione AIPD ha organizzato la proiezione del docu-film nei Licei scientifici di Potenza, Lauria e Laurenzana, e in una scuola media di Potenza. Evento inserito per la celebrazione della Giornata Mondiale delle Persone con sindrome di Down:

potenza-wdsd17-incontroscuole

21 marzo, Reggio Calabria, incontro organizzato dalla sezione AIPD presso il Campus San Vincenzo de’ Paoli della città. Evento inserito per la celebrazione della Giornata Mondiale delle Persone con sindrome di Down:

wdsd17-reggiocalabria



GENNAIO 2017
30 gennaio, Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), presso l’UTE (Università della Terza Età)

6 gennaio, RAI TRE, ore 12,25
6gennaio17-dirittto-ai-diritti-rai3



DICEMBRE 2016
10 dicembre, Roma, nel corso dell’AS Festival, presso il MAXXI, Museo Nazionale delle arti del XXI Secolo



NOVEMBRE 2016
30 novembre, Roma. All’interno del programma del seminario AIPD per gli educatori dei percorsi di autonomia, presso il “Roma Scout Center”

27 novembre, Trento, incontro organizzato dall’AIPD del Trentino per i soci

12 novembre, Milazzo, Palazzo D’Amico, dalle 16,30. Incontro con il sindaco di Milazzo ed esponenti dell’Assessorato alle Politiche Sociali dei Comuni di Roccalumera e di Milazzo

11 novembre, Pisa, presso la Stazione Leopolda

4 novembre, Oristano, nel corso del convegno “Autonomia possibile



OTTOBRE 2016
7 ottobre, Bari, Sala Cinema dell’Istituto Salesiano del Redentore:


7 ottobre, Frosinone, Salone di rappresentanza del Palazzo della Provincia:
frosinone-gnpd-7ott2016 frosinone-gnpd-7ott2016-2



SETTEMBRE 2016

27 settembre 2016, Auletta Parlamentare della Camera dei Deputati:
diritto-diritti-camera-1 diritto-diritti-camera-2
Qui sotto l’intero evento ripreso e trasmesso da Radio Radicale:
video-27sett2016-radioradicale


24 settembre, Termini Imerese presso la Sala convegni del Circolo Margherita:
termini-24sett2016-dirittoaidiritti termini-24sett2016-dirittoaidiritti-2
15 settembre, Arezzo, presso la Provincia:
  arezzo-15sett2016-dirittoaidiritti arezzo-15sett2016-dirittoaidiritti2

10 e 11 settembre, Marina di Pietrasanta (LU) presso l’associazione sportiva Nimbus;



AGOSTO 2016:
nell’ambito del Ritiro Nazionale ARCI Ragazzi, a Cantagallo, in provincia di Prato dal 29 luglio al 7 agosto
docu-ArciRagazzi2016 docu-ArciRagazzi2016-2



LUGLIO 2016:
11 luglio Pisa,  Sala Convegni Stazione Leopolda:
pisa-11luglio16-dirittoaidiritti2  pisa-11luglio16-dirittoaidiritti3
Qui
il resoconto della serata

6 luglio, alle 17.30, in onda su Radio Articolo 1, intervento di Christian Angeli e Carlotta Leonori nel programma Ellecult:

4 luglio 2016, presentazione del film a cura di AIPD Mantova. Cinema Mignon, Mantova
Mantova-4luglio2016 Mantova-4luglio2016-2

4 luglio 2016 Presentazione del film a cura di AIPD Nazionale. Roma, Casa del Cinema
Sul sito di Radio Radicale è online il resoconto dell’intera mattinata di lavori:



Anteprima del documentario realizzato nell’ambito del progetto AIPD “Diritto ai diritti“, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (legge 383/2000, lett.f, annualità 2014). Regia di Christian Angeli:

Un gruppo di persone con la sindrome di Down compie un percorso di conoscenza e di confronto su alcuni temi della politica. Quattro di loro, dopo un costante allenamento, si fanno portavoce delle speranze di tutti, incontrando, negli studi di Radio Radicale, alcuni deputati del Parlamento Italiano di diverso orientamento politico, a cui raccontano le proprie storie e sottopongono richieste precise.


