Nuove disposizioni per la conciliazione vita-lavoro

E’ stato pubblicato il Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 80 “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183.” (Gazzetta Ufficiale n.144 del 24 giugno2015 – Supplemento Ordinario n. 34), le cui disposizioni sono in vigore dal 25 giugno e resteranno valide, in via sperimentale, solo per l’anno in corso.

Tra le novità segnaliamo quella di specifico interesse per i genitori di bambini riconosciuti con handicap in situazione di gravità (ai sensi del comma 3, art. 3 della legge 104/92).
L’art. 8 del decreto modifica l’art. 33 del decreto legislativo n. 151/2001 e dispone l’estensione del periodo entro il quale è possibile fruire del prolungamento del congedo parentale: il limite di età del figlio passa da 8 anni a 12 anni. Resta invece invariato il periodo di prolungamento del congedo che rimane fissato in tre anni (nei quali sono ricompresi i mesi di congedo parentale ordinario).

Anche il congedo parentale ordinario può essere utilizzato fino al dodicesimo anno di vita del bambino (art. 7) e potrà essere anche fruito in ore. Sarà pagato, entro il sesto anno di vita del bambino, al 30% dello stipendio.
INPS ha pubblicato in merito i messaggi  n. 4576/2015 e n. 4805/2015.

Il Mercato dei Saperi a Radio in Blu

Domani, 25 giugno 2015 saranno ospiti alla trasmissione Mattinata Inblu, su Radio In Blu (qui tutte le frequenze) due protagonisti degli scambi del progetto AIPD Il Mercato dei Saperi. Dalle 10.30 alle 11.30 Rosanna Biondo di Roma e Andrea Moriconi (uno dei protagonisti di Hotel 6 Stelle) parleranno del loro scambio accompagnati dall’educatore AIPD Francesco Cadelano.

Cena in bianco a Pisa contro i pregiudizi sulla sindrome di Down

“Cena in Bianco Pisa… e se per una sera fossimo Tutti Uguali, Tutti Diversi?”. E’ questo lo slogan della manifestazione che si è tenuta a Pisa il 21 giugno organizzata dalla sezione AIPD di Pisa e Alzaia Società Cooperativa Sociale, nell’ambito della loro collaborazione già strutturata che prevede percorsi di formazione orientati all’autonomia lavorativa di persone con sindrome di Down nell’ottica del superamento dell’assistenzialismo. L’evento, che ha visto anche la collaborazione del comune di Pisa, si è tenuto in Piazza dei Cavalieri, uno dei luoghi più belli e rappresentativi della città toscana. Tema della serata è stato il bianco: tavoli apparecchiatura e piatti bianchi, vestiti degli ospiti ugualmente bianchi. La cena, che è stata preventivamente prenotata e acquistata, ha visto la presenza di 520 persone.

L’obiettivo è stato quello di offrire alla cittadinanza una occasione di incontro conviviale in uno scenario simbolico per la città (è una bella occasione per vivere la città, per coinvolgere famiglie, turisti, studenti, per partecipare ad un evento che in altre città ha riscosso enorme successo e ampia partecipazione);  associare alla sindrome Down a immagini belle e positive, evidenziare le reali abilità e competenze delle persone con sindrome di Down; abbattere gli stereotipi (alcuni dei ragazzi saranno parte attiva nelle varie fasi di preparazione e gestione dell’evento);  promuovere la socializzazione e la conoscenza tra le persone; promuovere i principi del rispetto dell’ambiente e della valorizzazione delle risorse naturali (non è stata usata carta, tutto il non consumato è stato riportato a casa) e promuovere un utilizzo positivo di uno spazio che spesso vive conflitti e tensioni. Prossimo appuntamento il 19 giugno 2016. Per maggiori informazioni visitate la pagina Facebook dell’evento

 

Al via le repliche delle due stagioni di Hotel 6 Stelle

Al via dalla prossima domenica, 28 giugno le repliche delle due stagioni della docu-fiction Hotel 6 Stelle realizzata da Magnolia in collaborazione con l’Associazione Italiana Persone Down.

