“Diversi da chi? L’altro come risorsa”

Sabato 7 giugno 2014 – ore 9,00 -14,00
Radio Vaticana, Sala Marconi
Piazza Pia 3 – Città del Vaticano

Le famiglie dell’AIPD Sezione di Roma, insieme ad altre realtà associative, promuovono una giornata di incontro e sensibilizzazione sul tema della dimensione spirituale delle persone con disabilità.
Il convegno sarà introdotto da alcune relazioni che avranno come tema: la dignità delle persone con disabilità a partire dalla Convenzione Onu (dott. Vittorio Scelzo); i rischi eugenetici insiti in una cultura che nega la dignità della persona (dott.ssa sr. Costanza Galli) e l’inclusione delle persone con disabilità nelle comunità cristiane alla luce del magistero di Papa Francesco.
Le relazioni termineranno con la presentazione di un progetto di
inclusione lavorativa (dott. Ruggero Piperno).
Seguiranno testimonianze di persone che per vari motivi sono entrate in
“comunicazione” con il mondo della disabilità/diversità. Il loro intervento rappresenterà la dimostrazione di come e quanto vivere, giocare,
crescere, lavorare con il “diverso” sia un arricchimento continuo per tutti, una straordinaria e avvincente riscoperta dell’essere Persona.

Per adesioni e info contattare la Segreteria di AIPD Roma:
tel 06/89016450-51-53 email: info@aipd-roma.it

Programma:
Modera Fabio Colagrande (Radio Vaticana)
9.00 Saluti
– P. Federico Lombardi S.I. (Direttore Radio Vaticana)
– Giampaolo Celani (Presidente AIPD Roma)
– Sen. Luigi Manconi (Presidente Commissione straordinaria tutela e promozione diritti umani)

Relazioni
9.30
Diritti e dignità delle persone con disabilità
Vittorio Scelzo (Comunità di Sant’Egidio)

10.00
La dignità umana e la sua negazione
Costanza Galli (Dirigente medico)

10.30
L’accoglienza alle persone con disabilità nelle comunità cristiane
Veronica Donatello (Responsabile del Settore Catechesi alle persone disabili CEI)

Coffee break
Un caffè servito dalla Locanda dei girasoli

11.30
A proposito di inclusione….“La sopravvivenza del ragno”
Ruggero Piperno, Giuseppe Brunelli (Opera don Calabria)

12.00
Una nuova idea di giustizia
Giampaolo Celani (Presidente AIPD Roma)

12.30
Interventi e testimonianze
– Don Luigi D’Errico (Responsabile settore disabilità Diocesi di Roma)
– Elena Improta (Associazione Oltre lo sguardo)
– Enzo Rimicci (Presidente Consorzio Sintesi, Presidente Locanda dei Girasoli)

“Amicizia, amore e sesso: parliamone adesso”

Continuano gli incontri per la presentazione del volume “Amicizia, amore e sesso: parliamone adesso“, edito da Erickson e scritto da Anna Contardi e Monica Berarducci.

Il prossimo incontro si terrà a Rocca di Vignola, in provincia di Modena, martedì 3 giugno alle ore 20,30. Sarà presente una delle autrici, Anna Contardi.

Il volume fa parte della collana “Laboratori per le autonomie” della casa editrice Erckson. La collana è nata dall’esperienza dei “Percorsi di educazione all’autonomia” dell’AIPD e i suoi volumi presentano materiali, attività, esercitazioni per insegnare le abilità fondamentali per l’autonomia ai ragazzi e agli adolescenti con disabilità intellettiva. Tutti i libri sono scritti in un linguaggio altamente comprensibile e contengono anche un’agile guida per educatori e genitori. Direttori della collana sono Anna Contardi e Daniele Castignani.

Presentata la nuova app smartourism

Con la conferenza stampa svolta lo scorso 27 maggio AIPD ha lanciato la nuova app “smartourism”, disponibile gratuitamente su Playstore per iOS e Android.