Incentivi alle aziende che assumono persone con disabilità

La circolare INPS 99/2016 illustra le indicazioni operative rispetto all’applicazione degli incentivi previsti dall’art. 13 della legge 68/99, così come modificato dall’art. 10 del decreto legislativo n. 151/2015 per le assunzioni di lavoratori con disabilità effettuate dal 1° gennaio 2016.

Nel caso di persone con disabilità intellettiva con percentuale di invalidità civile superiore al 45%, quindi tutte le persone con sindrome di Down, l’incentivo è pari al 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali per la durata massima di 5 anni (sessanta mesi) sia in caso di contratti a tempo indeterminato (come era precedentemente) sia nel caso di contratti a tempo determinato purché di durata non inferiore a 12 mesi.

Ulteriore importante novità è l’accesso all’incentivo: l’art. 13 così riformulato prevede che entro 5 giorni dalla domanda dell’incentivo da parte del datore di lavoro, l’INPS notifica la disponibilità o meno dei fondi. Entro 7 giorni dalla comunicazione il datore stipula il contratto del quale entro i successivi 7 giorni ne dà notizia alll’INPS.

Gli incentivi in questione sono cumulabili con l’esonero per massimo 2 anni dal versamento del 40% dei contributi previdenziali nel limiti massimo di euro 3.250 per chi assume a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2016 (legge 208/2015, art. 1, comma 178). Inoltre l’incentivo per l’assunzione delle persone con disabilità è cumulabile anche con il Bonus occupazionale previsto dal programma Garanzia Giovani nel limite del 100% dei costi salariali.

Per il procedimento di ammissione all’incentivo da parte dei datori di lavoro si rimanda alle istruzioni contenute dal punto 7 della circolare INPS.

 

 

Progetto individuale

Riportiamo il commento, a cura di Salvatore Nocera, della recente sentenza del Tribunale civile di Ancona (n° 893 del 30 Maggio 2016) che ha stabilito che il progetto individuale delle persone con disabilità non può essere modificato dal Comune per motivi di bilancio:

Il Tribunale civile di Ancona con la sentenza n° 893 del 30 Maggio 2016 ha consolidato la natura giuridica del progetto individuale di vita, previsto dall’art. 14 della l. n° 328/2000 a favore delle persone con disabilità, stipulato con l’interessato dal Comune che ne assume la responsabilità politica globale e giuridica per i servizi di propria competenza.

Inizialmente i Comuni hanno ritenuto che la formulazione dell’art. 14 fosse una previsione solo politica senza alcuna rilevanza giuridica. Ma negli ultimi anni, specie per iniziativa dell’ANFFAS, sono stati promossi molti processi per fare accertare l’esistenza di un dovere giuridico di formulazione di tale progetto.
Adesso questa sentenza rafforza questa natura giuridica del progetto individuale di vita affermando che addirittura trattasi di un contratto tra Comune e interessato che non può essere modificato unilateralmente dal Comune.
Oggetto della sentenza è stato un progetto individuale che, per un adulto con disabilità assai complessa sottoposto a tutela, prevedeva la sua collocazione in un centro residenziale ed in un centro diurno, dove svolgeva pure attività riabilitativa. Successivamente il Comune, adducendo problemi di bilancio, ha deciso unilateralmente di modificare il progetto, stabilendo che la persona dovesse permanere solo nel centro residenziale, dove pure avrebbe potuto svolgere attività riabilitativa. Il tutore dell’interessato ha allora citato il Comune per violazione del contratto ed il Tribunale gli ha dato ragione.
Questi alcuni stralci più significativi della sentenza:
“Il Giudice Tutelare ha dunque fatto buon governo della prevalente giurisprudenza, alla quale anche questo giudice intende dare continuità, secondo cui la predisposizione di un progetto personalizzato a favore di un utente affetto da disabilità viene a costituire un diritto soggettivo “incomprimibile in dipendenza di carenze organiche, ovvero di esigenze di bilancio” (TAR Lazio 470512015; TAR Toscana, n. 5412014; arg. ex Cass., n. 2601120146; arg. ex C.Cost.,n. 80/2010).
Tale diritto trova fondamento: nell’art. 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani, nell’art. 24, 25 e 26 della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con disabilità, ratificata in Italia con legge 18/2009, nell’art. 2 del Trattato sull’Unione Europea, negli artt. 9 e 10 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione e nella Costituzione (artt. 2,3,32,34 e 38), art. 14 della legge 328/2000.Alla luce delle argomentazioni che precedono e delle norme richiamate questo giudice ritiene che una volta indicato e definito un PEI a favore di un soggetto disabile, che ha trovato positiva attuazione (cfr verifica Umei del 23.10.2010) questo non può essere ridotto o modificato senza una valida giustificazione, che affondi le sue radici nell’interesse del soggetto disabile.”