Le repliche inizieranno con la seconda stagione ogni domenica del mese di luglio e agosto alle ore 18.00 su Rai Tre, da metà agosto a fine settembre andrà in onda poi la prima stagione fino a domenica 20 settembre.

SECONDA SERIE

Domenica 28 giugno ore 18 – primo episodio

Domenica 5 luglio ore 18 –  secondo episodio

Domenica 12 luglio ore 18  – terzo episodio

Domenica 19 luglio ore 18 – quarto episodio

Domenica  2 agosto  ore  17 –  quinto episodio

Domenica  9 agosto ore 18 – sesto episodio

 

PRIMA SERIE

Domenica  16  agosto  ore 17.30 – primo episodio

Domenica  23 agosto  ore 18  –  secondo episodio

Domenica  30 agosto ore 18  – terzo episodio

Domenica  6 settembre  ore 18 – quarto episodio

Domenica  13  settembre  ore 18  –  quinto episodio

Domenica  20 settembre ore 18 – sesto episodio

Eventi di sensibilizzazione al lavoro in sezioni del Sud Italia

Iniziano questa settimana i primi eventi di sensibilizzazione alle aziende del Sud Italia organizzati dalle sezioni dell’Associazione Italiana Persone Down che partecipano al progetto “Lavoriamo in rete – percorsi di inserimento lavorativo nei territori del Sud realizzato con il finanziamento della Fondazione CON IL SUD. Gli eventi intendono promuovere la conoscenza delle persone con sindrome Down come potenziali lavoratori presso il mondo dell’imprenditoria e aziendale. Diversi eventi sono realizzati in collaborazione con enti pubblici locali.

Il primo degli eventi in programma è previsto a Catanzaro il 24 giugno, qui il programma  dettagliato, il secondo evento si terrà a Milazzo (qui il programma del convegno)  il 26 giugno. Sempre il 26 giugno si terrà una tavola rotonda  a Reggio Calabria con le istituzioni locali. Il 14 luglio infine ci sarà una giornata di sensibilizzazione anche ad Oristano, (qui il programma).

Assistenza scolastica agli alunni con disabilità

CHI SI OCCUPERA’ IL PROSSIMO ANNO DELL’ASSISTENZA SCOLASTICA AD ALUNNI CON DISABILITA’? E’ A RISCHIO LA QUALITA’ DELL’INSERIMENTO SCOLASTICO DI MIGLIAIA DI STUDENTI

Roma, 19 giugno 2015 – “Denunciamo una situazione di profonda confusione con cui molte famiglie italiane vanno in vacanza senza sapere chi assisterà il prossimo anno i loro figli con disabilità a scuola. Per molte di queste famiglie l’assistenza scolastica è un elemento fondamentale per l’inserimento, per altre è condizione di qualità”. Con queste parole Mario Berardi, presidente nazionale AIPD commenta la mancata assegnazione di competenze sul personale scolastico che si occupa degli alunni con disabilità, il trasporto gratuito a scuola e l’eliminazione delle barriere architettoniche, ancora presenti in molte scuole.

La legge Delrio n° 56 del 2014 aveva assegnato alle Regioni il compito di deliberare entro il 31/12/2014 a chi dovessero essere attribuite queste competenze, sottratte alle Province.
Ad oggi pochissime Regioni hanno deliberato in proposito, ma anche in questi pochi casi o non è precisato a quale ente vengono attribuite tali competenze (Regioni, Città metropolitane, Consorzi di Comuni, singoli Comuni) o sono assegnati fondi del tutto inferiori a quelli in precedenza stanziati dalle Province.

