IV congresso ibero-americano sulla sindrome di Down

“Diritto al futuro, un futuro di diritti”, questo il titolo del IV congresso ibero-americano in programma a Salamanca dal 16 al 18 marzo 2016. L’evento è organizzato dalla Federacion Iberoamericana de sindrome de Down, da Down Espana e dall’Instituto Universitario de integracion en le comunidad dell’Università di Salamanca.
Nella giornata di giovedì 17 marzo Anna Contardi sarà impegnata nella tavola rotonda “La sfida di una sessualità autonoma (El reto de una sexualidad autonoma)” con l’intervento “Autonomia, un obiettivo possibile”.

Il Trust a tutela della disabilità

Giovedì 10 marzo 2016 dalle ore 14 presso l’Hotel Sheraton di Roma, si terrà il convegno “Il Trust a tutela della disabilità“.
L’evento è promosso dal Tavolo di Lavoro sul Trust, costituito da Assessorato alle Politiche Sociali del Municipio IX, Consulta delle Persone con Disabilità del Municipio IX, Servizi Sociali del Municipio IX, Studio Legale Lupoi e Fondazione Roma Solidale onlus.

Obiettivo dell’incontro è promuovere la conoscenza di uno strumento flessibile e moderno per la tutela e la protezione delle persone con fragilità.
E’ richiesta la comunicazione della partecipazione inviando una mail a municipio9handicap@gmail.com

“Sono adulto!”

Il Centro Studi Erickson, ente di formazione e ricerca che da oltre 30 anni è attivo nell’ambito dell’integrazione delle persone con disabilità, organizza il 4 e 5 marzo 2016 presso il Palacongressi di Rimini il Convegno Internazionale “Sono adulto! Disabilità. Diritto alla scelta e progetto di vita”, un evento di rilevanza nazionale per fare il punto sulla situazione attuale delle disabilità e proporre soluzioni innovative per il futuro, con particolare attenzione a temi delicati come il diritto alla scelta e le relazioni familiari e professionali.
«Sono adulto» dà voce alla richiesta che le persone con disabilità rivolgono ai loro familiari e ai professionisti dell’assistenza. Smettere di considerarli degli eterni “ragazzi” e impostare un rapporto adulto può infatti aiutare a considerare meglio le loro esigenze e aspettative, con benefici per la qualità della vita e un rafforzamento del loro diritto a scegliere autonomamente del proprio futuro.

Strutturato in 2 sessioni plenarie e 12 workshop di approfondimento, il Convegno ha l’ambizione di diffondere un nuovo punto di vista che metta al centro i bisogni della persona con disabilità e favorisca una relazione autentica. Punto di vista che si sta già consolidando in diverse realtà e su cui desideriamo confrontarci con buone pratiche a livello nazionale e internazionale.

Tra i relatori che hanno già confermato la loro presenza: Anna Contardi, Andrea Canevaro, Carlo Lepri, Gianluca Nicoletti, Dario Ianes, Lucio Cottini, Roberto Speziale, Fabio Veglia, Claudio Imprudente.

Per AIPD Anna Contardi terrà il workshop “Faccio io! Percorsi educativi sulle autonomie personali e sociali nella prospettiva del Progetto di vita“, in programma il 4 marzo dalle 14 alle 18,30.

Per tutti i soci AIPD che intendono iscriversi Erickson ha riservato uno sconto del 15% sulla quota intera d’iscrizione. Per maggiori dettagli scrivere a: formazione@erickson.it

wdsd2016-le-storie


logo def WDSD_803x261…aspettando la WORLD DOWN SYNDROME DAY – 21 marzo 2016
ogni giorno una piccola grande storia di amicizia #MyFriendsMyCommunity

QUI puoi vedere il video della WDSD 2016

QUI scopri le storie in Europa

QUI puoi conoscere gli eventi AIPD promossi sul territorio per celebrare la Giornata Mondiale


 21 marzo 2016-Claudio e suoi amici Alban e Luca (Bergamo)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Claudio, Alban e Luca si sono conosciuti quattro anni fa a scuola, in prima superiore.Insieme  gli piace ballare, correre in palestra, fare i puzzle durante i momenti liberi, battere il cinque, ridere e scherzare.
Claudio: “A me piace semplicemente stare in compagnia di Alban e Luca, sentire il loro affetto e la loro amicizia con un abbraccio o ridere perchè mi fanno il solletico”.
Alban e Luca: “Claudio è simpatico quando fa il verso della tigre, porta allegria con un sorriso ed è molto tenero quando saluta.