E con l’occasione è stata presentata la Guida di Venezia, l’ultima nata delle sette guide turistiche ad alta comprensibilità realizzate da AIPD nell’ambito dei progetti europei “Smart tourism” e “Turisti non per Caso“.
La presentazione della guida di Venezia è stata affidata ad una delle redattrici con sindrome Down, Michela Giannola: “Mi è piaciuto fare questo lavoro perché ho visto tante cose belle, per scrivere la guida ci siamo chiesti quali informazioni servono ai turisti, quali sono le cose più belle da vedere, come ci si muove a Venezia, dove dormire, dove mangiare, qual è la storia della città. Quando andavamo in giro ci dividevamo i compiti, qualcuno prendeva appunti, altri facevano le foto, come me. Grazie a questo progetto sono stata anche a Budapest, lì ho conosciuto persone Down come me, che sono in gamba come noi di Venezia”.
La Sezione AIPD di Venezia sta continuando a lavorare con il gruppo alla stesura di un’altra guida, dei piatti tipici e delle feste tradizionali.

Nel corso dell’evento è stato presentato anche il nuovo sito web smartourismguide.com dove sono scaricabili gratuitamente le sette guide in pdf e la nuova app smartourism. Sito e app saranno multilingua permettendo di fruire di ogni guida come minimo in inglese e nella lingua della città coinvolta.
Sito e app sono state realizzate con le collaborazioni tecnichedi: Manafactory per il sito e Alecsandria Comunicazione S.r.l. per l’app.

smartourism-presentazione-app-27mag14-relatori

Per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo è intervenuta l’architetto Giulia Ceriani Sebregondi che ha spiegato come il suo dicastero abbia molto a cuore il tema dell’accessibilità “Bello questo progetto – ha spiegato – sia per come è stato pensato sia per come è stato realizzato. Come ministero abbiamo l’obiettivo di creare un approccio inclusivo in ambito culturale, in modo da far sì che altri tipi di utenze di pubblico possano accedere ai siti culturali”.

Ha concluso la conferenza stampa il presidente FISH Vincenzo Falabella: “nulla di noi senza di noi, non è uno slogan rivendicativo – ha spiegato – ma vuole essere una buona prassi della partecipazione attiva. In Europa ci sono oltre un milione di persone con disabilità intellettiva e relazionale, dobbiamo rifletterci, oggi al di là dei numeri le politiche sociali rivolte a queste persone sono sempre meno. Sulla carta abbiamo una legislazione all’avanguardia, ma le difficoltà, nella vita reale delle persone con disabilità, sono infinite, ancora molto c’è da fare”.

Ai due progetti europei hanno partecipato complessivamente 7 organizzazioni di rispettivi Paesi europei negli ultimi quattro anni e sono state realizzate sette guide turistiche in alta comprensibilità di altrettante città europee (Roma Venezia, Dublino, Lisbona, Praga, Budapest e La Valletta). Le redazioni delle Guide erano composte da giovani con sindrome di Down che hanno concordato con le redazioni estere la struttura delle guide e hanno poi testato le guide dei partner visitando le loro città.

Infoaccessibile

Il progetto si è avviato nel dicembre 2013 ed è proseguito fino al novembre 2014.
È finanziato parzialmente dalla Tavola Valdese nella parte che riguarda il lavoro di redazione dei testi del sito internet in alta comprensibilità.

Vacanze normali per persone speciali

Avviato il 1 ottobre 2013, termina il 30 settembre 2014, finanziato dalla Fondazione Assicurazioni Generali.

Soddisfatti dell’esperienza realizzata nell’ambito del progetto “Nonsolovacanze” (finanziato dal Ministero dell’Interno – Fondo Lire UNRRA 2009–concluso a dicembre 2010 e vincitore del Premio per la Famiglia) è stato ripresentato un progetto similare alla Fondazione Assicurazioni Generali che ha concesso un contributo pari a circa al 17% del costo totale del progetto: l’iniziativa è stata pertanto rimodulata, con un taglio significativo delle attività previste.

Il progetto coinvolgerà a 46 adolescenti/giovani/adulti con sindrome di Down (15 – 45 anni) e 10 operatori provenienti da 11 sedi AIPD (Catanzaro, Grosseto, L’Aquila, Mantova, Matera, Milazzo-Messina, Termini Imerese, Versilia, Viterbo, Vulture) in 5 diverse settimane di vacanza nel Lazio e in Salento (che si terranno tra giugno e luglio
2014). Le vacanze vogliono essere un’occasione per sperimentarsi in settimane di convivenza fuori casa nella logica della crescita dell’autonomia intesa come “saper fare” (acquisendo nuove abilità) e “saper essere” (proponendo percorsi di riflessione volti alla crescita della propria identità di giovani e adulti).
Il progetto si propone inoltre di trasferire agli operatori delle Sezioni nuove competenze nell’organizzazione e gestione di settimane per ragazzi e adulti attraverso il diretto coinvolgimento nella gestione di tali eventi sotto la guida di 5 formatori esperti provenienti dalla sede nazionale (1 per ogni gruppo vacanza).