“Negli ultimi anni è cresciuto moltissimo il numero delle persone con sindrome Down inserite nelle scuole superiori, – continua Berardi – per le quali la figura dell’educatore rappresenta lo strumento per la realizzazione di progetti orientati all’autonomia e all’alternanza scuola-lavoro. Questi sono due elementi indispensabili per un inserimento di qualità in questo ordine di scuola per le persone con disabilità intellettiva. Per questo rivolgiamo un appello al Governo affinché, nel caso in cui le singole Regioni non provvedano entro giugno, voglia avvalersi dei poteri di intervento sostitutivo nei confronti delle Regioni inadempienti (ai sensi dell’art. 120 della Costituzione) dal momento che il diritto al trasporto scolastico, all’assistenza scolastica ed all’eliminazione delle barriere architettoniche sono stati considerati dalla Corte Costituzionale livelli essenziali relativi alle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali”. L’Associazione Italiana Persone Down aderisce quindi formalmente “alla proposta già avanzata dalle associazioni aderenti alla FISH di denunciare per interruzione di pubblico servizio le giunte regionali che non abbiano provveduto entro fine agosto a legiferare in modo chiaro e con adeguati finanziamenti su queste materie”, conclude Berardi.

Una azione di sollecitazione è già stata avviata da AIPD nelle settimane scorse quando ha invitato le sue sedi locali ad inviare agli enti interessati una richiesta urgente di definizione delle competenze in merito all’inclusione scolastica di alunni con disabilità per il prossimo anno scolastico.

AIPD Sezione dei Castelli Romani

L’ AIPD dei Castelli Romani ha avviato quest’anno il progetto “Lavoratori con un cromosoma in più”, che ha come obiettivo quello di promuovere l’inserimento lavorativo degli adulti con sindrome di Down.

Nell’ambito delle attività previste, è stato realizzato un percorso informativo e formativo per 8 ragazzi con sindrome di Down e le loro famiglie e una sensibilizzazione di alcune aziende del territorio.
Nella prima fase del progetto, di informazione e formazione, i partecipanti hanno discusso sull’identità del lavoratore, sul riconoscimento dei ruoli, sui comportamenti da tenere sul posto di lavoro, su come costruire il proprio curriculum vitae e infine come sostenere un colloquio di lavoro.
Nella seconda fase sono state avviate esperienze di tirocinio formativo e lavorativo con aziende sensibili e disponibili.

Martedì 23 giugno 2015, dalle ore 10 alle 13 presso la Sala Giunta, la Sezione AIPD presenterà il progetto e i primi risultati ottenuti con un evento realizzato con il patrocinio del Comune di Albano Laziale. AIPD Nazionale sarà presente con Monica Berarducci, responsabile dell’Osservatorio sul mondo del lavoro

Il Mercato dei Saperi si conclude con 950 scambi e quasi 500 persone coinvolte

SI CONCLUDE IL MERCATO DEI SAPERI IN 12 CITTA’ ITALIANE, 950 GLI SCAMBI QUASI 500 LE PERSONE COINVOLTE, 2332 LE COMPETENZE SCAMBIATE

Roma, 16 giugno 2015 – È arrivato a 950 il numero di scambi effettuati nell’ambito del progetto nazionale dell’Associazione Italiana Persone Down “Il Mercato dei Saperi”, con quasi 500 iscritti tra persone con sindrome di Down e anziani (181 con sindrome di Down e 301 anziani) e 2332 competenze scambiate.

CAM01166-thumbIl progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (L.383/2000) ha coinvolto 12 sezioni AIPD (Bari, Marca Trevigiana, Roma, Campobasso, Mantova, Potenza, Belluno, Matera, Milazzo, Termini Imerese, Viterbo, Vulture) dove sono stati attivati dei contact point locali chiamati Porte dei Saperi. Idea centrale dell’iniziativa è stata la creazione di occasioni di incontro tra giovani con sindrome di Down e persone anziane, per uno scambio intergenerazionale che produca percorsi e strumenti di conoscenza e crescita reciproca. Lo scambio (che è avvenuto a livello locale, in modalità uno a uno ma anche tra singoli e gruppi e tra gruppi, presso domicili privati e sedi aperte al pubblico) è stato realizzato tra anziani e giovani con sindrome di Down che hanno offerto la propria disponibilità ad insegnare attività di vita quotidiana, trasmettere saperi e ricevere in cambio ciò che viene da loro stessi indicato nella “Lista dei desideri”.