20 marzo 2016-Katia, Fabiana e i loro biscotti (Viterbo)

WP_20160308_15_59_32_ProKatia e Fabiana si erano conosciute al “Club dei ragazzi” dell’AIPD alcuni anni fa: dopo tanto tempo si sono incontrate nell’ambito del progetto “il mercato dei saperi” durante la preparazione dei biscotti.
Fabiana:”Che bello, finalmente insieme dopo tanto tempo!”
Katia:”Sono felice di averti ritrovata”.

19 marzo 2016-Emanuela e gli amici del coro “Comune e servizio” (Frosinone)

WP_20160227_002Emanuela dell’AIPD di Frosinone canta nel coro della cattedrale dell’omonima provincia, per la messa del sabato insieme ai suoi amici del “Comune e Servizio”.
Gli amici: “Con te, Emanuela, la messa del sabato sera non sarebbe la stessa. Ti vogliamo bene anzi di più. I tuoi amici del C.S.”


18 marzo 2016-Giada e Arianna amiche del cuore (Oristano)

giada e ariannaGiada e Arianna sono amiche da 20 anni. Si sono incontrate per la prima volta al primo compleanno di Giada. La loro è un’amicizia di vecchia data. Si incontrano ed escono insieme ogni settimana.
Giada: Arianna è bella, è sempre venuta ai miei compleanni sin da quando avevo un anno.
Arianna: Giada mi piace perché è divertente, bella, buona e simpatica. Mi piace quando fa le smorfie.


17 marzo 2016-Annamaria e gli amici in gamba Valeria, Massimo e Luigi (Brindisi)

foto16Annamaria, Valeria, Massimo e Luigi si conoscono da molti anni. Si sono incontrati all’AIPD Brindisi e coltivano diversi interessi in comune, come il canto, la danza e la recitazione (per il 21 Marzo metteranno in scena il Musical di Pinocchio). Durante il giorno si dividono compiti come fare piccoli acquisti, organizzare le attività della giornata e il tempo libero, non sempre in totale accordo, ma d’altronde non succede in qualsiasi gruppo di amici??!
Qualche sabato sera Annamaria esce insieme ai suoi amici in pizzeria o al bowling e l’estate va insieme a loro al mare. Annamaria è l’anima del gruppo e la sua migliore amica è Valeria.
Annamaria: Mi piace uscire con i miei amici perché mi diverto e mi sento grande.


16 marzo 2016- Federica e Paolo (Bergamo)

S6302994Si sono conosciuti al “CLUB DEI RAGAZZI IN GAMBA” presso AIPD di Bergamo, e da lì è iniziata la loro grande amicizia. A loro piace ballare, cantare, ascoltare la musica, giocare alla wii, vedere un film e anche vedere foto vecchie di loro piccoli. A volte si vedono nei week- end a casa di lui o di lei per passare del tempo insieme e divertirsi.
Federica: “Spero che questa nostra amicizia con il passare del tempo diventi AMORE. Di Paolo mi piace la dolcezza che ha con me e il suo modo simpatico di esprimere e la sua bellezza”.
Paolo: “Federica mi piace quando parla e ride”.


15 marzo 2016- Anita e i suoi compagni di classe della 1°C (Mantova)

FOTO CLASSEAnita: “Coi miei compagni imparo e mi diverto a giocare”
Alessandro:“A me piace giocare con Anita, con il pongo facciamo gli animali. Per me è molto bella. E’ un po’ diversa dagli altri ma non so il perchè.”