Smart Tourism Guide

Martedì 27 maggio 2014 – ore 10,30
Sala delle Bandiere – Commissione Europea
via IV Novembre 149, Roma
conferenza stampa “Smart Tourism Guide. La prima app gratuita in alta comprensibilità per visitare le principali città europee”.

Da diversi anni l’AIPD si occupa di scrittura ad alta comprensibilità e dal 2002 di progetti europei per promuovere esperienze all’estero di giovani con sindrome di Down nell’ambito della formazione al lavoro e del turismo sostenibile.

Due progetti europei (Smart Tourism e Turisti non per Caso) coordinati da AIPD cui hanno partecipato complessivamente 7 organizzazioni di rispettivi Paesi europei negli ultimi quattro anni, hanno permesso la stesura di sette guide turistiche in alta comprensibilità di altrettante città europee (Roma Venezia, Dublino, Lisbona, Praga, Budapest e La Valletta). Le redazioni delle Guide erano composte da giovani con sindrome di Down che hanno concordato con le redazioni estere la struttura delle guide e hanno poi testato le guide dei partner visitando le loro città.

Il 27 maggio verrà presentata la guida della città di Venezia, l’ultima redatta nell’ambito del progetto “Turisti non Per Caso”. Nel corso dell’evento sarà mostrato anche il nuovo sito web www.smartourismguide.com dove sono scaricabili gratuitamente le sette guide in pdf e la nuova app smartourism (per iOS e Android) che permetterà di consultare la guida su smartphone e tablet.
Sito e app saranno multilingua permettendo di fruire di ogni guida come minimo in inglese e nella lingua della città coinvolta.
Tra i relatori i redattori della guida, il Presidente FISH Vincenzo Falabella e l’architetto Giulia Ceriani Sebregondi,funzionario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.

La diffusione gratuita online e su app della guida redatta in linguaggio ad alta comprensibilità la rende fruibile da parte di un numero elevato (decine di migliaia) di giovani di lingua italiana, inglese, ungherese, maltese e ceca con disabilità intellettiva o con altri svantaggi – come ad esempio difficoltà linguistiche e culturali – cui viene dunque dato modo di viaggiare in forma molto più attiva e partecipativa.

Il progetto Turisti non per Caso ha offerto ai partecipanti anche un modello di lavoro per giovani con disabilità intellettiva riproponibile anche in altri contesti territoriali e culturali. Al centro di tale modello è il protagonismo di persone troppo spesso considerate solo come passive fruitrici di assistenza e invece coinvolte qui in prima persona. I giovani che hanno lavorato nel progetto hanno viaggiato, visitato alcune delle capitali europee e instaurato relazioni con cittadini stranieri, ma soprattutto si sono impegnati in un progetto di lavoro dove hanno dovuto fare delle scelte e lavorare alla costruzione di un prodotto che sarebbe stato utilizzato da altri.

Tutto ciò si è tradotto in un’acquisizione di autostima e di maggior sicurezza nelle proprie possibilità, sia in senso generale, con riflessi positivi nella vita di tutti i giorni, sia con riferimento specifico alla capacità di viaggiare e visitare nuovi luoghi in maniera più autonoma, concretizzandosi in una spinta a ripetere esperienze in tal senso.

Le persone con disabilità rappresentano NUOVI TURISTI cui le politiche giovanili dovranno rivolgersi nei prossimi anni con maggiore attenzione. Ed è da loro che viene oggi uno strumento utile per tutti: per chi avrà poco tempo per visitare una città, per chi ha una scarsa conoscenza della lingua, per i bambini, per persone con difficoltà intellettive.

Elezioni europee 2014

Nell’Unione Europea le persone con disabilità sono 80 milioni, rappresentano cioè il 16% della popolazione. Una famiglia su quattro ha al suo interno una persona con disabilità.
La campagna per le elezioni europee rappresenta un’opportunità unica per i candidati al Parlamento Europeo di assumere impegni stringenti di cambiamento al fine di garantire ai cittadini europei con disabilità il pieno godimento dei diritti civili, politici, sociali, economici e culturali.
L’European Disability Forum (cui AIPD aderisce attraverso EDSA) fa appello ai candidati al Parlamento europeo e ai partiti politici perché inseriscano nei programmi elettorali per le elezioni europee 2014 sei priorità, contenute in un manifesto pubblicato online.