IMG-4151-thumbGli obiettivi prefissati dal progetto sono stati l’acquisizione/mantenimento da parte di giovani e adulti con sindrome di Down di abilità di autonomia personale e sociale attraverso lo scambio di servizi e competenze con anziani. Per le persone anziane invece l’obiettivo è stato ricevere servizi che hanno permesso loro di avere un sostegno nello svolgimento di attività quotidiane, con una conseguente maggiore partecipazione sociale. Gli scambi più riusciti (202 quelli effettuati) sono stati quelli in cucina nell’insegnamento di ricette culinarie, seguiti da piccole commissioni fuori casa (167 scambi) e da lavoretti a mano (uncinetto, maglia, piccoli oggetti artigianali) con 154 scambi realizzati.

Anna Contardi, coordinatrice nazionale AIPD, nel corso della conferenza stampa ha raccontato il senso di questi scambi: “Il progetto ha portato ad un riconoscimento del valore reciproco, attraverso lo scambio di esperienze e competenze. Il progetto è arrivato a conclusione ma ci sono già sette partenariati formalizzati con enti e istituzioni, moltissime collaborazioni informali con associazioni e centri sociali. Siamo in attesa di risposte per continuare il progetto sul territorio a Belluno, Bari, Milazzo-Messina, Mantova, Roma, Campobasso, Potenza, Termini Imerese”.
Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche i protagonisti degli scambi, Leonardo Ornago, un ragazzo con sindrome di Down della sezione AIPD Marca Trevigiana ha spiegato: “Sono stato orgoglioso di collaborare in questo mercato, spero che possa continuare in tutte le città italiane”. Giuseppina Petta, giornalista in pensione di Campobasso e ‘anziana’ che ha partecipato allo scambio ha raccontato: “Rappresento i maestri del lavoro della mia città, non ho avuto perplessità su questa collaborazione, c’è stata grande disponibilità a lavorare sul progetto da parte di tutti noi. All’inizio ero agitata ed emozionatissima, sono stati i ragazzi ad accompagnarmi, mano nella mano, nel loro mondo”:
Oriana Rondinella operatrice di AIPD Potenza ha raccontato la sua esperienza: “Abbiamo lavorato su un territorio molto ampio, tra la Lauria e Val d’Agri, abbiamo utilizzato gli anziani più ‘positivi’ come ponte per farci conoscere da altre persone anziane e come apripista sul territorio”.
Rosanna Biondo di Roma ha avuto come partner nello scambio Andrea Moriconi, il ragazzo che ha fatto il facchino nella seconda edizione di Hotel 6 Stelle: “Gli scambi sono stati molto belli, Andrea mi ha insegnato ad utilizzare pc e telefonino, è fondamentale per me, spero che continueremo a collaborare”. E Andrea ha dichiarato: “Il mercato dei saperi deve continuare, lo voglio dire, sono sicuro che tutte le persone con sindrome di Down hanno diritto a trovare un lavoro”.

Vai a fare la spesa! Ecco la lista e i soldi!Il progetto si è dotato di diversi strumenti di lavoro: un sito internet www.mercatodeisaperi.it, con informazioni sui luoghi in cui è attivo il Mercato dei Saperi, un database dove in tempo reale si incontrano domanda e offerta, schede in alta comprensibilità in cui sono documentate e diffuse le competenze acquisite (dalle ricette di cucina a come smacchiare il caffè su una maglietta). Le 12 Porte dei Saperi, si occupano della promozione del progetto, di fare rete, di selezionare e formare i volontari, di organizzare e monitorare gli scambi. Il risultato? Maggiori competenze per tutti, disponibili sul sito con testi e video che testimoniano le attività in tutte le sezioni coinvolte.

Online il Bilancio Sociale 2014

Anche quest’anno AIPD ha prodotto il Bilancio Sociale, dedicato alle attività, ai servizi e ai progetti realizzati dall’associazione nel corso del 2014.

La versione approfondita è online e scaricabile QUI nella pagina dedicata in “Chi Siamo“, nella versione ”testo lungo”. La versione ad alta leggibilità è invece disponibile nella stessa pagina ma nella versione “Testo facile”.