 

 

 


14 marzo 2016- Giovanni e Daniele (Reggio Calabria)

giovanni e danieleGiovanni e Daniele si conoscono da quando avevano due anni. Si sono incontrati la prima volta al centro privato “Casa Serena”, che hanno frequentato insieme per tre anni. Oggi sono due adolescenti e vivono ancora fantastiche esperienze insieme, condividendo gli stessi interessi. Frequentano lo stesso Liceo e svolgono sempre assieme tutte le attività proposte dall’AIPD, da quelle teatrali… al club di autonomia!
Daniele: “Giovanni mi piace perché l’amicizia è essere felici insieme ed io con lui mi sento felice!
Giovanni: “Daniele mi piace perché è simpatico e mi piace trascorrere il tempo con lui”

 

 


13 marzo 2016 -Lucia, Giorgia e il gruppo di ballo (Viterbo)

LUCIA E GIORGIALucia e Giorgia  sono amiche da tempo. Si sono conosciute a Prato Giardino e non vivono nello stesso paese. Si sono incontrate quest’anno a frequentare la scuola di ballo, “Latin Passion“!! Che gioia e che ridere stare insieme.
Lucia:” Giorgia , che bello stare con te, abbiamo giocato al parco e ora  invece balliamo insieme”
Giorgia: “Si, hai ragione stiamo bene insieme, mi piace ballare con te e il gruppo”.


12 marzo 2016 – Riccardo, Chiara e Noemi (Bergamo)

Riccardo Chiara NoemiRiccardo: ” Abbiamo trascorso 3 anni bellissimi, giocavamo insieme e ci coccolavamo nei momenti di relax. Ora loro sono alle elementari ma ogni tanto ci vediamo per festeggiare il compleanno. Chiara e Noemi sono le mie migliori amiche”.
Chiara: “Riccardo è il mio amico, mi piace perché è simpatico e quando ride. Gli piaceva giocare ai pirati e guardare i libri insieme”.
Noemi: “Mi piace la sua gentilezza”.

 


11 marzo 2016 -“Emma & Emma” (Mantova)

foto Emma&EmmaSi sono conosciute l’anno scorso ma sono già diventate grandi amiche.
Emma GF: “Cara Emma B., con te ho fatto tante cose importanti, ti voglio un mondo di bene, mi piace andare con te sulle giostre, un grosso bacio da Emma G F”.
Emma B.: “Non sono molte le persone capaci di farti sentire importante, Emma è una di queste, lei apprezza i sorrisi, le chiacchierate, gli abbracci, ma più di tutto il semplice fatto che io sia lì con lei. Mi ha insegnato che a volte la felicità sta davvero nelle piccole cose”.


ALESSIO10 marzo 2016 – Alessio in un selfie con gli amici (Caserta)

Alessio:”Tra una lezione e l’altra è sempre un buon momento per un bel selfie! Con i miei compagni mi diverto tantissimo!”

 


GIORGIA

9 marzo 2016 – Giorgia in rosticceria con le amiche (Caserta)
Giorgia: “Una serata di relax con le mie amiche…cosa c’è di meglio di un bel panino?! Le mie migliori amiche…il mio tesoro”.

8 marzo 2016 – Mariangela e le sue amiche di scuola (Bari)

bari-wdsd2016

Nonostante siano passati 2 anni dalla fine della scuola superiore, Mariangela incontra spesso alcune sue compagne di scuola con cui festeggia ogni tipo di ricorrenza, va al pub o al cinema o, semplicemente, si ritrova a far quattro chiacchiere in casa ora dell’una, ora dell’altra.
Mariangela: “Sto bene e mi diverto sia con loro che con i loro fidanzati”, Graziana: “Mariangela ci insegna il valore delle piccole cose.”

 


7 marzo 2016 – I ragazzi del Circolo Arcobaleno (Arezzo)

Arezzo-circolo-arcobaleno2016Il Circolo Arcobaleno è un luogo di incontro ad Arezzo, gestito da operatori e ragazzi con sindrome di Down, dove si svolgono attività educative e ricreativa nella logica dell’integrazione sociale.
Jacopo: “Al circolo si fanno tante cose divertenti e siamo tutti amici”,
Chiara: “E’ un luogo di accoglienza e incontro e mi piace partecipare e rendermi utile” dice Chiara.


6 marzo 2016 – Il gruppo di amici del Club dei Ragazzi di Martina (Latina)

latina-wdsd2016“Conosciamo Martina da due anni e usciamo insieme una volta a settimana.
Ci divertiamo e diventiamo grandi insieme!!!”