Le priorità sono:
1. La promozione di una concezione inclusiva, sostenibile e democratica dell’Europa.
2. La riforma delle politiche economiche e sociali europee per garantire la protezione e il godimento dei diritti umani degli europei con disabilità.
3. L’accessibilità di beni e servizi per tutti.
4. L’adozione della proposta di Direttiva generale contro la discriminazione delle persone con disabilità in ogni ambito di vita.
5. La ratifica immediata da parte dell’Unione Europea e di tutti gli Stati membri del Protocollo Opzionale della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. La ratifica del Protocollo Opzionale prevede procedure importanti per rafforzare la Convenzione.
6. La strutturazione nelle istituzioni europee di meccanismi per garantire ovunque in Europa la conformità alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità nonché il coinvolgimento delle persone con disabilità.

QUI è possibile leggere e scaricare il Manifesto EDF in italiano:
EDF-Manifesto-priorita-elezioni-EU2014

AIPD vince il Gran Prix Campagne Sociali 2014

Come ricorderete qualche giorno fa su questo sito abbiamo pubblicato la notizia della partecipazione dell’AIPD al 1° Festival della Pubblicità Corretta.
L’evento si è svolto a Torino e per l’associazione ha partecipato Monica Berarducci, responsabile dell’Osservatorio AIPD sul mondo del lavoro che nel suo intervento ha presentato lo spot “Assumiamoli!”.

Con molto piacere oggi vi comunichiamo che “Assumiamoli” è stato premiato dal festival con la motivazione “Per aver lavorato in modo brillante sulla percezione dello spettatore e aver lanciato in modo diretto e concreto un messaggio che va nella direzione della reale integrazione”. Per l’AIPD ha ritirato il premio Carlo Tiano.
assumiamoli-premio-grand-prix-2014

Ricordiamo che lo spot è stato realizzato nel 2009 dall’AIPD insieme alla agenzia “Saatchi&Saatchi” e alla casa di produzione The family per sollecitare l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema dell’inserimento al lavoro delle persone con sindrome di Down.

“Assumiamoli” è già stato premiato nel passato con la Stella al Merito Sociale per il 4º International Commitment Awards 2012.

AIPD interviene al convegno “L’immagine della disabilità nei media”, a Pescara

Sabato 17 maggio a Pescara si terrà il convegno “L’immagine della disabilità nei media” organizzato dalla Sezione UILDM “Federico Milcovich“ di Pescara – Chieti e dal Centro Regionale per le Malattie Neuromuscolari.
Durante il convegno si discuterà di come i media trattano il tema della disabilità. AIPD interverrà con il video-intervento “Come dire, come non dire. Le parole educano la società” curato da Anna Contardi, coordinatrice nazionale e Marta Rovagna, responsabile dell’Ufficio stampa AIPD.
Il video sarà visibile sul canale You Tube “AIPD Nazionale

Durante i lavori sono previste le premiazioni del Concorso Fotografico e del Concorso Giornalistico “L’Immagine della disabilità nei media”.

AIPD interviene al convegno “Sfida Lavoro” a Norimberga

Sabato 17 maggio 2014, AIPD porterà l’esperienza italiana degli inserimenti al lavoro delle persone con sindrome di Down al convegno “Heraus Forderung Arbeit” (“Sfida Lavoro”) che si terrà a Norimberga. L’evento è organizzato dalla associazione tedesca “Down-syndrom Infocenter”.

Anna Contardi interverrà con la relazione “Lavoratori con sindrome di Down, l’esperienza italiana. Si può fare”.

Stage al Quirinale

Proseguono le attività in collaborazione con la Presidenza della Repubblica.
Questa settimana lo stage presso le Cucine del Quirinale vede impegnati due ragazzi con sindrome  di Down della AIPD di Lecce. Con loro una operatrice della Sezione.