Il Mercato dei Saperi

Il progetto AIPD “Il Mercato dei Saperi” è giunto a conclusione registrando più di 900 scambi che hanno coinvolto 500 persone (300 anziani e 200 persone con sindrome Down).
Idea centrale dell’iniziativa è stata la creazione di occasioni di incontro tra giovani con sindrome di Down e persone anziane, per uno scambio intergenerazionale che ha prodotto percorsi e strumenti di conoscenza e crescita reciproca.
Martedì 16 giugno 2015 è in programma la conferenza stampa per presentare i dati e lanciare l’appello perché il progetto non finisca qui.

Conferenza stampa
IL MERCATO DEI SAPERI
Roma Scout center 16 giuno 2015 ore 11.00
Largo dello Scoutismo 1 – Roma (Piazza Bologna) – Sala gran Sasso

ORE 11.00 – INTRODUZIONE, ANNA CONTARDI, COORDINATRICE NAZIONALE AIPD

ORE 11.10 – VIDEO SCAMBIO “LE FETTUCCINE”

ORE 11.15 – TESTIMONIANZA DEI PROTAGONISTI: 1 PERSONA CON SINDROME DI DOWN, 1 PERSONA ANZIANA E 1 OPERATORE AIPD

ORE 11.40 – IL MERCATO DEI SAPERI NEL SALOTTO DEI VIP – MAURIZIO COSTANZO E CATHERINE SPAAK (VIDEO)

ORE 11.50 – PERCHE’ IL MERCATO DEVE CONTINUARE. L’APPELLO DELLE 12 CITTA’ COINVOLTE

ORE 12.00 APERITIVO

Percorso di orientamento al lavoro a Napoli, 3 giorni di studio

Sono 9 i giovani con sindrome Down partecipanti ai tre giorni di percorso di orientamento al lavoro del progetto “Lavoriamo in Rete – Percorsi di inserimento lavorativo nei territori del Sud”, promosso dall’Associazione Italiana Persone Down  Nazionale e finanziato dalla Fondazione CON IL SUD. Il percorso di orientamento, tenuto da Monica Berarducci e Andrea Sinno di AIPD Nazionale, è la prima fase operativa di un progetto che coinvolge 13 sezioni AIPD e 38 persone con sindrome Down delle regioni del Sud e delle Isole. Presenti al seminario di Napoli, dal 7 al 10 giugno 2015, la sezione di Oristano, quella di Napoli e quella di Caserta. Ogni sezione è presente con tre ragazzi con sindrome Down e un operatore.

Nel corso del seminario i ragazzi acquisiranno competenze che li aiuteranno ad iniziare un percorso lavorativo sul loro territorio. Nel corso dei tre giorni si parlerà di identità del lavoratore, dei ruoli, dei comportamenti da tenere sul posto di lavoro, di come costruire il proprio curriculum vitae e come sostenere un colloquio. Gli aspiranti lavoratori faranno anche una visita ad un ragazzo con sindrome Down già assunto in un fast food: questa sarà un’occasione concreta per riflettere insieme sulla realtà lavorativa. Questo il programma dettagliato

Da una indagine condotta dall’AIPD nel 2013 emerge che tra le 1.026 persone con sindrome di Down maggiorenni presenti nelle 43 sezioni AIPD, solo 125 lavorano un’assunzione a tempo indeterminato e di queste solo il 12% nel Sud e nelle isole. Il progetto “Lavoriamo in rete” ha proprio la finalità di incrementare il numero dei lavoratori con sindrome di Down e i percorsi di orientamento sono pensati per continuare a costruire per loro e con loro un futuro lavorativo possibile.

Il 9 giugno su Radio Caserta Nuova Monica Berarducci con due ragazze con sindrome Down , Martina di Oristano e Emmanuela di Napoli, hanno partecipato come ospiti ad un programma radiofonico e hanno parlato del progetto in corso.