5 marzo 2016- Davide e i suoi amici Pietro, Simone, Marco e Alessandra (Catanzaro)

IMG-20160307-WA0007 Davide:” voglio bene ai miei compagni perchè gioco con loro e sono contento quando qualcuno di loro viene a casa mia per giocare.
Pietro: “Davide è un bambino allegro, ci piace molto, gioca con noi e quando lo vediamo piangere lo aiutiamo, gli facciamo fare i lavoretti che la maestra gli propone”.
Alessandra:”Noi lo aiutiamo sempre, perchè gli vogliamo bene e quando cade cerchiamo di aiutarlo”.


4 marzo 2016 – Miriam, dirigente della società sportiva U.S.D Le Ville (Belluno)

wdsd2016-belluno-768x318
Miriam svolge con passione e impegno il ruolo di dirigente della squadra.  “Io, quando non si comportano bene li riprendo ma essi non me ne vogliono, anzi mi ascoltano e mi vogliono bene”.


3 marzo 2016 – Una divertente serata tra amici (Termini Imerese)

wdsd2016-terminiUna serata in pizzeria con gli amici del Rotract Club
Angelo: “Abbiamo mangiato e ci siamo divertiti”,
Ilaria: “Fantastici, divertenti, di compagnia, grandi amici”.


2 marzo 2016 – Gabriel e i suoi compagni di classe (Roma)

wdsd2016-gabrielGabriel e i suoi compagni di classe sono amici da molti anni. Si sono conosciuti il primo anno della scuola superiore e ora frequentano l’ultimo anno.
Hanno un buon rapporto e Gabriel è ben inserito nel gruppo.
Gabriel: ”I miei compagni di classe mi piacciono perché sono divertenti e perché mi aiutano”,
Manuela: ”Ci incontriamo anche nel tempo libero, facciamo i volontari in una mensa per poveri. Insieme ci divertiamo sempre molto”.


EDSC 2016

Con il sostegno dell’EDSA, Europea Down Syndrome Association, l’associazione turca “Down Syndrome Association of Turkey” organizza la decima edizione del Congresso internazionale sulla sindrome di Down, in programma a Istanbul dal 5 al 7 agosto 2016.
Il Congresso sarà un’occasione d’incontro per le famiglie e gli operatori che lavorano sul tema della sindrome di Down in tutto il mondo; Istanbul, per la sua posizione strategica, favorirà la possibilità di partecipazione non solo dall’Europa ma anche dal Medio Oriente e Asia.
Ancora per il mese di marzo è possibile iscriversi fruendo di particolari agevolazioni economiche. Tutte le info sono disponibili sul sito www.edsc2016.org

Tra i relatori sarà presente con Anna Contardi che interverrà con relazioni su autonomia, inclusione, lavoro.

ISEE, tutto torna come prima

Arriva finalmente alla conclusione la lunga vicenda relativa al nuovo ISEE, quello introdotto con il DPCM 159/2013 che considera tra i redditi anche le provvidenze economiche degli invalidi civili.
Per ripercorrerne la storia rimandiamo alle comunicazioni pubblicate su questo sito:
http://aipd.it/approvato-dal-consiglio-dei-ministri-il-nuovo-isee/
http://aipd.it/nuova-disciplina-dellisee/
http://aipd.it/isee-tre-sentenze-del-tar-lazio-accolgono-i-ricorsi-delle-famiglie/

Il Governo contro le sentenze del TAR del Lazio aveva presentato a sua volta ricorso al Consiglio di Stato. Questi, il 29 febbraio 2016 ha depositato la sentenza che, nella sostanza, condanna il Governo riconoscendo invece la legittimità dell’iniziativa delle famiglie; in particolare, significativa è la parte in cui il Consiglio di Stato afferma “Per tirare le somme, deve il Collegio condividere l’affermazione degli appellanti incidentali quando dicono che «… ricomprendere tra i redditi i trattamenti… indennitari percepiti dai disabili significa allora considerare la disabilità alla stregua di una fonte di reddito -come se fosse un lavoro o un patrimonio- ed i trattamenti erogati dalle pubbliche amministrazioni, non un sostegno al disabile, ma una “remunerazione” del suo stato di invalidità…”.

Sul quotidiano Repubblica, che riprende la notizia, si legge il commento del ministro Poletti: che afferma “Come Governo non possiamo che prendere atto della sentenza appena depositata dal Consiglio di Stato e provvederemo ad agire in coerenza con questa decisione”.

Sul sito Handylex.org un’ampia analisi della situazione.