E poi più avanti: “Il ctu ha inoltre rilevato che la fisioterapia svolta presso il Cser (centro socio educativo riabilitativo diurno – n.d.r) è frutto di un progetto che va avanti da anni e che tale attività, sebbene astrattamente praticabile presso il Coser (centro residenziale – n.d.r), è bene che sia praticata all’esterno perché, per la patologia diagnosticata, è importante che il soggetto nel corso della giornata non rimanga sempre nella stessa struttura”.

Mentre la prima affermazione del Giudice è fondamentale per consolidare la natura di diritto costituzionalmente protetto dell’interessato, la seconda affermazione ha un ampio respiro inclusivo, evidenziando che la persona con disabilità non deve vivere sempre recluso in un centro, ma ha necessità di vivere in comunità in cui si possano instaurare regolari rapporti di vita quotidiana.

OSSERVAZIONI
Questa sentenza, di cui pure va il merito ad un avvocato consulente dell’ANFFAS, merita di essere presa ad esempio dalle nostre associazioni, affinchè l’istituto del progetto individuale venga richiesto e stipulato sempre più frequentemente nei nostri Comuni.
Occorrerebbe sempre più pretendere che, laddove non sia possibile per le più diverse cause realizzare l’assistenza domiciliare integrata, i progetti individuali debbano prevedere la vita di persone con disabilità complesse in piccole comunità-alloggio di tipo familiare e che per loro la vita non si riduca ad un ricovero di pura degenza, ma assuma i caratteri di una vita con relazioni umane anche esterne, secondo progetti articolati secondo le capacità e le aspirazioni e le abitudini sociali degli interessati.

Grazie Papa Francesco per le tue parole sul tema della diversità

COMUNICATO STAMPA

L’Associazione Italiana Persone Down esprime un caloroso grazie a Papa Francesco per le sue parole che spazzano via i pregiudizi, nei confronti delle persone con disabilità, che ancora affiorano talvolta nella Chiesa stessa, mentre ai suoi piedi giocano due bambine con la sindrome di Down.

“Tutti abbiamo la stessa possibilità di crescere, di andare avanti, di amare il Signore, di fare cose buone, di capire la dottrina cristiana e tutti abbiamo la stessa possibilità di ricevere i sacramenti. Capito?”
Sono queste le parole di Papa Francesco durante il Convegno per persone con disabilità promosso dalla Cei, per i 25 anni del Settore catechistico a loro dedicato, tenutosi domenica 11 giugno 2016.
In occasione di questo evento il Pontefice ha affrontato il tema della diversità delle persone con disabilità.

Durante l’incontro il Papa, circondato da una vivace folla, desiderosa di ascoltare le sue parole, afferma come la diversità sia fonte di ricchezza, in quanto elemento di cambiamento che può aiutare le persone a superare quella paura che si crea davanti a una nuova situazione. Molto spesso è più facile e meno faticoso rimanere all’interno dei  propri limiti, anziché sforzarsi di vedere con occhi diversi l’altro in quanto richiedono impegno maggiore. La diversità, quindi, diviene ricchezza nel momento in cui è acquisita come “la strada per migliorare, per essere più belli e più ricchi” e si può diventare più ricchi anche solo attraverso un semplice gesto concreto: la stretta di mano. Oltre al tema della diversità come fonte di ricchezza, il Papa facendo l’esempio di Serena seduta sulla sedia a rotelle che parla di discriminazione, afferma  che tutti devono avere la possibilità di ricevere i sacramenti.
Come ultimo argomento il Pontefice afferma come nella pastorale della Chiesa si facciano molte cose belle, ma ancor più necessario è avere un “apostolato dell’orecchio” ovvero bisogna dare maggiore attenzione all’ascolto delle persone.

Il servizio completo con le parole di Papa Francesco si trovano sul SITO di  Radio Vaticana