I ragazzi di Hotel 6 Stelle ospiti a Effetto Estate su Rai 1

Martedì 9 giugno 2015  i sei ragazzi della seconda serie di Hotel 6 Stelle, Andrea, Alice, Gabriele, Giordana, Daniela e Giovanni sono stati ospiti alla trasmissione di Rai Uno Effetto Estate insieme ad Anna Contardi, coordinatrice nazionale dell’Associazione Italiana Persone Down. Nel corso dell’intervento si è parlato di lavoro, di opportunità per tutti e del nuovo progetto AIPD Il Mercato dei Saperi, a cui partecipa uno dei protagonisti della fiction di Rai Tre: Andrea Moriconi.

Qui sotto il video della trasmissione, i ragazzi sono in onda dal minuto 12:45 indicato in basso a destra dello schermo:

L’elogio alla Lentezza, il contributo dei ragazzi dell’AIPD

E’ iniziata ieri la lunga giornata della lentezza, una settimana (dal 7 al  13 giugno 2015) che si rivolge a tutti i cittadini del globo con l’obiettivo di trovare il tempo per ascoltare il ritmo di stile di vita armonico, rispettoso e frugale che consenta di superare i danni causati dalla frenesia con la semplicità di una pausa, di un gesto e di un sorriso.  L’Associazione Italiana Persone Down partecipa alla settimana con una riflessione sulla lentezza abbianata con la sindrome di Down. L’andare piano, una caratteristica dei ragazzi con sindrome Down, non è solo un limite ma anche la scoperta di poter vivere in modo più tranquillo e “rilassato”. Qualche anno fa, in occasione del film Johnny Stecchino fu proprio Roberto Benigni a scrivere una lettera ad Alessandro/Lillo su questo tema, sottolineando come il tempo che l’attore con sindrome Down si prendeva per finire il suo cappuccino prima delle riprese fosse un tempo necessario per vivere bene e un esempio da seguire.

“Migrazione e disabilità: invisibili nell’emergenza”

MIGRAZIONE E DISABILITÀ: INVISIBILI NELL’EMERGENZA
9 giugno 2015
Camera dei Deputati
Sala Salvadori – Via Uffici del Vicario, 21 – Roma

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA presso la Segreteria FISH (tel. 06.78851262, email: presidenza@fishonlus.it)

Essere migranti, essere persone con disabilità: il rischio di quella doppia discriminazione paventata dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità è un fenomeno evidente ma ancora insondato nella consistenza e nelle modalità in cui si concretizza.
Su questi aspetti la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha sviluppato una mirata azione di ricerca (“Migranti con disabilità: conoscere il fenomeno per tutelare i diritti”), in collaborazione con partner qualificati in particolare con le associazioni Villa Pallavicini e Nessun luogo è lontano. Ci si è posti l’obiettivo di indagare le condizioni di vita degli stranieri con disabilità in Italia, selezionando e organizzando le informazioni e i dati disponibili, analizzando la normativa nazionale di riferimento, raccogliendo le storie di vita delle persone con disabilità migrate nel nostro Paese o di seconda generazione. Ci si propone in questo modo di tracciare i contorni del fenomeno, metterne in luce dimensioni e caratteristiche, individuare le competenze e gli obblighi delle diverse istituzioni coinvolte, e infine fornire alle associazioni territoriali informazioni e indicazioni utili alla funzione di tutela e rappresentanza dei diritti.
I primi risultati della ricerca saranno presentati il prossimo 9 giugno, a Roma, presso la Sala Salvadori della Camera dei Deputati, nel Convegno “Migrazione e disabilità: invisibili nell’emergenza”.

Partner di progetto: Associazione Villa Pallavicini, Associazione Nessun luogo è lontano.

Hanno collaborato al progetto: FISH Calabria, FISH Lazio, FISH Umbria, Ledha, Coordinamento H – Sicilia, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), Cie Piemonte, Comune di Lamezia Terme, Formez PA, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR).

AIPD parteciperà al convegno con un intervento.

II Università degli studi di Napoli

La facoltà di Psicologia Clinica dello Sviluppo e di Tecniche di Osservazione del Comportamento Infantile presso il Dipartimento di Psicologia della Seconda Università degli studi di Napoli sta conducendo un’indagine, attraverso la compilazione di questionari anonimi, sulle credenze della gente circa le competenze delle persone con Sindrome di Down.
Un significativo numero di ricerche ha evidenziato come la qualità della vita delle persone con Sindrome di Down possa risultare migliore allorquando vengano riconosciute e promosse le competenze di ciascun individuo, nel rispetto delle caratteristiche generali della sindrome stessa, ma soprattutto delle singole peculiarità che ogni persona mostra.