All’estero per lavorare

Progetto finanziato dalla Commissione Europea, nell’ambito del programma per l’Educazione permanente(LLP) – asse Leonardo da Vinci, Mobilità IVT. Il progetto si è avviato ad ottobre 2013 e si è concluso a settembre 2014.
Si propone lo svolgimento di un’esperienza di lavoro all’estero nel settore alberghiero a giovani con sindrome di Down in transizione tra la scuola ed il mondo del lavoro, accompagnati da educatori AIPD.
Dal 17 novembre all’8 dicembre 2013 è partito il primo gruppo con due ragazzi provenienti dalla Sezione AIPD di Arezzo, dal 16 marzo al 6 aprile 2014 è partito il secondo gruppo con quattro ragazzi provenienti dalle sezioni AIPD di Cosenza e Potenza che hanno svolto un tirocinio lavorativo, della durata di tre settimane a Barcellona, in Spagna, presso l’Inout Alberg dell’Associazione Icària Iniciatives Socials.
Il 12 maggio 2014 è partito il terzo gruppo con quattro ragazzi provenienti dalle Sezioni AIPD di Mantova e Campobasso, anche la loro esperienza ha avuto la durata di tre settimane e si è concluso l’1 giugno 2014.

All’estero per lavorare

Proseguono le attività del progetto europeo “All’estero per lavorare“, avviato da AIPD lo scorso ottobre.
Ieri, lunedì 12 maggio 2014, due ragazzi dell’AIPD di Campobasso e due ragazzi dell’AIPD di Mantova si sono imbarcati alla volta di Barcellona e hanno iniziato uno stage presso l’albergo In&Out dell’Associazione Icària Iniciatives Socials.
L’esperienza proseguirà per le prossime tre settimane e il gruppo rientrerà in Italia il 1° giugno.
Con i ragazzi sono partiti due operatori delle rispettive Sezioni.
L’AIPD di Mantova sta pubblicando sulla sua pagina Facebook le foto che testimoniano l’esperienza.

Il gruppo segue i due precedenti: nel mese di novembre/dicembre 2013 si sono recati a Barcellona due ragazzi della Sezione AIPD di Arezzo, a marzo/aprile 2014 è stata la volta dei ragazzi delle Sezioni AIPD di Cosenza e Potenza.

Secondo Campus per famiglie AIPD

Come sapete quest’anno sarà riproposto il Campus per famiglie socie AIPD, cui si sono già iscritte 14 famiglie.
Sono ancora disponibili pochi posti, chi fosse interessato può collegarsi alla pagina dedicata per scaricare il modulo per l’iscrizione e trovare tutte le informazioni utili.

Per informazioni: allena-menti@aipd.it – 06/3723909

Articolo tr3. Comunicare la parità

AIPD prosegue la sua azione di sensibilizzazione intorno all’inserimento al lavoro delle persone con sindrome di Down.

Dopo la campagna #downlavoro che si è conclusa con la giornata del primo maggio e che ha visto il lancio dei video “Voglio che il primo maggio sia anche la mia festa” con protagonisti i ragazzi della docu-fiction “Hotel 6 stelle” e due imprenditori, AIPD rilancia un altro video “istituzionale” incentrato sul tema del lavoro: “Assumiamoli!
Il video, realizzato nel 2009 da AIPD insieme alla agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi, alla casa di produzione The Family, al Gambero Rosso – Città del gusto e alla Medusa Film e Opus Proclama, continua ad essere un punto di riferimento nella comunicazione AIPD sul lavoro.

Martedì 6 maggio”Assumiamoli!” sarà presentato nel corso di un incontro previsto nell’ambito del 1° Festival della pubblicità corretta, in programma in questi giorni a Torino, dove parteciperà Monica Berarducci, responsabile dell’Osservatorio AIPD sul mondo del lavoro.

Hotel 6 stelle, avviato il primo inserimento al lavoro

Si chiama Agnese Bucciarelli, è una ragazza con sindrome Down della Sezione AIPD di Roma e ieri, lunedì 28 aprile 2014, ha iniziato il suo tirocinio finalizzato all’assunzione presso un “Burger King” a Roma.

E’ il primo risultato concreto realizzato grazie alla campagna di sensibilizzazione nata dal programma televisivo “Hotel 6 stelle”.
Sono circa 40 le aziende che hanno contattato l‘Osservatorio sul mondo del lavoro dell’Associazione Italiana Persone Down, e presto inizieranno altri tirocini finalizzati all’assunzione.

Prosegue intanto in questi giorni la campagna AIPD #downlavoro: dal 24 aprile ogni giorno è pubblicata online una clip con l’appello dei protagonisti della docu-fiction “Hotel 6 stelle” (ha cominciato Martina, poi Edoardo, Benedetta, Emanuele… e ci sono anche due imprenditori (MacDonald’s e Bulgari) che hanno assunto persone con sindrome di Down e raccontano la loro esperienza. Fino al Primo maggio, festa dei lavoratori, le altre clip in arrivo con Livia, Nicolas  e tutti i ragazzi insieme!