I dati raccolti verranno utilizzati solo ed esclusivamente per scopi di ricerca e saranno sottoposti agli obblighi di riservatezza imposti dalla normativa italiana. I dati individuali, raccolti in forma anonima e connotati da un codice alfanumerico, non saranno soggetti a comunicazione e diffusione; inoltre, gli stessi dati verranno trattati sempre come “gruppo” (coorte) e mai come singolo individuo.

L’indagine prevede tre gruppi chiamati a compilare questionari diversi: adulti senza figli, genitori, genitori con figli con sindrome di Down.
I genitori di persone con sindrome di Down che vogliono, possono prendere parte a questa indagine compilando il questionario a loro riservato:

AIPD Sezione di Bari

Sabato 6 giugno la città di Bari ospiterà per la prima volta il Gran Ballo delle Debuttanti sulla scia dei più blasonati eventi di Milano e Roma.
La società organizzatrice dell’evento è la Electra Events di Bari che ha offerto ad Ilaria Lenzu, diciottenne della AIPD di Bari la possibilità di rappresentarsi alla pari con altre coetanee e di danzare con uno dei cadetti della Scuola Allievi della Guardia di Finanza di Bari.
Saranno 20 le ragazze provenienti da tutta Italia e all’evento parteciperanno personaggi della cultura, politica e spettacolo. I biglietti sono già disponibili (per info 3351840378) e parte del ricavato della serata sarà devoluto all’AIPD di Bari.

AIPD Sezione di Termini Imerese

L’Associazione Termini Bike ha organizzato domenica 31 maggio 2015 una gara sportiva valevole per il II Campionato Provinciale di Mountain Bike, che si è svolta in località S. Onofrio nel Comune di Trabia(PA).

La numerosa partecipazione di ciclisti, provenienti da diversi paesi della Provincia, con al seguito le proprie famiglie l’hanno resa una bellissima giornata di sport e di incontro tra tanta bella gente.

I ragazzi dell’AIPD di Termini Imerese: Antonio, Alessandro, Alberto, Ivan e Marino accompagnati dai volontari Simona e Leonardo sono stati inseriti dagli organizzatori con i volontari dello Staff di servizio logistica, hanno provveduto per consegna del pacco gara agli atleti, alla preparazione della colazione e del pranzo a buffet, inoltre hanno consegnato i premi ai vincitori della gara (sul sito di AIPD Termini Imerese le foto della giornata)

AIPD Sezione di Lecce

Mercoledì 3 giugno 2015, alle ore 21:00, al Teatro Comunale di Nardò, l’AIPD Sezione di Lecce-Nardò – con il patrocinio del Comune di Nardò, presenterà il musical “…dolceamaroSalento”.
Attori e ballerini un gruppo di ragazzi e ragazze con sindrome di Down, le Educatrici e alcuni volontari, magistralmente seguiti da Pino Belgioioso e Stefania Filograna, hanno dato vita a questo musical.
Lo spettacolo si inserisce in un progetto terapeutico più ampio dell’Associazione nel quale il movimento della danza diventa espressione delle proprie emozioni, stato d’animo e personalità.
Le proprietà della danza di sostenere il benessere psichico, attraverso la manifestazione delle emozioni, erano già conosciute dai popoli primitivi che, attraverso i balli, esprimevano i propri stati affettivi.
In particolare è stato scelto il Tango Argentino definito dall’UNESCO “Un Bene Culturale Immateriale, Patrimonio dell’Umanità”, perché questa danza popolare ha in sé elementi terapeutici ausiliari nella cura della mente e del corpo: attenuazione dell’ansia e dello stress, miglioramento della postura, dell’equilibrio e permette un efficace lavoro su propriocezione e autostima.
Il “musical” racconta, con un pizzico di umorismo, il periodo dell’emigrazione salentina verso i paesi latini.